Cerca per genere
Attori/registi più presenti

MACISTE, L'UOMO PIù FORTE DEL MONDO

All'interno del forum, per questo film:
Maciste, l'uomo più forte del mondo
Dati:Anno: 1961Genere: peplum (colore)
Regia:Antonio Leonviola
Cast:Mark Forest, Moira Orfei, Paul Wynter, Raffaella Carrà, Enrico Glori, Roberto Miali, Nando Tamberlani, Carla Foscari, Rosalia Gavo
Visite:311
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/12/08 DAL BENEMERITO ENRICOTTTA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Enricottta
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Homesick


ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 7/1/15 16:40 - 5737 commenti

Per quanto riguarda le imponenti scenografie e la costruzione della città meccanicistica (il torchio-dinamo per estrarre i diamanti), Leonviola non ha badato a spese; la sceneggiatura è invece alquanto scarna e ripetitiva nelle situazioni, con una serie infinita di prove di forza e supplizi cui è costretto l'eroe per liberare schiavi e prigionieri. Nel cast, in cui riconosciamo una giovanissima Raffaella Carrà, si fa notare Moira Orfei, regina malvagia ma triste che si riserva un epilogo da tragedia greca.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli Uomini-Talpa che si polverizzano a contatto della luce del sole; La lotta tra maciste e "Il sacrificatore", cioè una sorta di scimmione. .
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Enricottta 28/11/09 15:33 - 507 commenti

Copia giunta a me dopo varie vicissitudini, mi svela intanto che il titolo del film sarebbe dovuto essere "Maciste contro il regno degli uomini talpa". La protagonista, con mia sorpresa, è Moira Orfei, già vista in altri peplum. Forest è legnoso: viso non cinematografico, secondo me. La storia è bizzarra a cominciare dai nomi pittoreschi degli abitanti del sottosuolo, si dipana attraverso alcuni tentativi (non del tutto vani) di creare un film molto ritmato. Location molto belle, Garko e Carrà indecenti come i costumi da mammuttones degli uomini talpa.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Garko, più morto che vivo, in attesa di una pratica di magia che lo salvi: "Non speravo in tanta fortuna...".
I gusti di Enricottta (Erotico - Giallo - Musicale)