Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'ULTIMA TENTAZIONE DI CRISTO

All'interno del forum, per questo film:
L'ultima tentazione di Cristo
Titolo originale:The Last Temptation of Christ
Dati:Anno: 1988Genere: drammatico (colore)
Regia:Martin Scorsese
Cast:Willem Dafoe, Barbara Hershey, Harvey Keitel, David Bowie, Verna Bloom, Harry Dean Stanton, Barry Miller, Tomas Arana, Victor Argo, John Lurie, Alan Rosenberg, Paul Herman
Note:Tratto da un romanzo di Nikos Kazantzakis.
Visite:1040
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 12
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/7/08 DAL BENEMERITO PIGRO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Pigro 6/7/08 10:22 - 7221 commenti

Un Cristo umanissimo, tra l’incudine della mistica e il martello delle tentazioni terrene, fino all’ultima: quella del rifiuto del sacrificio estremo per poter vivere come una persona normale. Un film potente e di grande respiro, che Scorsese compone con profonda umanità e personale senso religioso. Immagini straordinarie, un grande Dafoe, una musica (di Peter Gabriel) che sottolinea la modernità dell’impianto e insieme la sua universalità. Le quasi 3 ore sono un po’ lunghe, ma del resto l’impianto epico e quasi dostoevskiano lo impone.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Saintgifts 18/4/17 16:53 - 4099 commenti

Scorsese sceglie il romanzo di Nikos Kazantzakis per il suo Cristo. Fa ottime scelte a partire da un Dafoe che, oltre a rispondere all'iconografia occidentale del Cristo biondo, si rivela molto adatto nella parte umana (preponderante) del Messia, vero Dio e vero uomo. Sono poche le scene criticabili, come quella del battesimo nel Giordano dal contorno quasi profano, mentre ottima è la Maria della Hershey. È una versione che rivaluta la figura di Giuda, il vero protagonista tra gli Apostoli. Regia di alto livello, buone le musiche di Gabriel.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Paulaster 5/2/16 10:37 - 2214 commenti

Interessante l’innesto di capitoli inediti per l’esperienza di Gesù: l’inizio titubante e addirittura ribelle al disegno divino e poi la parte finale, dove Gesù diventa uomo tra gli uomini. Nel percorso invece tra i discepoli Scorsese non riesce a emozionare e alterna buone riprese (il Tempio) ad altre più sintetiche (la Passione e il Pilato di Bowie); comunque le ambientazioni rendono il sapore del periodo. Dafoe è abbastanza credibile mentre Keitel non dà spessore.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Minitina80 4/12/15 16:52 - 1952 commenti

Difficile capire come porsi di fronte a una pellicola del genere; Scorsese mette le mani avanti specificando che si tratta di una riflessione apocrifa che non ha pretese storiche sulla vita di Gesù, ma se l’obiettivo era soltanto quello di evidenziare le debolezze umane di Cristo, allora è un po´ poco per giustificare la sua durata. Resta l'indubbia qualità di Scorsese come regista, capace di creare immagini e scene veramente molto suggestive.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gesù tentato da Satana sotto forma di serpente, leone e fiamma.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Stefania 20/1/10 4:50 - 1600 commenti

Il Verbo si fa Carne, Dio diventa uomo e, dell'uomo, accoglie in sé l'affascinante imperfezione. E' questa l'ultima tentazione di Cristo: diventare egli stesso quell'imperfezione che, col suo sacrificio, è chiamato a redimere. Creatore che vuole essere creatura, mai visto un Cristo cinematografico così drammaticamente vivo. Salvare se stesso, scendere dalla croce? Sì, ma solo per poter continuare, come ogni uomo, a sentirne sulle spalle, ogni giorno, il peso.
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Mickes2 23/7/12 20:50 - 1551 commenti

L’ultima tentazione di Cristo è il voler continuare ad essere uomo, umano, rinunciare al sacrifico, cedere ai desideri luciferini per rimanere una persona che fa forza sui sentimenti contrastanti che da sempre dominano l’essere terrestre. Uno score musicale che si contrappone all’impianto religioso e alla durata epica di una pellicola ricca di spiritualità e partecipazione emotiva, solo apparentemente blasfema, in realtà grondante di personale religiosità e un intimismo tratto distintivo di un maestro assoluto del cinema di tutti i tempi.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Luchi78 21/5/14 11:07 - 1521 commenti

