Cerca per genere
Attori/registi più presenti

I BASSIFONDI DI SAN FRANCISCO

All'interno del forum, per questo film:
I bassifondi di San Francisco
Titolo originale:Knock on any door
Dati:Anno: 1949Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Nicholas Ray
Cast:Humphrey Bogart, John Derek, George Macready, Allene Roberts, Susan Perry (Candy Toxton), Mickey Knox, Barry Kelley
Visite:393
Il film ricorda:Il verdetto (a Tarabas)
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/1/09 DAL BENEMERITO TARABAS

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 13/11/09 23:21 - 7038 commenti

Ottimo incrocio tra dramma giudiziario e noir. Ray costruisce un film di grande tensione che avvolge gradualmente lo spettatore nelle sue spire per non abbandonarlo più se non al termine della pellicola. L'arringa finale può sembrare troppo retorica e qualunquista per il pubblico contemporaneo, ma le considerazioni fatte da Bogart non sono affatto banali se contestualizzate nel periodo. L'inquadratura con cui Ray riprende Mister Morton alla lettura del verdetto è davvero da antologia.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Tarabas 30/1/09 17:00 - 1620 commenti

Un ragazzo dei bassifondi viene accusato di un omicidio. Un avvocato di successo, originario dello stesso quartiere, accetta di difenderlo per dimostrare che le origini dell'imputato non possono bastare a condannarlo. Ray, regista sempre interessato ai temi sociali, dirige un classico del cinema del periodo Rooseveltiano del New deal, con Bogart avvocato progressista che pronuncia una grande arringa finale, con un'espressione dolente che rimane nella memoria. Cinema di impegno civile, da riscoprire.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'arringa finale dell'avv. Morton (Bogart), destinata al pubblico e a tutta l'America del suo tempo e, idealmente, a tutti noi.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Daniela 1/5/17 23:27 - 8135 commenti

Quando un giovane italo-americano viene arrestato per omicidio, un avvocato, dopo essersi convinto della sua innocenza, si batte per farlo assolvere... Solido legal thriller che, dopo aver tenuto desto l'interesse grazie alla sceneggiatura ben articolata, colpisce nel finale con un ribaltamento della prospettiva di grande impatto, fino alla dolente arringa del grande Bogart,: pochi indimenticabili minuti di denuncia delle conseguenze dell'emarginazione sociale. Nel resto del cast, buon esordio di Derek, mentre Macready è come al solito assai bravo nel farsi detestare.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Saintgifts 1/12/11 0:12 - 4099 commenti

La prima interpretazione del film è la condanna di una società che produce anche individui che per le loro origini sono tenuti ai margini consegnando così mano d'opera alla criminalità (e, come in questo caso, condannati ingiustamente e definitivamente, alla prima occasione). Ma viene evidenziato anche come, ed è il caso di Nick (un esordiente John Derek), avendo l'occasione di riscattarsi (una donna che lo ama, un lavoro e un figlio in arrivo), il giovane possa ricadere nell'errore distruggendosi la vita. Nella versione originale la madre di Nick parla italiano con l'accento siciliano all'avvocato (Humphrey Bogart) e viene tradotta dai figli.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)