Cerca per genere
Attori/registi più presenti

"HOLD-UP" ISTANTANEA DI UNA RAPINA

All'interno del forum, per questo film:
Dati:Anno: 1974Genere: gangster/noir (colore)
Regia:Germán Lorente
Cast:Frederick Stafford, Nathalie Delon, Enrico Maria Salerno, Marcel Bozzuffi, Alberto De Mendoza, Calisto Calisti, Manuel de Blas, Miguel del Castillo, Santiago Ontañón, José Luis Chinchilla, Raquel Núñez
Note:E non "Hold up istantanea di una rapina" o "Holdup".
Visite:716
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Renato 14/1/09 11:40 - 1495 commenti

Ex sbirro corrotto perde la memoria dopo un incidente e così non si ricorda più dove aveva nascosto il malloppo: la soluzione arriverà a colpi di flashback. Stanco thriller italo-spagnolo con ovvio finale a sorpresa che non ingrana davvero mai, se non con lo spettacolare inseguimento con tre auto (peraltro inserito nella pellicola in modo del tutto gratuito) ad opera dello specialista Remy Julienne. Sullo stesso argomento, è preferibile il coevo L'uomo senza memoria.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Robert! Non fare maldinate!".
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Rufus68 14/1/19 21:40 - 2307 commenti

Parte benino, quindi svapora irresistibilmente nonostante alcune belle frecce al suo arco (Salerno e Bozzuffi comprimari di lusso, le musiche di Micalizzi). Non è sfruttato al meglio un tema abusato ma sempre efficace come l'uomo senza memoria; il resto, azione compresa, risulta di grana spessa e dà la sensazione di costituire un prevedibile riempitivo. Stafford discreto e nulla più, impalpabile la Delon.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Fauno 14/4/11 11:16 - 1755 commenti

Ci son due film di filoni diversi che vengono richiamati nel film di Lorente e sono Da uomo a uomo e Il diavolo nel cervello; oltre, ovviamente, a L'uomo senza memoria, più o meno contemporaneo ma un'infinità di volte migliore. Peccato per Stafford, che come già in altri film recita bene nel ruolo dello sconfitto sempre e comunque e per un De Mendoza, molto eclettico, che non tradisce mai le attese. Il film però è davvero trascurabile...
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Dusso 31/10/13 17:28 - 1533 commenti

Meno male per lo spettatore che la seconda parte è più vitale della prima (al contrario veramente noiosa). Sprecato il grande Salerno, soggetto poco avvincente per come viene sviluppato nonostante il regista non sia l'ultimo arrivato. Poca roba anche la Delon...
I gusti di Dusso (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Il Dandi 23/4/10 20:28 - 1407 commenti

Sembra essere opinione condivisa e lo confermo anch'io: il tema dell'Uomo senza memoria è stato trattato molto meglio nell'omonimo film di Tessari. C'è un bel prologo, muto e feroce, che lascia ben sperare. Poi invece si perde in lungaggini e soffre di un'evoluzione lenta e confusa. Anche la regia spesso scade, con un uso puerile del ralenti nelle scene d'azione e dello split screen nei flashback. Peccato per la musica di Franco Micalizzi, veramente notevole.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il citato prologo.
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Tomastich 1/1/10 9:55 - 1191 commenti

Contemporanea all'Uomo senza memoria di Duccio Tessari, questa produzione internazionale (italia-francia-spagna) tenta di traslare la formula del vuoto di memoria in ambito noir. Non tutto funziona alla perfezione, però per non fare il pessimista di inizio anno dico ciò che funziona: Enrico Maria Salerno, due sguardi, quattro battute, ed ha il film in pugno.
I gusti di Tomastich (Animali assassini - Horror - Thriller)

Uomomite 16/7/11 5:29 - 175 commenti

Il soggetto non è certo originale (il poliziotto che perde la memoria, il passato che riemerge piano piano...) però sicuramente ci si poteva trarre un film avvincente. D'altra parte il "genere" non richiede necessariamente storie originali per funzionare, anzi, spesso sono più gustose le variazioni sul tema (anche minime ma "chirurgiche") o semplicemente le solite "vecchie" storie, messe in scena con nerbo. Se il film non funziona la colpa è esclusivamente di una regia piatta, "scolastica", senza personalità, in una sola parola "noiosa". D'altra parte, chi diavolo è German Lorente?
I gusti di Uomomite (Fantascienza - Horror - Poliziesco)