Cerca per genere
Attori/registi più presenti

BISTURI, LA MAFIA BIANCA

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 32
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Luigi Zampa aveva già affrontato lo scottante tema della corruzione della classe medica nel MEDICO DELLA MUTUA. Poi, alla luce di quanto fatto da Luciano Salce (qui presente come attore) nel successivo IL PROF. DOTT. GUIDO TERSILLI... Zampa cerca di far luce sul marciume che spesso sta dietro alle lussuose cliniche private. Ma questa volta non vuol più farlo usando l'arma della critica destinata a sfociare nella commedia comica e quindi la rassicurante presenza del bonario faccione di Alberto Sordi scompare, sostituita da quella del bravo Gabriele Ferzetti. Questi, chirurgo primario di grosso nome, al di là della facciata da benefattore disinteressato, nella sua clinica opera a prezzi esorbitanti, frodando il fisco e finendo presto mira di un misterioso ricattatore. Il suo aiutante è Giordani (Enrico Maria Salerno), dalla scorza dura ma sicuramente più onesto e meno incline alla truffa ospedaliera. Il loro rapporto, sottolineato da duetti straordinari con un Salerno che ancora una volta dimostra di saper recitare con inimitabile intensità, è il punto forte del film, grazie anche a una sceneggiatura ben calibrata e mai banale. La regia è condotta sapientemente e il film sa essere incisivo al punto giusto e molto coinvolgente. Il ritmo non scende mai e ogni personaggio è disegnato con un'attenzione non comune. La distinzione (soprattutto nel protagonista Ferzetti) tra Bene e Male non è netta e non di rado la troviamo sposata ad autentici slanci umanitari. Il finale è imprevedibile e di grande impatto, degna conclusione di un film di denuncia che non ha più nulla a che spartire con la commedia all'italiana dei film con Sordi. Ne è anzi la sua versione più vera e tragica, grazie alla quale capiamo fino a dove possa spingersi il potere dei medici.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 24/9/11 19:01 - 4223 commenti

Ciò che più colpisce è la sicurezza della regìa e il livello recitativo. D'altro canto se si usano, per mezze comparsate, professionisti come Nicastro e Bisacco, è chiaro che il livello ne guadagna (recitano, fra l'altro, legioni di riconoscibilissimi pure fra i non accreditati: Cerulli, Spadea, la Scagnetti, Bertocci, Spaccatini, Pagnani, Zanussi!). Film di denuncia, talora retorico, talora demagogico, talora troppo romanzesco (il doppio, incredibile, finale), ma di invidiabile compattezza (pure la deviazione Salerno-Berger è sobria). ***
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Undying 24/12/16 17:19 - 3875 commenti

Dalla posizione intermedia tra cinema d'autore e commerciale, Zampa dirige un piccolo gioiello, idealmente collegato al Medico della mutua per tema trattato ma all'opposto per l'atmosfera disturbante che predomina nel film: tra "professori" arrivisti, medici compiacenti, religiosi conniventi con la malasanità, a fare da padrone è l'etica "malata" rappresentata dal grande Ferzetti e dall'altrettanto immenso Salerno, qui in un ruolo ambiguo, oscillante tra impegno civile e mediocrità di adattamento al sistema. Ottima anche la colonna sonora.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'azione dei medici insanguinati con piano sequenza della telecamera in movimento dall'alto, mentre passa cinicamente da una sala operatoria all'altra.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Puppigallo 26/2/14 17:36 - 4088 commenti

La corruzione in camice bianco può davvero essere paragonata alla mafia, visto che uccide, spesso con mirata e appunto chirurgica precisione, dato il mestiere. E in questa pellicola non si salva praticamente nessuno (emblematico quando Enrico Maria Salerno dice "Chi è senza peccato scagli la prima pietra"). Certo, qui si mette il carico da novanta, calcando qua e là la mano a tal punto da trasformare la clinica in un'associazione a delinquere di stampo medico. Ma il risultato è comunque buono; e il concetto viene indubbiamente chiarito. Convincenti gli attori, su tutti Enrico Maria Salerno.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Non ho tempo per le stronzate". E Salerno: "Ecco perchè non riesci a capire te stesso"; "Stavo al bar, nel luogo più sano della clinica". Il finale.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 17/9/11 17:30 - 5737 commenti

