Cerca per genere
Attori/registi più presenti

GARDENIA BLU

All'interno del forum, per questo film:
Gardenia blu
Titolo originale:The Blue Gardenia
Dati:Anno: 1953Genere: gangster/noir (bianco e nero)
Regia:Fritz Lang
Cast:Anne Baxter, Richard Conte, Ann Sothern, Raymond Burr, Jeff Donnell, Richard Erdman, George Reeves, Ruth Storey, Ray Walker, Nat 'King' Cole
Visite:721
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 16
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/6/08 DAL BENEMERITO COTOLA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Pigro 9/10/11 21:42 - 7333 commenti

Lang è un signore della cinepresa, anche quando deve gestire una storia scialbotta e con falle logiche (soprattutto nel finale astruso). Interessante il tema della stampa, col giornalista che guida il gioco indagatorio condizionando il comportamento dell’assassina smemorata fino a farla costituire a lui stesso. Ma i rari momenti d’effetto (lei che entra nella redazione al buio) galleggiano nell’ovvietà, sospesa fra atmosfera thriller e retrogusto sentimentale. Senza infamia e senza lode, col cameo (piatto pure quello) di Nat King Cole.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Homesick 19/9/10 9:10 - 5737 commenti

Se da un lato si assiste all’ennesima, pleonastica dimostrazione del talento visivo del regista – l’eleganza della messa in scena, gli specchi, gli immancabili chiaroscuri, il vortice onirico che accompagna il deliquio della Baxter - , dall’altro se ne evidenziano i limiti narrativi, affioranti nella fragilità dell’intreccio e nelle lentezze che inceppano tutta la seconda parte. Unica interpretazione rimarchevole è quella di Burr, specializzato in personaggi più o meno secondari e negativi prima di riscattarsi con i successi di Perry Mason e Ironside.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 6/6/08 14:17 - 7038 commenti

La palese dimostrazione della grandezza di Lang, il quale riesce, partendo da un soggetto non certo originalissimo e di altà qualità, a dar vita ad un film per nulla banale (basti vedere lo scioglimento dell'intreccio... un vero gioiellino) in cui riesce a trattare alcune tematiche del suo cinema, elevando il film da semplice operzione commerciale a piccola perla del noir. Inutile dire che tecnicamente è innapuntabile. Piccolo cameo per Nat "King" Cole.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Tarabas 21/2/11 13:41 - 1620 commenti

Dopo l'embargo maccartista, Lang gira un film di genere senza troppe pretese. Un delitto, una subdola campagna stampa, un'indagine che cerca solo un colpevole da dare in pasto al pubblico. E il tema della rimozione dei fatti, l'assunzione di colpa per un fatto che forse non si è commesso, che porta a un'ingiusta condanna ma che risponde al bisogno di liberari dal peso dei sospetti. Le spie nascoste nei luoghi più impensati. Che Lang, oltre al delitto della Gardenia Blu, stesse pensando ad altro? Come al solito, impeccabile fotografia di Musuraca.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Daniela 9/1/10 8:25 - 8134 commenti

Opera minore nella filmografia di un maestro, per la scarsa originalità della storia, certi passaggi troppo sbrigativi o implausibili (tipo l'innamoramento fulmineo del giornalista), uno scioglimento dell'inghippo tirato via, interpretazioni non particolarmente memorabili. Rimane una certa eleganza formale, l'atmosfera creata dalla voce di Nat King Cole (che si esibisce al piano nella parte di se stesso) e il gusto di alcuni particolari, come il volto di Burr - dongiovanni dallo sguardo languido - riflesso nello specchio che viene frantumato.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Caesars 5/3/10 11:06 - 2470 commenti

Non mi pare possa essere avvicinato ai migliori lavori del regista tedesco: la trama non brilla certo per originalità (anche se, forse, nel 1953 l'idea poteva essere stata ancora sfruttata poco) e la sceneggiatura ha sviluppi piuttosto precipitosi e poco credibili. Comunque la mano di Lang c'è e riesce a sollevare un po' il livello del film. Buona la prova della Baxter, molto meglio di quella di Conte. Burr risulta abbastanza odioso, ma giustamente è quello che la parte richiedeva. Comunque merita una visione.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Harrys 17/1/10 21:43 - 679 commenti

Una giovane donna, fedele e premurosa, viene crudelmente liquidata dal compagno partito per la Corea; per dimenticare, la ragazza si getta tra le grinfie di un mefitico donnaiolo. Da qui il pretesto per uno svolgimento che non rappresenterà uno che sia un uomo degno di questo nome. Profittatori, superficiali, materialisti, menzogneri, doppiogiochisti... A ben vedere neanche la protagonista ci fa una bella figura: ingenua come una lattante. Leggermente artificio il turbillon finale, apprezabile tuttavia l'indizio ad inizio pellicola. Datato.
I gusti di Harrys (Comico - Fantastico - Horror)

