Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• UN CASO D'INCOSCIENZA

All'interno del forum, per questo film:
• Un caso d'incoscienza
Dati:Anno: 1984Genere: drammatico (colore)
Regia:Emidio Greco
Cast:Erland Josephson, Brigitte Fossey, Rüdiger Vogler, John Steiner, Claudio Cassinelli, Margaret Mazzantini, Graziano Giusti, Roberto Bisacco, William Berger, Piero Nuti, Giuliana Calandra, Rada Rassimov, Daniela Poggi, Veronica Lazar, Caterina Boratto, Tullio Valli, Beatrice Palme
Note:Benché girato per il grande schermo, in Italia il film fu destinato al solo sfruttamento televisivo.
Visite:301
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/11/08 DAL BENEMERITO HOMESICK

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Homesick
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Cotola


ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 23/11/08 17:58 - 5737 commenti

Ispirato alla vicenda del magnate svedese Ivar Kreuger, per buona parte della sua durata è penalizzato da una persistente “bonaccia” (siamo sul mare…) narrativa e da dialoghi dall’eccessivo intellettualismo, cui tuttavia si affianca una ragguardevole cura formale, specie nelle atmosfere e nei costumi anni Trenta e nelle musiche di Bacalov. Tutto questo in vista del finale che medita – con immediata metafora entomologica – su massificazione ed entusiasmi collettivi. Cast internazionale trainato dal bergmaniano Josephson e dal wendersiano Vogler.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 2/11/13 10:20 - 6927 commenti

E' un film che conferma pregi e difetti del regista. Da un lato è indiscutibile la cura formale e la precisione nella ricostruzione d'epoca che rendono piacevole la visione delle immagini che scorrono sullo schermo; dall'altro c'è però il problema di una narrazione troppo lenta e boccheggiante, probabilmente a causa di un'eccessiva verbosità e della lunga (troppo) durata (130 minuti). Così l'interesse per quanto viene raccontato è poco. Ha comunque un suo perché, ma con più mordente sarebbe stato ben altro.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)