Cerca per genere
Attori/registi più presenti

VENNI VIDI E M'ARRAPAOH

All'interno del forum, per questo film:
Venni vidi e m'arrapaoh
Dati:Anno: 1984Genere: comico (colore)
Regia:Vincenzo Salviani
Cast:Alessandro Cerquetti, Cecilia Oliva, Luciano Pinna, Giziana Spatrisano, Athena Minglis, Giancarlo Capo, Daniela Andriolo, Maurizio Argentieri, Edoardo Terzo
Note:Oppure anche "Venni, vidi, m'arrapaoh".
Visite:2166
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/10/08 DAL BENEMERITO RENATO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 27/10/08
Delirante fin nel titolo, che mescola italianizzazioni di frasi latine e neologismi derivanti da prodotti di successo, il film di Vincenzo Salviani è prima di tutto un trionfo di dance degli eighties sulle cui note si muovono quattro ragazzetti (tratteggiati come i tipici sfigati) che compongono un complessino dal nome programmatico: gli Arrapathis! Li vediamo spiare le ragazze mentre fanno la doccia in puro stile pierinesco, andare in gruppo a tastare le grazie della mignotta del quartiere, fare a botte in discoteca (scene quasi sempre tirate troppo per le lunghe), dedicarsi a scherzi cretini o passeggiare nel parco con le loro morose. Però, siccome il film è pure un mezzo musical, i pezzi forti sono le canzoni, che i quattro coreografano a modo loro. "Come sarà" ha fatto per molto tempo la fortuna di Radio Deejay e "Ciao belli" ("Come sarà/la prima che si beccherà/sta banana... Who oh oh oh"), le altre restano ritmate e divertenti, in linea con un film sgangheratissimo per il quale termini come regia o sceneggiatura perdono di significato. Eppure, peur senza ambire alle vette trash che qualcuno gli vorrebbe attribuire, l'operina scorre via allegramente senza troppo far rimpiangere il tempo perso. Si vede Roma, girano un bel po' di ragazze (pure nude), si sorride ascoltando musica Anni Ottanta, si rivede una certa gioventù non lontana da quella che davvero girava in quegli anni, si ascoltano dialoghi di rara inconsistenza.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 11/11/17 16:18 - 5737 commenti

Schegge impazzite dalle giornate di vitelloni anni Ottanta, che attingono parimenti agli sketch demenziali e goliardici del film barzelletta più sboccato e anarchico - l'assonanza nel titolo con il celebre Arrapaho non è certo un caso - al romanticismo del musicarello giovanilistico coevo e alle gare in discoteca delle febbri del sabato sera: il tutto sintetizzato dalle canzonette (s)cult degli sgangherati Arrapthis, che assicurano qualche risata liberatoria. E, per restare in tema, il cabarettista Edoardo Terzo disquisisce sulla sempre più diffusa tendenza al turpiloquio...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La finta telefonata; I due pescivendoli; Le canzoni "Come sarà", Monica" e "Samba del cacchio".
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 19/10/08 20:17 - 1495 commenti

Terrificante (non) film comico di una noia inenarrabile. Si tratta in pratica della vicenda di 4 amici che vogliono sfondare nel mondo musicale e già che ci sono farsi qualche ragazza. Si procede con interminabili sequenze danzanti in discoteca e continue canzoni che si alternano a qualche barzelletta sceneggiata in modo dilettantesco. Con gente che guarda in macchina, ombre dell'operatore in campo e senza un'idea anche minima di storia... Desolante.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Deepred89 3/6/15 13:21 - 3101 commenti

Agghiacciante Porky's tricolore le cui canzonette dance-demenziali rappresentano l'unico minimo motivo d'interesse. Il resto è davvero ai minimi storici, con inquadrature di squallore spesso stupefacente (i primi piano fanno paura), montaggio un po' come capita, interminabili scene in discoteca, cast inguardabile e doppiaggio che è forse l'unico elemento in grado di far scattare (involontariamente) la risata. Non manca qualche fanciulla completamente svestita e neppure qualche momento di piacevole vintage ottantiano, ma è dura arrivare in fondo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Come sarà la prima che me la darà...".
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Markus 25/5/15 9:25 - 2877 commenti

In quel periodo in Italia andava di moda il "demenziale"; ecco quindi spuntare tutta una serie di film e di sgarbate canzonette dalla facile presa che, talvolta, ebbero anche una certa fortuna. Questa premessa per giustificare in parte questo sinistro film privo di sceneggiatura e dal montaggio a dir poco delirante, il cui scopo è inserire (attraverso le maglie del "giovanilistico") una serie di volgarissimi brani partoriti dalla band "Arrapathis" e di alcuni gruppi melodici - ormai decotti - del decennio precedente. Per gli amanti del trash.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Gestarsh99 4/9/10 19:06 - 1175 commenti

Uno dei film italiani più trash e volgari degli anni '80 (con tanto di fraudolenta e sgrammaticata citazione del famosissimo Squallor-movie). Un tardissimo e semi-sconosciuto musicarello aggiornato in chiave di commedia scolastico/giovanilistica, che il non eccelso Vincenzo Salviani realizzò nel 1984, tentando di sfruttare la scia dei successi commerciali del filone pierinesco e di pellicole come il vanziniano Sapore di mare. Un cast di esimi dilettanti allo sbaraglio ed un andamento soporifero pre-comatoso lo rendono una pietra miliare del brutto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il terrificante e sguaiatissimo brano musicale che il gruppetto electro-pop protagonista del film esegue nella misera palestra scolastica: "Come sarà".
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)

Ronax 24/1/17 1:05 - 818 commenti

Dopo avere speso non più di un paio d'ore nella stesura dello script, in compagnia dell'ineffabile Mario Bianchi e avere preso in discoteca un gruppetto di bulli e pupe, Salviani si traveste da regista lasciando che la macchina da presa e gli aspiranti attori vadano per conto proprio, tanto qualcosa ne verrà fuori. Il risultato è questo delirante giovanilistico dove la nullità di soggetto, recitazione, regia e montaggio raggiunge vertici quasi sublimi. I testi degli Arrapathis "Come sarà" e "Domenica svortamo" valgono da soli la visione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le lezioni di sesso "a distanza" della squillo con accento francese in cambio di pesce fresco.
I gusti di Ronax (Drammatico - Erotico - Thriller)