Il lato cupo e drammatico de Il medico della mutua. L’attacco alla mala sanità, intesa come subordinazione della deontologia ippocratica alla dittatura del denaro e al senso di onnipotenza che il mestiere di medico procura, è scagliato con massimo vigore in un climax di tensione equiparabile a quello di un thriller – le minacce anonime, gli interventi in sala operatoria tra sangue e livore, il confronto in manicomio, le angoscianti musiche di Ortolani - che si allenta solo durante il siparietto comico con Salce e la Steni e la (futile) parentesi rosa con la Berger. Maiuscoli Ferzetti e Salerno.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Salerno nella stretta finale con Ferzetti: «E adesso decidi tu a quale scettro dovrai inchinarti. Ma di chi ti potrai fidare?».
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 5/9/08 14:28 - 6690 commenti

Film di denuncia sociale poco riuscito (il regista in passato ha fatto decisamente meglio) in cui Zampa ripercorre il tema della corruzione della classe medica già affrontato ne Il medico della mutua; ma lo fa questa volta in maniera drammatica. Il risultato è, purtroppo, abbastanza deludente ed anche un po' noioso e prevedibile. Non un disastro ma comunque non all'altezza.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Caesars 4/1/10 10:49 - 2325 commenti

Meno convincente di quanto ci si può aspettare. La scelta di denunciare il sistema sanitario italiano (come nel precedente Il medico della mutua) in un film drammatico è sicuramente buona, purtroppo la sceneggiatura non è all'altezza dell'argomento trattato. Rimane comunque un film importante e ben recitato sia da Ferzetti che, soprattutto, da Salerno; la Berger è sempre un gran vedere (ma quante suore così belle ci sono in giro in realtà?). Purtroppo direi che la situazione dagli anni '70 ad oggi, in campo medico, non sia cambiata in meglio.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 13/12/15 16:46 - 3011 commenti

Un Medico della mutua versione nero pece piuttosto faticoso e incasinato nella primissima parte; poi i personaggi iniziano a prendere forma e con essi il film, che cresce col passare dei minuti (ottimo anche il confronto - a un passo dal sentimentale - tra i due soli personaggi positivi) fino al susseguirsi di sorprese bastardissime della parte finale. Confezione ok, cast praticamente perfetto con un Ferzetti al ruolo della vita. Cinema di denuncia indubbiamente professionale, pur se con qualche momento di stanca e non sempre coinvolgente.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Markus 18/7/13 12:17 - 2550 commenti

Zampa torna in ospedale... no, non per malattia, ma con la macchina da presa visto che egli stesso, pochi anni prima, aveva voluto approfondire il medesimo argomento (“guai del sistema sanitario italico”) in forma canzonatoria. Questa volta la butta sul drammatico e, per farlo, si avvale di due sommi della recitazione: Ferzetti (magistrale) e Salerno (un po' sottotono ma pur sempre efficace). Tensione, buoni dialoghi e vicenda emozionante arricchiscono la pellicola, che già di per sé si giova del calibro eccellente degli attori.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Capannelle 10/10/11 9:20 - 3423 commenti

Nei primi venti minuti si viaggia su livelli altissimi, poi gli inserti socio-politici spezzano il ritmo. Ma l'insieme di tutti gli attori e la cricca dei medici al tavolo operatorio sono roba da leccarsi i baffi. Peccato che questo capitale venga in parte indebolito da una visione troppo manichea delle cose: i due angeli da una parte, una simil-Spectre dall'altra. Regia e fotografia azzeccate. 3 palle.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le operazioni in parallelo.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Herrkinski 18/1/16 4:31 - 3848 commenti

