Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'INFERNO

All'interno del forum, per questo film:
L'inferno
Titolo originale:L'enfer
Dati:Anno: 1994Genere: drammatico (colore)
Regia:Claude Chabrol
Cast:Emmanuelle Béart, François Cluzet, Nathalie Cardone, André Wilms, Marc Lavoine, Christiane Minazzoli, Jean-Pierre Cassel
Note:Da un soggetto di Henri-Georges Clouzot.
Visite:933
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 10
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/10/08 DAL BENEMERITO GHOSTSHIP

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 23/10/13 22:24 - 7096 commenti

L'inferno è quello della gelosia: vi sprofonda una coppia a causa di un marito ossessivo che pensa male della bellissima moglie. Alcune scene sono particolarmente riuscite (il filmino parallelo) mentre il crescendo emotivo è ben dosato finché non si raggiunge l'ultima parte, in cui sogno e realtà si mescolano in modo inestricabile, che è notevole e di grande potenza anche se l'epilogo, per quanto coerente con quanto narrato fino ad allora, potrà irritare non pochi spettatori. Splendida e brava la Beart, eccellente la prova di Cluzet.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 10/12/09 16:10 - 8302 commenti

Una delle migliori opere di Chabrol, excursus delirante dell'inferno della gelosia in cui veniamo immersi fin dall'inizio, senza mediazioni. Non conosciamo nulla della vita precedente di questa coppia, né possiamo sapere se il marito - stressato dal lavoro e dai problemi economici - ha qualche motivo per dubitare della fedeltà della moglie oppure è tutto solo frutto della sua paranoia, ma assistiamo impotenti a tutte le tappe di un viaggio senza ritorno verso una tragedia annunciata. Béart di struggente bellezza, Cluzet impressionante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale, prevedibile eppure inaspettato .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Ghostship 6/10/08 23:37 - 394 commenti

Un viaggio nella provincia francese-borghese e per il regista è come giocare in casa. In questa cornice, nota ai fan, si innesta una storia di gelosia coniugale per un finale tanto inaspettato quanto enigmatico. Bravissimi i due attori protagonisti, fotografia luminosa, fresca e vivace la regia della vecchia volpe Chabrol che imprime un ritmo sostenuto al film anche grazie ad un montaggio frenetico (specie nella prima parte) che contribuisce alla struttura in crescendo, come la straripante follia che pervade tutta la lunga coda finale.
I gusti di Ghostship (Giallo - Horror - Thriller)

Saintgifts 15/4/14 17:07 - 4099 commenti

Se la follia in generale è la mancanza della ragione, la gelosia (che può ragionevolmente nascere all'interno della coppia e non solo) si può trasformare in pura follia, dove la ragione è completamente esclusa nella mente di chi ne è colpito. È ciò che accade a Paul e il film riesce mirabilmente a rappresentarlo in immagini, aiutandosi anche con doppie visioni, la realtà parallelamente a quello che "vede" l'ossessionato Paul. La bellezza dei luoghi, dei personaggi, la loro speciale unione, non fanno altro che accentuare la tragedia incombente.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Minitina80 21/11/19 23:13 - 2056 commenti

Mai titolo fu più azzeccato per descrivere il potere corrosivo della gelosia nella coppia. Non inventa nulla e descrive con lineare semplicità il crescente insinuarsi del dubbio, riuscendo a trasmettere ansia e angoscia in chi guarda, rendendolo partecipe indirettamente del dramma. Ammirevole la Beart, la cui tracotante sensualità e bellezza "giustifica" certi atteggiamenti. Spiazzante il finale aperto, ma significativo e per certi versi geniale, lasciando a ognuno le proprie conclusioni su una vicenda che potrebbe vedere coinvolto chiunque.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Mickes2 24/9/12 9:24 - 1551 commenti

Il racconto di una graduale perdita di coscienza, la realtà che si mescola all’ambigua immaginazione di un uomo ossessionato dalla gelosia. Intensa disamina sulla debolezza della psiche umana, costruita all’interno della società borghese dove la ricchezza esterna si contrappone al lato buio e povero dei sentimenti interiori. Regia nostalgica di certa Nouvella vague, vivacizzata da un montaggio spiazzante e dal tratteggio della protagonista (di immane bellezza la Béart) leggero e malizioso. Dolente e senza sconti l’inferno paranoico di Chabrol.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Giacomovie 26/12/13 23:02 - 1321 commenti

Se non si conosce la trama si può stentare a capire l’intenzione di voler trattare il circolo di follia che segue un eccesso di gelosia patologica. Per buona parte si assiste a un piccolo inferno di confusione non dato dal racconto ma da un susseguirsi un po' disordinato e veloce di frammenti non sempre legati al contesto. Chabrol corregge in corsa un andamento che rischiava di lasciarlo in purgatorio e riesce a rendere la parte finale vorticosa e introspettiva. Emmanuelle Bèart sa essere sia fantastica e provocante che provata e disperata. ***
I gusti di Giacomovie (Drammatico - Erotico - Sentimentale)

Modo 24/6/12 16:47 - 768 commenti

L'inferno descritto basa le sue fondamenta nella psiche di un uomo colto dall'ossessione e gelosia verso la propria moglie. Film scandito a ritmo "sincopato", dove i flashback mostrano la vita parallela vera o presunta della donna amata. Può l'atteggiamento civettuolo di Nelly creare tali turbe? Un rapporto di coppia che si trasforma in un incubo senza ritorno o meglio "sans fin". Bravi gli attori, ineccepibile la regia. Forse eccesiva l'ossessione del marito e l'accondiscendenza della moglie. Finale serrato dopo 30 minuti un po' leziosi e noiosi.
I gusti di Modo (Commedia - Drammatico - Fantascienza)

Vitgar 13/6/14 8:48 - 586 commenti

Inquietante lavoro di Chabrol. È la gelosia che sfocia nella follia o è la follia che si manifesta con la gelosia? In tutto il film questa domanda non trova definitiva risposta, è un continuum in cui lo spettatore non sà quanto di quello che succede sia reale o frutto della progressiva disgregazione mentale del protagonista. Anche il finale lascia aperti molti interrogativi. Ottima l'interpretazione della Beart e di Cluzet.
I gusti di Vitgar (Commedia - Thriller - Western)

Coyote 15/4/12 17:39 - 185 commenti

Il titolo è eloquente, ma dalle prime scene non ci si immagina che Chabrol ci possa condurre in una discesa così profonda nella paranoia, nell'ossessione, nell'inferno (giustamente) di Paul, marito insicuro e geloso della bella Nelly. I protagonisti reggono con rimarchevole espressività due ruoli difficili e la chiusura è coerente con la trama. Ottimo.
I gusti di Coyote (Drammatico - Giallo - Poliziesco)