Cerca per genere
Attori/registi più presenti

TRADIMENTO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/8/08 DAL BENEMERITO REDEYES

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 19/10/12 18:50 - 5737 commenti

Canonica sceneggiata simile per trama a Lacrime napulitane ma ad essa inferiore in coinvolgimento emotivo. Famiglia, lavoro, Dio, onore, camorra, due novelli Romeo e Giulietta, folklore e un brodo di polipo venduto al mercato come una bibita qualsiasi. L’astro nascente del genere D’Angelo si affianca al navigato Merola; intense la Di Benedetto e la Bianchi e incisi umoristici di Masino , affabile giudice toscano. **/**!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il teatrino ispirato alle vicende del quartiere; il disperato pellegrinaggio a Monte Vergine.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 26/4/10 13:18 - 1495 commenti

Così così, alterna momenti che funzionano (il controcanto del teatrino di Pulcinella, i duetti Merola-Di Benedetto) a scene tremende (il processo farsesco con Ghigo Masino giudice, la parentesi rosa di Nino d'Angelo con le sue orrende canzonacce in sottofondo). Tirate le somme non mi è dispiaciuto, ed andrebbe visto anche solo per la sequenza in cui Merola tira una "pacchera" pazzesca in faccia a D'Angelo gettandolo a terra: mitico. E c'è pure il grande Nello Pazzafini in un ruolo più sostanzioso del solito.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Cotola 26/9/08 1:14 - 7009 commenti

Tipica sceneggiata napoletana con tutti gli elementi di rito: iss ess e o malamanete (lui lei ed il cattivo). Nulla di nuovo sotto il sole con un Merola più stoccafisso del solito (in tutti i sensi) che ci metterà non poco per capire la verità sulla sua consorte. In una parola: terrificante.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Cangaceiro 5/8/08 22:29 - 982 commenti

Don Gennaro La Monica, venditore ambulante abusivo, si ribella ai suoi taglieggiatori, mentre sua moglie, proprietaria di un chiosco con regolare licenza, sceglie altre strade per trattare con gli estorsori... Pellicola un po' fiacca in cui il grande Mario (cornuto ma non mazziato) si limita a timbrare il cartellino e dividere il set con Nino D'Angelo le cui parentesi amorose sono dei riempitivi antipasto dei suoi futuri film da protagonista. Consigliato solo ai fan dei Merola-movie.
I gusti di Cangaceiro (Commedia - Gangster - Western)

Daidae 9/2/10 11:40 - 2589 commenti

Il film va capito, è mediocre e molto inferiore alle precedenti valide uscite della coppia Brescia-Merola. Però se si è appassionati del genere non dispiacerà più di tanto. Da segnalare una scena orrida nella quale i personaggi del teatrino sono interpretati dal giudice toscano, Ida de Benedetto e Mario Merola!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena del teatrino.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Redeyes 5/8/08 19:25 - 2035 commenti

Maronna! Difficile commentare con altre parole se non si è innamorati di Merola, D'Angelo & co., come difficile è giungere alla fine. Melodrammi, sceneggiate, pagliacciate, lacrime, cantate in dialetto e facce gravi incorniciate, edulcorate, se così si può dire, da ingiustizie, orgoglio, onore e camorra. La trama è sempre la stessa, le facce pure. Pace all'anima sua, ma Merola non si può proprio vedere! Finale con cantata collettiva che vale da sola il prezzo del biglietto.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Faggi 6/1/18 17:26 - 1401 commenti

Non del tutto inospitale in ogni suo anfratto ma quasi (è peggio di Giuramento, dove almeno troviamo varietà di situazioni e vari passaggi genuini, schietti e divertenti). Qui prevale la prevedibilità del melodramma di bassa lega. Sembra girato alla meno peggio; e ciò che davvero potrebbe devastare lo spettatore incauto o curioso sono l'abuso di luoghi comuni della sceneggiata napoletana, la sciatteria, la rarità dei momenti da salvare e - soprattutto - la cottura kitsch, digeribile solo dopo aver assunto una buona dose di bicarbonato mentale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il polipo in faccia; Il brodo di polipo; Lo schiaffo (è vero?) di Merola a D'Angelo; Il maglione e la canzone in playback di D'Angelo in discoteca.
I gusti di Faggi (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)