Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL SANGUE D'UN POETA

All'interno del forum, per questo film:
Il sangue d'un poeta
Titolo originale:Le sang d'un poète
Dati:Anno: 1930Genere: fantastico (bianco e nero)
Regia:Jean Cocteau
Cast:Enrique Rivero, Elizabeth Lee Miller, Pauline Carton, Odette Talazac, Jean Desbordes, Fernand Dichamps, Barbette, Lucien Jager, Féral Benga
Visite:905
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/11/08 DAL BENEMERITO PIGRO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Grande esempio di cinema a detta di:
    Pigro
  • Davvero notevole! a detta di:
    Gaussiana


ORDINA COMMENTI PER:

Pigro 29/11/08 10:48 - 7382 commenti

Episodi come ossessioni e frammenti di memoria di Cocteau prendono vita in questo film, reinventandosi in forma fantasiosa, surreale e mitica. La raffinata complessità dei piani (la realtà, la trasfigurazione, il simbolo, il sogno, l'erotismo, il cinema, il teatro) si trasforma in un viaggio erratico nel non detto: è infatti l'immagine a prendere il sopravvento, e non perché il film sia quasi muto, ma perché l'immagine stessa ha un vigore evocativo davvero raro. Un piccolo capolavoro, sensuale e insidioso, del surrealismo.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Gaussiana 6/5/12 19:06 - 121 commenti

Sebbene Cocteau ci tenesse a non essere accostato al surrealismo vero e proprio (siamo nello stesso anno di L'âge d'or di Buñuel) e rivendicasse una dimensione più intimista per quest'opera - dimensione che dobbiamo riconoscere, visti i riferimenti all'artista e alla generazione dell'opera d'arte - il tema del sogno, il ritorno all'infanzia, le carte, il baro e la morte sono ascrivibili al surrealismo francese senza ombra di dubbio. Il film è comunque criptico e autoreferenziale ed è dunque da consigliare a chi s'interessa al cinema d'avanguardia.
I gusti di Gaussiana (Fantascienza - Horror - Western)