Cerca per genere
Attori/registi più presenti

SCUOLA DI ZOMBI

All'interno del forum, per questo film:
Scuola di zombi
Titolo originale:Zombie High
Dati:Anno: 1987Genere: horror (colore)
Regia:Ron Link
Cast:Virginia Madsen, Paul Feig, Sherilyn Fenn, Clare Carey, Scott Coffey, Richard Cox, Kay E. Kuter, Paul Williams, Henry Sutton, Walter Addison, Christopher Peters, Christopher Crews, James Wilder, John Sack, Susan Barnes
Note:E non "Scuola di zombie". Aka: "Liceum Zombie"; "The School That Ate My Brain". Disponibile in VHS (label Videogram).
Visite:387
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/12/08 DAL DAVINOTTI
Titolo e grafica in locandina farebbero pensare a una mezza parodia, magari a una teen.comedy horror stile VOGLIA DI VINCERE con studenti zombi che saltan fuori a divorarsi i compagni di classe, ma non è affatto così! Il film che abbiamo di fronte è semplicemente una versione collegiale (quindi circoscritta) de L'INVASIONE DEGLI ULTRACORPI: al di là di un paio di maldestre trasformazioni nel finale, gli zombi sono semplicemente studenti dall'aria assente, lobotomizzati da un'operazione che il gruppo dirigente della scuola opera su di loro per poter riparare al prosciugamento di sangue e di una parte del loro cervello, utili a trasformare insegnanti e presidi in veri e proprio highlander. I non morti, insomma, non sono affatto gli studenti ma chi sta loro sopra, una setta di pseudovampiri che acquisisce l'immortalità attraverso quanto detto. E tutto andrebbe per il verso giusto (nonostante risulti un po' difficile pensare a genitori cui vengono riconsegnati a fine studi dei figli rimbecilliti, per quanto – sembra – più bravi a trovarsi un lavoro) se non fosse che un giorno al college arriva l'eroina di turno: è la bionda Andrea (Virginia Madsen), la quale da subito capisce che qualcosa non gira, lì a scuola: troppa gente rintronata, che prima di risponderti ti guarda due minuti con l'occhio perso nel vuoto... E così comincia a osservare, mentre uno dei “vampiri” (Richard Cox) subito ci prova. Non si capisce se lei non ci sta perché ha il ragazzo lontano o solo perché insomma, andiamoci piano con ste mani... è la prima volta che stiamo da soli e già... Le compagne intanto, soprattutto un'assai attraente Sheryl Fenn pre-TWIN PEAKS, pare pensino esclusivamente alla ginnastica tra sessi (solo a parole però, a mostrarsi nude non ci pensano purtroppo) e l'atmosfera si fa pesante. Un tipico teen-movie eighties (l'abbigliamento e il look non lasciano dubbi) con qualche spruzzata fantahorror, recitato discretamente ma scritto proprio male. Personaggi insulsi, fotografia scadente, tensione ai minimi storici, effetti speciali latitanti, sangue assente: il panorama non è dei migliori, e se consideriamo che siamo lontanissimi anche da quella brillantezza che in questi casi salva film simili trasformandoli in commedie a tratti quasi spiritose, possiamo pur dire che da salvare c'è proprio poco. Diciamo un po' di ritmo nella regia di Ron Link e lo sforzo di dare una spiegazione completa alla situazione in atto.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Rufus68 8/5/17 21:34 - 2488 commenti

L'idea alla base (i bianchi WASP come sentina di tutti i vizi americani, dalla ingordigia vampirica alla idiozia da zombi capitalisti) è stitica e già gustata, sino alla sazietà, in decine di altri film. Il regista applica a questo esile canovaccio l'arte del nulla; e infatti nulla accade (e ciò che accade sarebbe bene che non fosse mai accaduto). Carina e insulsa (come tutto e tutti) la protagonista.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Minitina80 5/7/17 11:57 - 1952 commenti

Più che un horror è una commedia per adolescenti. Non c’è praticamente nulla che possa lasciar credere il contrario, nemmeno l’epilogo che scorre via senza coinvolgere un misero secondo. La sensazione che si ha al termine della visione è di manifesta inutilità e non si fatica a comprenderne il motivo. Il fallimento è pressoché generalizzato, dalla trama ridicola e di poco conto alle battute irrisorie passando per una recitazione mediocre. Si può evitare senza paura di aver perso qualcosa di valido.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Pumpkh75 12/3/18 13:39 - 1165 commenti

Una sottomarca degli ultracorpi, di qualità pessima, da rifiutare completamente per quanto inganni il genere e per l’enorme monotonia di contenuti alla quale sottopone lo spettatore. Le prove discrete della Madsen e di Kay E. Kuter non riescono neanche a procacciare mezzo pallino in più, gli effetti speciali del finale (prima non ce ne sono...) sono esercizio da dilettanti. Per una volta i titolisti italiani si allineano nella frode a quelli americani: di zombi non c’è traccia. Pari a zero.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)