Cerca per genere
Attori/registi più presenti

E GUARDO IL MONDO DA UN OBLò

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/10/08 DAL BENEMERITO IOCHISONO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 28/1/13


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Iochisono 28/10/08 22:30 - 133 commenti

Non ci credo! L'ho visto coi miei occhi, sentito con le mie orecchie, ma non ci credo! Girato in video e stampato malamente su pellicola, agghiaccia per la terrificante fotografia e scenografia ma non sono da meno recitazione e montaggio. Si tratta di una serie di sketch ambientati in una fintissima lavanderia, messa su in uno stanzone rettangolare senza la più pallida idea di scenografia e in cui gli "attori" entrano ed escono. Incredibili gli errori tecnici, tipo i primi piani di Chiara Sani e Luca Seta con direzione sguardi sbagliata

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "La vita è come guardare il cestello di una lavatrice: gira... gira... gira... e non sai mai quando si ferma". Ma che lavatrice hai Calvagna?!
I gusti di Iochisono (Commedia - Horror - Poliziesco)

G.Godardi 30/10/08 17:55 - 950 commenti

Non c'è nulla di peggio per un regista di innamorarsi di un film e di tentare di rifarlo. Così ha fatto il prode Calvagna: ha preso Clerks e se l'è rifatto in casa, ovvero con attori semisconosciuti appena usciti dall'accademia cinematografica. Tedioso fino all'inverosimile, gli si aggiunge una claustrofobia quasi insopportabile (è girato completamente in set cinematografici). Non è tutto da buttare, un paio di scenette funzionano, ma oltre 100 minuti di film così sono insostenibili. Il protagonista se la cava (e infatti ha avuto una sitcom tutta sua). Velleitario.
I gusti di G.Godardi (Horror - Poliziesco - Thriller)

Disorder 6/3/16 16:10 - 1388 commenti

Una costante del cinema di Calvagna è quella di avere delle buone idee iniziali, demolite poi regolarmente dai problemi di budget e da scelte registiche quantomeno discutibili. Il risultato è anche qui l'ennesimo film altalenante, in cui a scene gradevoli se ne alternano altre di un trash inspiegabile. Tutti parlano per monologhi lunghi e prolissi, recitati peraltro in modo non sempre impeccabile. Il finale poi è solo un lungo videoclip sulle musiche di Gianni Togni (onnipresente in sottofondo per tutto il film). Insufficiente.
I gusti di Disorder (Avventura - Commedia - Drammatico)