Cerca per genere
Attori/registi più presenti

CI HAI ROTTO PAPà

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 12
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/12/08 DAL BENEMERITO CANGACEIRO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 31/8/18
L'ultimo film della premiata ditta Castellano & Pipolo è il primo di Elio Germano, che nella parte di uno degli "Intoccabili" (così si autodefiniscono i sei ragazzini protagonisti dopo aver sovrapposto le loro fotografie ai volti di Costner e compagni sul manifesto del film di De Palma) è già riconoscibile, occhiali compresi. Ha dodici anni, viene da Milano (siamo a Roma) e assieme al suo fratellino minore (membro aggiunto ai sei) ci fa seguire le prove d'iniziazione necessarie per accedere al gruppo. Le supera brillantemente e diventa uno degli Intoccabili, forniti pure di una loro odiosissima canzone da intonare insieme quando sono in bici (la seconda parte del brano, dedicata alla cacca, è rivoltante). Lasciare tutta la scena a sei bimbetti è un azzardo da permettersi solo se si ha in mano una sceneggiatura di ferro, ma farlo puntando solo a gag vetuste e a scherzi che rischiano di irritare e basta significa alienarsi completamente il pubblico che non abbia l'età dei sei. E l'aver girato pure una long version televisiva di oltre due ore e mezza significa non avere il senso della misura, perché davvero non si capisce cosa salvare, in un film così. Forse la volonterosa presenza di tanti gloriosi caratteristi del nostro cinema, da Franco Diogene cui i nostri tirano continuamente il pallone contro la finestra ad Antonio Allocca portiere dello stabile e padre di uno dei sei (Pantaleo), da Isaac George cameriere in casa del ragazzino di colore fino a Pippo Santonastaso prete sordo che anima forse i rari momenti accettabili grazie alla sua simpatia. C'è anche Enzo Andronico calzolaio con scimmia senziente a carico da vendere a un istituto di ricerche mandando in bestia gli Intoccabili che le si erano affezionati. La primissima parte mostra già la scarsa capacità di ironizzare sull'educazione d'altri tempi (roba da tornare forzatamente indietro di sessant’anni per capire certe usanze fino in fondo) e anticipa un lavoro assai deludente sul copione, che non ci rende mai veramente partecipi delle vicende dei sei. Gli scherzi in un paio di casi potrebbero anche funzionare, ma in bocca a ragazzini con inevitabili deficienze recitative (lo stesso Germano non brilla di certo) suonano sempre fasulli, esagerati, legati alle reazioni eccessive di chi si limita a sforzarsi di ridere più sonoramente che può. Siamo insomma lontanissimi dagli esperimenti kinghiani di STAND BY ME e le situazioni che questi Intoccabili si trovano a dover fronteggiare (singolarmente o in gruppo) fan venir voglia di cambiar canale. Qualche marachella e una valanga di buoni sentimenti pronti a sommergere tutto e tutti appena si presenta l'occasione, con finale all'ospedale per un dramma improvviso, ultimo fallito tentativo di dare un minimo di spessore al tutto. Come concezione pare un film Anni Trenta alla PICCOLE CANAGLIE, da quanto anacronistica e improponibile ai giorni nostri suoni la scelta di certe gag. Germano non ha più spazio degli altri.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 13/7/09 13:13 - 10827 commenti

Esordio (o quasi) cinematografico per Elio Germano in questa commedia francamente improponbile appartenente alla fase discendente della commercialmente fortunata carriera del celebre duo Castellano & Pipolo. Battutacce e situazioni che vorrebbero essere comiche ma che purtroppo risultano essere solo patetiche. Non si salva quasi nulla, giusto qualche caratterista...
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Cotola 8/7/09 10:52 - 6876 commenti

Terribile film firmato dal duo Castellano e Pipolo in cui si è costretti ad assistere per circa 100 minuti alle beffe organizzate da ragazzini pestiferi e del tutto antipatici ai danni degli adulti. La pochezza dell'insieme è desolante e sconsolante la comicità, assai volgare. Da segnalare comunque la presenza di un giovanissimo Elio Germano, all'epoca sconosciuto.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Cangaceiro 5/12/08 21:02 - 982 commenti

Dopo aver dato tanto al nostro cinema, Castellano e Pipolo arrivarono totalmente decotti agli anni 90 da creare pessimi film come questo o Panarea. Il drappello di piccole pesti (c'è pure Spillo del telefono azzurro) che prende di mira i cattivoni adulti non diverte neanche un po', ed anzi risulta volgare e irritante. La presenza di validi caratteristi (Allocca, Diogene ecc.) non risolleva il basso livello della pellicola, che per la cronaca è la prima di Elio Germano, anche se non fa testo nella sua filmografia.
I gusti di Cangaceiro (Commedia - Gangster - Western)

Redeyes 17/2/13 12:34 - 2002 commenti

Un manipolo di ragazzini con facce da schiaffi, per timore di visite del telefono azzurro scorrazza per un'ora e mezza sul set. Un Germano protagonista che con voce fuori campo cerca di decantare le performance del gruppo. Uno Stand by me alla italiana, con non un solo morto ma più di uno, noi. Su tutti eleggo ad antipatico par eccellenza Pantaleo. Insostenibile.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Fabbiu 1/3/09 15:27 - 1874 commenti

