Cerca per genere
Attori/registi più presenti

NON SI SCRIVE SUI MURI A MILANO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/10/08 DAL BENEMERITO MARKUS

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Renato 26/12/08 16:06 - 1495 commenti

Storia di alcuni tristi giovani (ma gli adulti sono ancora più tristi di loro) senza una meta apparente nella Milano degli anni '70. E' il classico esempio di film dalle ambizioni smodate ma dai risultati assai modesti; il tono del film è decisamente serioso ma il discorso sulla crisi generazionale resta superficiale e si salvano solo alcuni momenti naïve con le estemporanee rappresentazioni sulla banchina della metropolitana. La Casini, comunque, è divina e vale la pena di sorbirsi la visione del film solo per la sua presenza.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Markus 19/10/08 16:13 - 2934 commenti

Cinque giovani alle prese con indecisioni, squilibri e sostanzialmente un’indisposizione alla società industriale e metropolitana di quel tempo. Con questo curioso titolo lo sperimentato regista di teatro Raffaele Maiello mette in scena la sua “opera prima” cinematografica, ma non convince. Eccessiva teatralità e meccanismi politici vengono proposti allo spettatore come una tediosa e confusa opera teatrale, portata su pellicola senza tenere conto dei tempi cinematografici.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Fauno 29/1/15 12:27 - 1822 commenti

Milano è presentata come una statua fuligginosa indifferente a chi perde il lavoro o si infortuna gravemente; tutto è impostato secondo canoni reazionari, non solo scuole e fabbriche, ma perfino luoghi di passaggio. Ed è appunto nel metro che un ricambio di ragazzi cercheranno di dare un pochino di allegria, ma si spegneranno a loro volta... alcuni se ne andranno, altri torneranno ai borghi natii. Su questo sfondo si impianta l'incontro, di una tristezza plumbea, fra Anna e Luciana, che se le aiuterà a non sentirsi sole, non risolleverà loro il morale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Buffo lo scalpiccio dei piedi della segretaria che scende le scale; Tremenda la confessione di Anna a Luciana sul godimento provato durante l'amore.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)