Cerca per genere
Attori/registi più presenti

DELITTO AL CIRCOLO DEL TENNIS

All'interno del forum, per questo film:
Delitto al circolo del tennis
Dati:Anno: 1969Genere: drammatico (colore)
Regia:Franco Rossetti
Cast:Anna Gaël, Roberto Bisacco, Angela McDonald, Chris Avram, Mario Guizzardi, Claudio Trionfi, Adalberto Rossetti, Mato Grkovic, Branko Spoljar, Gregorin Yoza
Note:Basato (alla lontana) sul racconto omonimo di Alberto Moravia
Visite:1464
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 11
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/1/09 DAL BENEMERITO IL GOBBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Il Gobbo 5/1/09 23:10 - 3011 commenti

La figlia di un pezzo grosso dell'establishment, il di lei ganzo e la di lui ganza architettano un piano per rovinarlo, in quanto Simbolo del Sistema. Ma... Velleitario e pretenzioso come i tre giovanotti (Bisacco e due bellissime), è un altro meteorite del cinema contestatario, di cui condivide la struttura di thriller erotico, il dècor pop (nella prima parte), il ritmo blando e le inquadrature "artistiche". Bella fotografia di Storaro, atroci musichette folk-rock. Malgrado l'aura leggendaria dovuta alla scarsa visibilità, un filo noiosetto.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Homesick 14/1/11 11:05 - 5737 commenti

In prima battuta si teme di assistere alla solita pellicola sulla contestazione giovanile imbevuta di suggestioni pop; invece, cammin facendo si viene conquistati da qualcosa di decisamente più originale, percependo i ripensamenti e i sensi di colpa che assalgono il ricattatore nei confronti della sua ignara vittima e assistendo alla virata psicanalitica che avvolge il lirico excipit. Anche la tecnica si attesta su soddisfacenti livelli, per merito della fotografia di Storaro e della suadente colonna sonora. Attori misurati e corretti.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 22/3/15 10:54 - 7084 commenti

Più interessante nelle intenzioni che nei risultati questa pellicola post sessantottina che con una sceneggiatura migliore avrebbe potuto essere ben altra cosa. Sì, poiché oltre ad essere datato (ma questo ci può stare visto il quasi mezzo secolo di distanza da noi) è anche molto lento. Ma soprattutto non convincono i troppi dialoghi e le scelte dei personaggi che alla fin fine risultano banali e ben poco rivoluzionarie. Su tutto si veda la motivazione finale che spinge la protagonista ad organizzare la macchinazione. Pregevole fotografia di un giovane Storaro. In ogni caso non male.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Ciavazzaro 23/7/10 20:53 - 4729 commenti

Interessante dramma-thriller con risvolti edipici. Il bravo Chris Avram è un buon protagonista, bella e convincente la McDonald, spintarello per l'epoca. Il complotto dei tre giovani "eversivi" si fa seguire con piacere e si riesce a cogliere la disperazione del buon Avram sempre di più nel corso del film, fino al morboso finale. Merita la visione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il vetro nella scena finale.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Markus 3/8/15 9:30 - 2957 commenti

Melodramma inchiodato al tempo dell'uscita, con tutti i pregi (ambienti psichedelici, musiche) e tutti i difetti (tempi morti, scene d'amore un po' stucchevoli); il film di Rossetti incarna certi umori del periodo, ma lo fa adottando una formula di narrazione tediosa che, con gli occhi di oggi (e forse anche quelli di allora), smorza qualsiasi buon intento di godimento dell’opera. Discreta l’interpretazione degli attori, così come la fotografia.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Trivex 5/6/15 9:54 - 1422 commenti

Un concentrato di "68 e post" che evidenzia anche i limiti e le contraddizioni della "rivoluzione" dei giovani rampolli, figlie annoiate di uomini potenti o "signorini" eleganti che si dilettano in propositi "antisociali" nelle pause dall'insegnamento del tennis. Poi resta l'umanità che alla fine, almeno qui, compare e contrasta l'inutile rancore, alla fine indirizzato solo verso il nulla. Ottima interpretazione di Chris Avram e bravi anche gli altri, per un film a tratti morboso e provocatorio, spesso lento e faticoso ma comunque figlio del suo tempo.
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Lucius  13/9/14 11:00 - 2756 commenti

Ricercatissima, stilisticamente parlando, caratterizzata da uno stile che denota un forte stampo autoriale, la pellicola di Rossetti presenta al suo interno scene erotiche di grande naturalezza e una trama incentrata su forti motivazioni. Il racconto di Moravia viene tradotto in immagini con grande gusto visivo, movimenti di macchina studiati e il meglio delle musiche pop dell'epoca. Non di facilissima fruizione (il film non richiede distrazioni) ma di grande fascino anche per il sottotesto libertino.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Giùan 15/12/13 8:03 - 2667 commenti

Oggetto filmico difficilmente identificabile, deve la sua “aureola” cult sia alla peculiare cura tecnica, incardinata sulla carezzevole fotografia di Storaro e sulle sonorità psichedeliche dello score, sia al modo in cui Rossetti, pur senza guidarlo con la necessaria “autorevolezza”, conduce lentamente (spesso pigramente) il film dallo sterile piano politico al più pregnante sottotesto melò/incestuoso, sciogliendolo in un finale ad alto tasso emotivo Moraviano nel mood pur tradendone il dettato, subliminalmente anticipa atmosfere di Buongiorno notte.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Nota di merito per un credibilissimo Avram e per le due splendide cavallone col volto d’angelo: McDonald e Anna Gael; Le mani sul vetro.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Myvincent 11/6/19 8:45 - 2336 commenti

Il titolo è fuorviante poiché trattasi di un dramma nervoso, complicato, come solo Moravia poteva concepire. Un uomo di mezza età è al centro di un complotto di cui a un certo punto si indovinano le motivazioni. Morboso, ma anche soprattutto coraggioso per quei tempi in Italia (anche se il '68 è passato da un anno), il film naufraga nella solita noia intellettualistica, rivelando un vantaggio inaspettato: preparare al sonno della notte in maniera indolore.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Fauno 4/8/10 11:12 - 1830 commenti

Come film è lentissimo, ma la lentezza è giustificata da un bersaglio o da una vittima che si spegne inesorabilmente. Disarmante la sua buona fede e la sua bontà d'animo, ma ancora di più l'aspetto angelico dei suoi carnefici e le loro idee ben congegnate su come distruggerlo e alzare il tiro con la contestazione. Se aggiungiamo la paesaggistica eccellente, un motivo di sottofondo che ci sta al bacio, questa bellezza sofferente di tutti e quattro i protagonisti e questa angoscia ottimamente trasmessa, non possiamo che dargli un voto altissimo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena del guardone se viene colta è eccellente; la scena d'amore fra Avram e la Gael all'inizio.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Il Dandi 3/8/19 18:18 - 1604 commenti

Dramma interessante ma non coinvolgente, scabroso ma casto, modernista ma impietosamente invecchiato. L'intro coi tre giovani "dreamers" che ordiscono il complotto ai danni dell'industriale corrotto e playboy lascia ben sperare; ma poi dopo averla tirata tanto a lungo con le chiacchiere anti-capitaliste non è una gran sorpresa scoprire le motivazioni più edipiche del ricatto. Peccato perché le facce sono tutte giuste e c'è una certa cura formale (scenografie pop, musiche folk-rock), con la fotografia di Storaro che meriterebbe un'edizione degna.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Dici che andrà bene?".
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)