Buona pellicola di denuncia che affronta il tema della malasanità e della corruzione etico/morale nell'ambiente ospedaliero degli anni '70; se alcuni dialoghi scontano l'età della pellicola (in un passaggio si discute sull'illegalità dell'aborto e si vedono ancora i manicomi-inferno), altri possono essere letti in chiave moderna e risultano quindi efficaci, specialmente grazie alle ottime interpretazioni dei protagonisti. Qualche momento ripetitivo al centro, ma nel complesso godibile e ben confezionato, con l'apice nei duetti Ferzetti/Salerno.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il dialogo finale Ferzetti/Salerno; L'apparizione di Jimmy Il Fenomeno in manicomio.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

G.Godardi 2/7/08 17:05 - 950 commenti

Luigi Zampa torna a mettere il dito, pardon il bisturi, nella piaga. Ovvero nel sistema sanitario italiano. Dopo averlo satireggiato amaramente e con gusto, tenta qui una versione seria della vicenda. Molti attori provengono dal Medico della mutua, il che crea ancora più straniamento. Imperfetto e a corrente alternata, ha i suoi momenti migliori nella prova di Salerno (impareggiabile qaundo flirta con la suora Berger) e nella sapiente regia, che ci regala alcune delle scene ospedaliere meglio realizzate (le operazioni). Purtroppo la sceneggiatura zoppica.
I gusti di G.Godardi (Horror - Poliziesco - Thriller)

Trivex 3/8/11 9:44 - 1346 commenti

La sanità privata vs quella pubblica. I baroni contro gli studenti e i milioni (tre, quattro o due) per farsi operare bene (o male). Copione d'avanguardia, ma credo che le cose siano rimaste tali da allora ad oggi, purtroppo. Bene si fa a sottolineare alla fine quanto l'esempio non vada generalizzato e che per un medico sbagliato ce ne sono cento giusti, ma anche l'uno per cento in questi casi è devastante. Molte le scene in camera operatoria, ma non si indugia tra gli organi; notevole la tensione tra i medici operanti, quando ci sono guai. Da vedere in salute.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Qui non muore nessuno!" Il terrificante espediente per incastrare il medico buono.
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Saintgifts 18/9/14 7:55 - 4099 commenti

Sono passati più di quarant'anni e il tema è ancora attuale, probabilmente è anzi peggiorato. Speculare sulle sofferenze fisiche e mentali umane, specie da parte di chi ha fatto il giuramento di Ippocrate, è peggio della mafia vera. Nel film sembrano più numerosi i cattivi medici, tra "baroni" e loro seguaci; il ruolo di dottore con un'etica da rispettare è affidato a un uomo che comunque deve combattere con suoi problemi personali. Pessimista, sembra che la giusta punizione sia affidata al caso. Parentesi umoristica con un Salce affetto da priapismo.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 22/5/11 12:06 - 3170 commenti

Dopo aver analizzato con ironia il mondo della sanità, Zampa affronta l'argomento in maniera più seria evidenziando la figura dei baroni nel mondo ospedaliero. La pellicola, che alterna validi momenti a situazioni meno riuscite, è comunque un'efficace denuncia che cerca anche di colpire emotivamente lo spettatore. Sempre corretta l'interpretazione di Salerno.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Belfagor 20/6/14 10:48 - 2550 commenti

Dramma incentrato sulla malasanità, la cui forte capacità di critica sociale viene sminuita da un eccessivo ricorso a stilemi drammatici. I momenti più efficaci, infatti, sono quelli in cui i vari cancri della medicina (traffico di sangue e organi, ricatti, soldi sporchi) sono dissezionati ed esaminati con chirurgica freddezza. Ottimo il conflitto tra il cinico primario Ferzetti e lo scontroso ma giusto Salerno, interessante il rapporto di quest'ultimo con una suora dell'ospedale (Berger). Finale catartico ma non ingenuo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli ignari pazienti trasportati verso la sala operatoria in un'atmosfera da thriller.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Myvincent 28/5/18 8:10 - 2073 commenti

