Cerca per genere
Attori/registi più presenti

SALVATE LA TIGRE

All'interno del forum, per questo film:
Salvate la tigre
Titolo originale:Save the Tiger
Dati:Anno: 1973Genere: drammatico (colore)
Regia:John G. Avildsen
Cast:Jack Lemmon, Jack Gilford, Norman Burton, Patricia Smith, Thayer David, William Hansen, Harvey Jason, Liv Lindeland
Note:Oscar come miglior attore a Jack Lemmon nel 1973
Visite:656
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 8
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/6/08 DAL BENEMERITO GALBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 21/9/08 16:46 - 4328 commenti

Jack Lemmon è fantastico in questo film in cui, più che al sorriso, deve dar vita al dramma personale. Si rincorrono la nostalgìa della lontana gioventù, l’essere soli per quanto circondati da decine di persone, la difficoltà nel rispettare i valori nella costante competizione, i guasti della modernità. In tutto il film non c’è un minuto di troppo. Eccellenti pure tutti gli altri attori, con Jack Gilford indimenticabile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "L'Europa è un paese civile. Qui da noi le cose vanno a rotoli".
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 27/6/08 16:09 - 10759 commenti

Harry Stoner, presidente di una ditta di confezioni femminili, attraversa un momento di difficoltà finanziario e psicologico; deve così fare e accettare numerosi compromessi. Salvate la tigre è un film sul progressivo degrado dei valori morali in un'epoca di grossa crisi (i primi anni '70) della società americana. Il malessere del protagonista (uno splendido Jack Lemmon) è ottimamente reso dall'ottima sceneggiatura del film che senza dare giudizi etici rappresenta il progressivo disfacimento di un individuo e del suo mondo. Da vedere.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Cotola 25/7/17 2:07 - 6849 commenti

Ci mette poco a carburare questo straordinario film di Avildsen (regista per nulla banale) in cui si mette in scena in modo perfetto e magistrale il decadimento di un uomo, che incarna l'intera società americana, e dei suoi valori. La sceneggiatura fornisce dei dialoghi e delle situazioni intense e di grande interesse ed ha il merito supremo di non essere mai moralista e quindi di non giudicare le azioni del protagonista. Coinvolgente come pochi, vista la sua verbosità, e molto triste ed amaro. Monumentale la prova di Lemmon ma Gilford non gli è assolutamente da meno.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Lovejoy 17/8/10 15:47 - 1825 commenti

Bellissimo dramma ben scritto e diretto da un Alvidsen ancora al di là dal successo internazionale di Rocky (appena due anni dopo). Il film comunque è dominato dal primo all'ultimo minuto dalla carismatica interpretazione di un Jack Lemmon ai suoi massimi livelli e premiato giustamente con l'Oscar come Miglior Attore. La sua prova qui è da antologia. Ottimo anche il resto del cast.
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)

Rambo90 29/7/15 22:50 - 5546 commenti

Film giocato sulla grande forza attoriale di Jack Lemmon, che riesce a rendere alla perfezione lo smarrimento di un uomo che non ha più sogni, tanti rimpianti e che cerca di sbarcare il lunario ricorrendo ai mezzi più infimi. La sceneggiatura lo serve molto bene, regalandogli un paio di momenti indimenticabili. Più lenta e datata la regia, ma nel complesso è un film notevole.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Paulaster 21/2/19 10:13 - 2114 commenti

Produttore di tessuti cerca di affrontare le difficoltà finanziarie. Trama basata sulla nostalgia dei vecchi tempi confrontata col malessere odierno. Parecchia carne al fuoco tra strozzini, piromani, giochi erotici, Watergate e Vietnam: la nota dolente è la scelta dell'assolata Los Angeles. Con questa location si perde la connotazione del marciume e, anche se Lemmon è encomiabile come impegno, non si percepisce la malinconia di un'epoca ormai cancellata da una società senza valori morali.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incontro al cinema col piromane; Gli oggetti della escort; Lemmon che introduce la sfilata immaginando i soldati.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Il ferrini 18/8/17 11:16 - 1379 commenti

Intensa interpretazione di Lemmon (Oscar) al servizio di uno script molto verboso ma mai noioso o prolisso. Il suo essere risucchiato dalla depressione (emblematico il monologo alla ragazzina "vorrei innamorarmi di qualcosa, di qualsiasi cosa...") è palese metafora del decadimento di un intero paese. Molto bravo anche il socio in affari Jack Gilford (si rifiuterà di tuffarsi nella piscina di Cocoon), pure lui candidato agli Oscar. Un film molto intimo, diretto e interpretato magistralmente.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Modo 15/4/14 23:09 - 693 commenti

Uno spaccato d'America cinico dove regna il compromesso. Jack Lemmon strepitoso nell'interpretare un uomo di mezz'età nostalgico e psicologicamente combattuto tra presente e passato; presente che gli appare vuoto e privo di stimoli e slanci emotivi. Possiede una ditta di confezioni che manca di liquidità nonostante sia molto creativa e viva nel mercato. Degna spalla è Jack Gilford, uomo più "puro" e meno scaltro ma pronto a seguire il suo socio anche in situazioni al "limite". Film degno di nota, non troppo lento, tutto da gustare.
I gusti di Modo (Commedia - Drammatico - Fantascienza)