Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA GRANDE SCROFA NERA

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/1/09 DAL BENEMERITO RENATO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Un film straordinario, quasi perfetto! a detta di:
    Fauno
  • Davvero notevole! a detta di:
    Ciavazzaro
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Undying
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Vitgar
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c'è a detta di:
    Renato


ORDINA COMMENTI PER:

Undying 13/9/09 14:02 - 3875 commenti

Patriarca intollerante, nonché arrogante, domina in famiglia al seguito dei figli (mal)educati alla legge della sopraffazione femminile. Solo Enrico (Mark Frechette) si distingue dai fratelli, ma quando porta in casa una elegante ragazza di città... Esordio alla regia per Filippo Ottoni, autore della sceneggiatura di Reazione a catena. Il film, ben diretto e interpretato, può vantare anche una colonna sonora curata da Bacalov. Purtroppo al botteghino si rivelò un clamoroso insuccesso, principalmente a causa del pessimismo pregnante e del cupo senso di tragedia che culmina nel massacro finale.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Renato 7/1/09 17:20 - 1495 commenti

Pesante drammone familiare a sfondo rurale tutto narrato in flashback. Si vorrebbe sfatare il mito del buon contadino, mostrando la grettezza morale e la cattiveria di chi vive la dura vita della campagne, ma il risultato è un film ovvio e noioso, se non addirittura indigesto. Salvo forse il personaggio della nonnina dinamitarda, e le belle musiche di Luis Bacalov.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Ciavazzaro 20/5/17 0:40 - 4722 commenti

Notevole. Cupo dramma familiare, molto accurato nella rappresentazione psicologica dei personaggi in un soffocante ambiente rurale, che nonostante gli ampi spazi aperti di molte scenografie risulta più soffocante di una stanza chiusa. La disgregazione della famiglia e la sua perversione dietro un finto moralismo di facciata esplodono in un finale crudo e liberatorio. La Rassimov perfetta vittima, efficaci i trucidi Saint-John e Volontè, ottimo Cuny padre-famiglia; le migliori sono la nonna Robson e Michelangeli sorella perversa. Ottimo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Robson dà la sua definizione di famiglia: "La famiglia come tutte le associazioni a delinquere diffida degli estranei".
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Fauno 30/3/12 11:42 - 1809 commenti

Altro film da Olimpo. Sempre ottimo Cuny, ma adorabile la nonna Flora con la sua saggezza da sociologa, che vede a fondo i concetti e le contraddizioni dell'animo umano. Alla fine è lei il vero motore di un film paradossalmente ottimista (in quanto si dimostra che i bassi istinti non potranno mai trionfare sulla ragione). Come opera l'ho sentita per via di certi parallelismi in alcune mie scelte di vita... le conseguenze non sono più così estreme, ma ignoranza, malvagità, malfidenza cammuffate con abiti di unione e rispettabilità ci sono ancora.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La pia illusione del medico che la tecnologia privilegi l'uso della ragione (fino al 2000 lo credevo anch'io...).
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Vitgar 3/5/17 15:35 - 586 commenti

Poco convincente. Una trama spesso forzata e ridondante. La famiglia di Enrico più che patriarcale e gretta sembra un gruppo di psicopatici senza speranza. Anche la nonna sembra più un'interprete del coro Omerico che non la voce del buon senso e della giusta tolleranza. Buone comunque la fotografia, le ambientazioni e le interpretazioni del cast.
I gusti di Vitgar (Commedia - Thriller - Western)