Baroni universitari, professoroni, camici bianchi satelliti, instabilmente in bilico prima della riforma sanitaria dentro a desolante quadro, non dissimile da quello odierno. Il cinismo regna sovrano, potenziato dalla falsa misericordia sui poveracci senza arte né parte. La figura del prof. Vallotti è un prototipo molto affermato, pur indurito dalla totale assenza di sfaccetture psicologiche. Il film si regge soprattutto grazie a mostri sacri come Salerno e Ferzetti, mentre su tutto si staglia l'inevitabile, inesauribile Nemesi...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'inutile siparietto osé con Luciano Salce.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Rufus68 8/4/16 22:21 - 1952 commenti

Intenti sin troppo didascalici in questa denuncia contro i baroni nella Sanità; tuttavia, nonostante carnefici e vittime abbiano ruoli sin troppo definiti (con una punta di patetismo), il film va in crescendo trasformandosi in un solido dramma sull'avidità e la corruzione (che il regista estende, en passant, anche alla magistratura e ai piani alti ministeriali). Irrisolto il personaggio della Berger, che viene lasciato in alto mare: Bravi i duellanti Ferzetti/Salerno, e, al solito, Claudio Gora.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Didda23 14/12/16 10:13 - 1936 commenti

Zampa conferma di essere un abile regista (troppo spesso sottovalutato) confenzionando un film di denuncia davvero ragguardevole. L'abbandono di qualsivoglia appiglio comico e ironico presente invece nell'opera con Sordi si rivela vicente perché immerge lo spettatore in un mondo nero come la pece, nel quale il profitto è il bene auspicabile e il paziente un oggetto da trasformare in guadagno. Notevole la sceneggiatura, ottimi gli scambi dialettici fra uno straordinario Salerno e un sorprendente Ferzetti. Score di Ortolani dal forte impatto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Piera degli Esposti che prega in chiesa aspettando il risultato dell'operazione del marito; La decisione di staccare il rene artificale.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Fauno 28/7/09 16:42 - 1686 commenti

Si sottolinea il potere esercitato dai professori e in particolare dai baroni, tanto sui pazienti che sui dottori che vorrebbero dare il meglio ma si trovano le strade sbarrate da interessi frivoli e di corridoio. Molto verosimili e angoscianti gli interventi chirurgici, in cui la tensione viene letteralmente lanciata allo spettatore, che si accorge come spesso nelle sale operatorie non ci sia il feeling necessario, ma altri sentimenti che dovrebbero restare a 1000 miglia di distanza.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I teli e i camici bianchi che in chirurgia stancano gli occhi, il sangue che non fa più capire niente e le insolenze fra medici. Sto male per tutti!!!
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Stefania 9/5/12 1:26 - 1600 commenti

Interessante come film di denuncia, puntuale summa dei malanni del sistema sanitario (arroccamento dei "baroni" sui privilegi acquisiti, fuga dei giovani cervelli, ospedali psichiatrici-lager, mercato del sangue e degli organi, "cucchiai d'oro"), ma fruibile soprattutto come noir... in camice bianco, vista la caratterizzazione fortemente anti-eroica sia del protagonista, Ferzetti, che dell'antagonista, Salerno, l'uno idealista nel suo cinismo, l'altro cinico nel suo idealismo, entrambi sconfitti alla resa dei conti. Sincero e potente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Ti sei reso conto che essere medico è soprattutto un esercizio di potere?" Tutte le sequenze in sala operatoria.
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Dusso 12/5/12 16:53 - 1525 commenti

