Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ME AND YOU AND EVERYONE WE KNOW

All'interno del forum, per questo film:
Me and you and everyone we know
Titolo originale:Me and you and everyone we know
Dati:Anno: 2005Genere: commedia (colore)
Regia:Miranda July
Cast:John Hawkes, Miranda July, Miles Thompson, Brandon Ratcliff, Carlie Westerman, Natasha Slayton, Najarra Townsend, Hector Elias, Tracy Wright
Visite:340
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/7/08 DAL BENEMERITO IL GOBBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 15/3/09 17:08 - 10954 commenti

Vincitrice di un premio a Cannes come migliore opera prima, questa pellicola diretta da Miranda July appare difficilmente catalogabile. In parte opera satirica, in parte commedia sentimentale, Me and you and everyone we know è sopratutto un film su tormentati rapporti umani all'interno della famiglie e non, girato con uno stile minimalista e scarno ma estremamente efficace, con sguardo rivolto principalmente agli emarginati sentimentali. Non per tutti.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Il Gobbo 1/7/08 21:58 - 3011 commenti

Lui, commesso di un negozio di scarpe separato dalla moglie, e lei "artista" che sbarca il lunario trasbordando vecchietti, si incontrano; i figli di lui passano il tempo su chat erotiche; due ragazzine... Da tempo in cerca di un fil rouge del cinema cosiddetto "indipendente" (ma da che?) lo abbiamo trovato qui: galleria di disadattati o deficienti tout court in situazioni demenziali fra dissertazioni scatologiche e varie morbosità, il tutto con musichina alla moda, e insisitita contemplazione dell'ombelico. W la dipendenza.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Pigro 7/7/10 8:47 - 7332 commenti

Solitudini e incomunicabilità generazionali: di trentenni incapaci di amare (separati o in cerca d'amore o di sesso) e di ragazzini che fingono un'età adulta con cui non sanno interagire (costruendosi il corredo delle nozze o entrando in chat porno). July descrive questo disarmante spaccato sociale scegliendo il registro poetico, un po' lieve e un po' grottesco, slittando spesso nel simbolico e scegliendo dialoghi impegnativi e allusivi. Fa molto indy e trendy, ma suona solo artificioso e retorico, nonostante qualche scena furbamente "carina".
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Magnetti 9/7/10 16:11 - 1103 commenti

Regista, sceneggiatrice e attrice: M. July ha ottenuto vari riconoscimenti come esordiente anche se non fosse ai tempi così giovane (classe 1974... che dire allora di Raimi & Co.?). Trattasi di film alternativo fra i blockbuster ma streotipato fra gli alternativi: prevedibile, autocompiaciuto e con un tema musicale riproposto continuamente e in modo ossessivo. Abbastanza insopportabile la protagonista, meglio John Hawkes. Gli spunti interessanti svettano qua e là su un tracciato piuttosto piatto. Vedibile e criticabile.
I gusti di Magnetti (Animali assassini - Avventura - Horror)

Mutaforme 3/6/12 15:09 - 383 commenti

Non sarebbe poi male se non fosse per quel senso di incompiutezza nel finale del film. Come sarà proseguita la storia dei trentenni? E delle ragazzine? Poco o nulla ci è dato sapere e tutto si conclude con un'immagine (la moneta) che non sapremo mai cosa volesse significare. Promossa solo Miranda July, in qualità di attrice.
I gusti di Mutaforme (Avventura - Fantascienza - Fantastico)

Supervigno 22/7/08 14:30 - 229 commenti

Evidentemente ci è sfuggito il senso profondo della pellicola. Non abbastanza perfido da servire da denuncia di alcunchè, per niente divertente, ci è sembrato soprattutto il tentativo di creare a tavolino dei personaggi artificiosi e di mescolarli insieme, per vedere che succede. Il punto esclamativo è per gli occhi della protagonista, sorprendentemente bella anche se in modo non convenzionale. In fondo, l'unica cosa davvero non convenzionale del film, che per il resto unisce tutti i luoghi comuni possibili dell'ambiente alternativo.
I gusti di Supervigno (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Ishiwara 28/5/11 20:41 - 214 commenti

Personaggi, immagini e situazioni che vorrebbero essere poetici. Vorrebbero, ma le buone intenzioni non bastano e più che di poesia si tratta di puerilità. Non è da buttare perché nel complesso risulta piacevole alla vista, ma vuole presentarsi come opera d'arte quando invece non è più che un gioco che la regista-protagonista si diverte a mettere in scena. Tra adulti regrediti a livello infantile e bambini che si fingono maturi il film prosegue senza un vero filo conduttore, toccando troppi temi e con troppa leggerezza. Non lascia il segno.
I gusti di Ishiwara (Animazione - Commedia - Drammatico)