Reinterpretazione della vita di Cristo in chiave terrena, che nonostante il distacco dalla narrazione dei Vangeli si caratterizza per un analisi profonda del sacrificio umano e spirituale del cosiddetto figlio di Dio, secondo il romanzo omonimo di Nikos Kazantzakis. Dafoe si cimenta in un'interpretazione difficile, riuscendovi con momenti di alta intensità recitativa. Splendide le musiche di accompagnamento composte da Peter Gabriel. Un film che lascia il segno.
I gusti di Luchi78 (Comico - Fantastico - Guerra)

Nancy 18/4/17 21:59 - 768 commenti

La prima parte di questo mattoncino di tre ore risulta la più difficile da digerire: si fa fatica a entrare in contatto con questa storia apocrifa di Gesù di Nazareth, così stravolta da suscitare ogni tanto il riso. Certamente con l'incedere dei minuti diviene chiaro il proposito di Scorsese e risulta anche più chiara la scelta di una faccia inconsueta per il ruolo - interpretato da un ottimo Dafoe. Bravi anche Keitel nel ruolo di Giuda e a sorpresa David Bowie che fa Ponzio Pilato. Sorprendente tutta l'ultima parte della crocefissione.
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Rocchiola 7/10/18 17:48 - 530 commenti

Certamente il film più interessante sulla figura di Cristo, l’unico in grado di offrire un’intelligente lettura dell’eterno contrasto tra carne e spirito che alberga in ogni uomo dotato di fede religiosa. Tuttavia sul piano formale è lento e prolisso, oltre a proporre un’iconografia alla Jesus Christ Superstar non proprio per tutti i gusti. Insomma, più interessante che riuscito, anche perché il retaggio laico-cattolico del regista è sempre stato ben evidente negli altri suoi film. La Hershey è comunque una Maddalena di una bellezza feroce.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il cerchio nel deserto; La crocifissione; Il sogno di una vita terrena come essere umano normale e sereno; La colonna sonora etnica di Peter Gabriel.
I gusti di Rocchiola (Guerra - Poliziesco - Western)

Alex1988 5/7/17 19:26 - 514 commenti

All'epoca dell'uscita erano inevitabili le polemiche che ne sarebbero susseguite. Ma Scorsese, da buon cattolico, è riuscito, in maniera più che degna, a portare sul grande schermo il romanzo di Kazantzakis. Ne viene fuori un Cristo forse più sincero e meno iconico, con le sue paure da normale essere umano. Un ritratto che, forse, anche i non credenti possono apprezzare. Buono.
I gusti di Alex1988 (Azione - Poliziesco - Western)

Tomslick 30/11/09 12:38 - 205 commenti

Idea di base potente e pericolosa: Gesù era prima di tutto, essenzialmente, un uomo. E come un uomo era principalmente un debole, pieno di paure, insicuro. Il film corre su questo binario: Gesù fu "costretto" a sacrificarsi perché tutto fosse compiuto; ma, in sè, egli non voleva. Idea pericolosa, appunto: si scatenino i cattolici scandalizzati da tanta libera interpretazione. Comunque sia, la pellicola è notevole, con molti momenti forti, girata ottimamente, sorretta da uno score musicale molto bello e con un finale che mette tutti d'accordo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gesù, sulla croce, può ancora scegliere. Questo e tutto ciò che viene dopo, è la parte migliore del film.
I gusti di Tomslick (Azione - Drammatico - Fantascienza)

Paruzzo 5/11/10 13:30 - 140 commenti

Grande lavoro di Scorsese che fa un ritratto di Gesù Cristo dando più importanza al lato umano della sua figura, rispetto a quello spirituale. Proprio per questo motivo il film in molti frangenti si discosta dalla Bibbia, soprattutto nel finale. Leggermente lungo, ma non eccessivamente pesante. Ottimo Willem Dafoe in un ruolo sicuramente non facile.
I gusti di Paruzzo (Gangster - Guerra - Western)