Bel film di denuncia cupo e che lascia un senso di smarrimento nello spettatore. Ottimi Gabriele Ferzetti ed Enrico Maria Salerno (la sua parentesi con la Berger però è un po' irrisolta, nel contesto). Impagabile Jimmy il fenomeno che fa il matto. Avercene di film così, oggi...
I gusti di Dusso (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Nicola81 15/11/13 22:30 - 1456 commenti

Argomento ancora oggi estremamente attuale per questo film di denuncia a tratti sopra le righe, vibrante ma non privo di ironia, diretto da Zampa con innegabile bravura e sorretto da una buona sceneggiatura degli specialisti De Rita e Maiuri. Finale un po' eccessivo, ma con un colpo di coda conclusivo che lascia veramente il segno. Notevoli le prove di Ferzetti e Salerno, mentre la Berger è sicuramente una delle suore più affascinanti mai apparse sullo schermo. Bella la fotografia di Ruzzolini, ancora meglio la colonna sonora di Ortolani.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Furetto60 8/4/14 20:28 - 1129 commenti

Un gran bel film di denuncia sociale che si avvale delle maiuscole prove di uno spocchioso (nel ruolo) Ferzetti e di un caustico Salerno. La malasanità nazionale messa a nudo dalla raccolta del malato alla (disorganizzazione della) sala operatoria. I punti di contatti col famoso Medico della mutua ci sono, ma qui la parte comica si limita a un cameo di Salce, peraltro superfluo. A tratti didascalico, comunque efficace nella rappresentazione e nell'impatto. Le considerazioni, a tanti anni di distanza, sono tristi e desolanti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I dialoghi tra Salerno e Ferzetti e quello con la Berger; Fare il medico implica esercitare il Potere.
I gusti di Furetto60 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

skinner 29/8/07 21:00 - 595 commenti

Bel denuncia-movie di Luigi Zampa, un po' il lato serio del Medico della mutua. Ferzetti grandissimo; ottima la prima parte, nel disegnare la figura ambigua del protagonista e in generale il fenomeno dei "baroni" (al solito c'è di mezzo anche Gora in uno dei suoi tanti ruoli da antipatico). Poi quando l'affresco "generale" deve scendere nella storia "particolare" il film sbanda paurosamente, per chiudere con un finale retorico e davvero poco credibile. Una chicca vedere Enzo Garinei in veste negativa.
I gusti di skinner (Commedia - Drammatico - Western)

Motorship 10/7/13 17:21 - 567 commenti

Ottimo film di Zampa sulla malasanità e sulla corruzione che vige imperterrita negli ospedali. La cosa che più salta all'occhio è la straordinaria attualità della pellicola, oltre che la denuncia vera che si respira. Il valore aggiunto poi viene dato anche dalle ottime performance dell'eccellente cast, in particolare di Gabriele Ferzetti (magistrale) e di un grandissimo Enrico Maria Salerno. La Berger è stupenda anche vestita da suora e notevole è l'uso dei caratteristi. Assolutamente da vedere!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le scene in sala operatoria; La scena finale.
I gusti di Motorship (Comico - Drammatico - Western)

Alex75 29/11/16 9:29 - 521 commenti

Zampa dirige con sicurezza una serrata denuncia di una professione ridotta troppo spesso a mero esercizio di potere, tra una filantropia di facciata e speculazioni sulla pelle dei pazienti. A dar vigore a un film purtroppo attuale contribuiscono, oltre ai dialoghi, le ottime prove degli attori: non solo Ferzetti e Salerno che danno ulteriore spessore ai loro personaggi a tutto tondo, ma anche i comprimari e le "terze linee", con menzione particolare per la Berger e per Piera Degli Esposti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La lezione all’Università; Le battute caustiche di Salerno; Le tesissime scene in sala operatoria; Il confronto finale tra Ferzetti e Salerno.
I gusti di Alex75 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Alex1988 4/10/16 18:13 - 405 commenti