Bravi caratteristi da Allocca a Diogene e Isaac George e naturalmente Spillo. Ma anche personaggi caratterizzati come nei peggiori film di Pierino (vedi mano di Legno e il siciliano geloso). Sceneggiatura lacunosissima, con battute a vuoto e superficialità d'ogni tipo, ma essendo commedia italiana dei tempi (quella meno elaborata e più popolare possibile) nell'esser conformata all'intrattenimento dei piccoli funzionò tantissimo: il giorno dopo la messa in onda in tv eravamo tutte bande con nomi in codice e cantavamo "noi siamo gli intoccabili".
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Belfagor 16/2/13 15:05 - 2584 commenti

Gli scherzi di un gruppo di piccole pesti di Roma sono la base di questa commediaccia che segna il declino definitivo del duo Castellano e Pipolo. Il contributo di alcuni validi attori (Diogene, Allocca e, sul versante giovanile, Pantaleo e l'esordiente Germano) non basta a far dimenticare la volgarità delle situazioni e la trama banale. Puerile e noioso, si ricorda soprattutto per il motivetto "Noi siamo gli intoccabili" cantato dai protagonisti.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Panza   12/3/19 19:59 - 1384 commenti

Una sequela di scherzi, con qualche abbozzo di trama a tenerli insieme, che vanno dall'infantile al sadico, ordita da una banda di odiosi bambini, che peraltro raramente troveranno una punizione per le loro malefatte. Il tono sguaiato, becero e volgare dell'insieme impedisce ogni possibilità di risata o di simpatia nei confronti delle innumerevoli marachelle proposte. Peccato che nell'immane disastro finiscano coinvolti anche bravi caratteristi come Santonastaso o Diogene. Per i masochisti hardcore esiste anche una versione estesa.
I gusti di Panza (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Gabrius79 22/6/15 23:09 - 1089 commenti

Un film dedicato ai più piccini con gag mediocrissime e battute stantie che sviliscono i buoni caratteristi che animano la pellicola (Santonastaso, Allocca, Diogene) e che hanno per protagonisti una sguaiata banda di ragazzini capitanata da un giovanissimo Elio Germano (il quale crescendo si rifarà coi film a venire). La situazione generale è pressochè desolante.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Jurgen77 25/1/13 14:40 - 587 commenti

Pessima e insulsa commediola firmata da Castellano e Pipolo. Ridicoli i dialoghi e nemmeno i bambini fanno ridere. Storielle scontate e ragazzini che il più delle volte riultano pure odiosi. Attori pessimi, anche perché nessuno poi si sforza più di tanto.
I gusti di Jurgen77 (Fantascienza - Guerra - Horror)

Marcolino1 26/2/19 18:41 - 336 commenti

Già dai titoli di testa, abilmente esplicativi, si evince la sintesi del film: i bambini vezzeggiati e soffocati nel mondo di ovatta sono mentalmente anni luce più avanti della loro età cronologica. Gli adulti sono burattini-parodie sbeffeggiati alla grande, l'irriverenza (assieme a un po' di malizia) viene sparsa a piene mani nelle scenette che convincono e divertono, con qualche luogo comune sul quale si può soprassedere. Alcuni vecchi caratteristi e una Giordano suora reduce da Malabimba e La bimba di Satana risultano intonati nell'insieme.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il rituale col chewing-gum; Le fedi nuziali incandescenti; La colla nel sedile del water; La salsa negli ombrelli; Il regalo "scatologico".
I gusti di Marcolino1 (Documentario - Fantascienza - Musicale)

Zio bacco 7/10/15 15:15 - 225 commenti

L'ho odiato fin da ragazzino. Il film, che è una macchia nelle carriere di Castellano e Pipolo, non paga dazio solo per l'incredibile carrellata di sciocchezze. Raramente, infatti, capita di vedere piccoli protagonisti così odiosi, le cui "marachelle" non sono solo volgari, ma anche inutilmente diseducative. La presenza di ottimi caratteristi sullo sfondo praticamente passa inosservata, dinanzi a una sceneggiatura terribile. Un peccato che certe commedie per bambini fossero montate con simile noncuranza. Pessimo.
I gusti di Zio bacco (Comico - Commedia - Drammatico)

Medicinema 21/1/17 20:50 - 80 commenti

Un'interminabile sequela di tristi scenette (impossibile definirle gag) sulle imprese di una banda di insopportabili ragazzini può costituire un film? Secondo Castellano e Pipolo sì, che pescando dai peggior Pierino ci rifilano un'ora e mezza (ma la versione televisiva dura 182 minuti!) di noia, arrivando addirittura a ripetere alcuni sketch due o più volte senza alcuna vergogna. Nonostante il mestiere di buoni comprimari risollevi alcune scene, sembra quasi di assistere a delle riprese amatoriali, in termini registici e recitativi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: In negativo lo scherzo del campanello, ripetuto almeno tre volte.
I gusti di Medicinema (Documentario - Erotico - Musicale)