Terribilmente attuale e quindi inquietante. Negli anni 70 Zampa abbandona quasi del tutto la commedia (tranne l'ultimo film) ed esplora la realtà italiana in chiave più realistica. Questo "Bisturi" ne è la prova; se con Il medico della mutua si affrontava l'argomento malasanità in chiave satirica, in questo film non c'è alcuno spazio per la risata. Grandi Ferzetti e Salerno.
I gusti di Alex1988 (Azione - Poliziesco - Western)

Azione70 22/11/16 23:14 - 121 commenti

Potere e denaro al centro della sanità nazionale: ancora d'attualità (purtroppo), la pellicola è la (brutta) copia drammatica del Medico della mutua di sordiana memoria. Bravissimo Salerno nei panni del medico antagonista, anche se il suo personaggio è sceneggiato in modo contraddittorio. Solido Ferzetti come protagonista, umano e avido al tempo stesso. La regia, visto il soggetto, altalena scene di pathos (in sala operatoria) a momenti di noia, per poi concludere in modo affrettato la storia. Fuori contesto la Berger monaca. Musiche buone.
I gusti di Azione70 (Comico - Commedia - Poliziesco)

Max renn 9/4/12 19:52 - 80 commenti

Esplicito atto di denuncia politico-sociale nei confronti di un sistema sanitario dominato da logiche di potere e fortemente condizionato dalla smania di grandenzza dei baroni della medicina e dalla ruffianeria dei loro subalterni accoliti. Insomma, per Zampa viviamo in un mondo marcescente in cui appare utopico sottrarsi al fetore. Sceneggiatura e prova del cast sono di buon livello; il finale si rivela invece troppo sbrigativo e raffazzonato, oltre che parzialmente slegato dal corpo dell'opera. Condivisibile fino a un certo punto.
I gusti di Max renn (Fantascienza - Horror - Western)

Gmriccard 14/7/18 12:36 - 37 commenti

Riuscitissimo film di denuncia sul business legato alla salute, di epoca peraltro pionieristica. Ferzetti ottimo nella parte del barone competente ma ugualmente senza scrupoli, Salerno perfetto come sottoposto obiettore di coscienza; c'è anche spazio per un cammeo di Salce che alleggerisce il dramma. Eccellente il motivo principale della colonna sonora, che getta sale sulle ferite aperte dalle vicende narrate. Quando si arriva all'obbiettivo facendosi comprendere dal pubblico e con tali prove attoriali allora si può parlare senza dubbio di capolavoro!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il riuscitissimo tranello architettato per incastrare il dr. Giordani (Salerno), peccato che l'effetto secondario sia quello di causare un decesso.
I gusti di Gmriccard (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Moro 14/2/12 9:35 - 36 commenti

Una sorta di versione noir della commedia Il medico della mutua, il film vive su una non comune dualità: da una parte un eccesso di didascalicità nella proposta dei temi; dall'altra una sceneggiatura e una interpretazione pressoché perfette. Ciò che il primo aspetto toglie, il secondo restituisce con gli interessi. Da non credere che attori come Ferzetti e Salerno, all'epoca, si dovessero ammirare solo in film di nicchia. Bellissima la conclusione della vicenda, senza il solito, atteso, finale in stile mafioso.
I gusti di Moro (Drammatico - Giallo - Thriller)

Lamax61 7/8/12 7:57 - 29 commenti

Non c'è nulla da fare. Certi film quando fanno la loro comparsa non sembrano così importanti come in realtà sono. Anticipa con straordinaria precisione quello che constatiamo quasi ogni giorno. A me è piaciuto assai e i due protagonisti principali sono veramente bravi. Da far vedere a tutta la gente (medica e paramedica) che indossa il camice bianco, spesso e volentieri.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'architetto nasconde gli errori sotto l'intonaco-il cuoco sotto la salsa ed il medico?.. Sotto terra!!!! Barzelletta che Vallotta racconta al figlio.
I gusti di Lamax61 (Commedia - Drammatico - Poliziesco)