Rambo90 8/7/17 1:12 - 5877 commenti

Bel dramma/giallo di Lang. I topoi del suo cinema ci sono tutti: qualcosa che non si ricorda sepolto sotto una brutta esperienza, un po' d'ironia caustica che non guasta, una donna tormentata protagonista, uso del bianco e nero esemplare in fotografia (anche ad accentuare luci e ombre della situazione). Il ritmo è svelto, la sceneggiatura ben scritta e con momenti davvero riusciti e anche brillanti. Bravissima la Baxter, in parte Conte e uno sgradevolissimo Burr (ripreso poi da Hitchcock). Finale prevedibile, per i fruitori del genere.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Saintgifts 16/1/10 17:03 - 4099 commenti

La mano di Lang si riconosce nonostante il film non sia uno dei suoi migliori. La storia non sarebbe male, eccettuati alcuni punti tirati un po' via, ma secondo me la scelta dei due interpreti maschili, contrapposti alla brava Anne Baxter, è stata completamente sbagliata. Raymond Burr è più che antipatico e questo va bene, ma la sua corpulenza e i suoi occhi non sono adatti alla parte di ritrattista dongiovanni. Richard Conte non è l'eroe che fa innamorare, ma viceversa sarebbe andato bene nella parte di Burr. Rimane un'ottima fotografia da noir.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Pinhead80 31/5/19 16:04 - 3479 commenti

Bellissimo noir firmato Fritz Lang che tiene con il fiato sospeso sino alla fine. Una donna addolorata dalla notizia che il suo fidanzato si è innamorato di un'altra donna finisce ubriaca tra le mani di un Don Giovanni. Nel cercare di proteggersi lo colpirà con un attizzatoio. Musiche e atmosfere al top per un grande classico del cinema che non si può non vedere almeno una volta nella vita.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Myvincent 5/7/15 7:34 - 2312 commenti

Con le note di un giovanissimo Nat King Cole sembra consumarsi l'omicidio di un viscido playboy per mano di un implacabile attizzatoio. Fritz Lang abbandona gli usuali sfondi bellici tuffandosi nell'opulenza americana di quei tempi, dove abbondano il vizio e la superficialità, contrastati dal miracolo virtuoso di un singolo. L'ottimismo di una nazione che è una superpotenza. Thriller sociale di gran classe.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Un disco... salvifico!
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Minitina80 1/10/16 9:28 - 1996 commenti

Ogni film di Lang parte da una base non comune a tutti che rappresenterebbe per molti un punto di arrivo. Il bianco e nero è elegante e il gioco di luci accurato, mentre nella costruzione delle scene e nella scelta delle inquadrature è assolutamente impeccabile. Basterebbe già questo per considerarlo un ottimo lavoro. Ha l’unico difetto, se così si può dire, di avere uno sviluppo della sceneggiatura “normale”, forse sbrigativa in alcuni passaggi, che in un’opera di Lang rappresenta quasi un anomalia poiché ci ha abituati a ben altro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il frammento di specchio che si rompe e riflette il viso della vittima.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Stefania 12/2/09 1:13 - 1600 commenti

È possibile aver ucciso un uomo e non ricordarlo? È questo l'incubo che la giovane Norah inizia a vivere al risveglio da una notte di alcol e di follie. Se il film restasse incentrato sul dilemma interiore della protagonista, sarebbe un tesissimo, angoscioso noir. Invece, viene posto in maggior risalto il conflitto tra le indagini non autorizzate di un giornalista e quelle ufficiali della polizia. Rimane comunque un ottimo poliziesco, arricchito da una giusta dose di humor.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La serata nel night club, con Nat King Cole che canta "Blue Gardenia".
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Faggi 9/3/17 15:53 - 1408 commenti

Noir commerciale e normalizzato di Lang dove lo stile visuale e di conduzione degli attori del Maestro è gustabile solo per frammenti, poiché l'insieme, minato anche da una sceneggiatura artificiosa e a tratti paludata, non riesce a convincere. La splendida fotografia di Musuraca rende espressiva e vellutata la superficie, certi passaggi colpiscono l'immaginazione (la scena dello specchio, per esempio) ma è poco o è solo il minimo sindacale che basta giusto a incuriosire e a non sprofondare nell'indifferenza.
I gusti di Faggi (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)

Graf 31/5/15 23:23 - 627 commenti

Più artista della mise-en-scene che organizzatore della narrazione, Fritz Lang in questo film ci seduce con l’attizzatoio che frantuma il grande specchio sul caminetto, con la fioraia cieca capace di riconoscere il fruscio particolare di un vestito, con la stizzita critica all'universo spietato dei mass media. Schegge, frammenti del mondo, inghiottiti in una spirale vorticosa e che velocemente roteano nella mente debole della protagonista Norah che si crede autrice di un delitto... Film noir imperfetto ma dal grande fascino visivo. Regia inesorabile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Raymond Burr si conferma attore di razza, molto portato per certi ruoli da "vilain": il suo Harry Prebble è un giornalista di rara antipatia.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)

Noodles 22/8/19 22:58 - 302 commenti

Il ritorno di Fritz Lang a Hollywood non è dei più memorabili. La storia infatti è scialba, sia nella sua idea principale che nei contenuti e nel suo svolgimento. Sono parecchie le cose poco credibili. A salvare la pellicola è la mano del maestro, che si intravede sempre, anche in pellicole non esaltanti come queste. Alcune scelte registiche e fotografiche sono da manuale. Peccato siano inserite in un film che forse non lo meritava. Altro punto a favore, la presenza di Nat King Cole.
I gusti di Noodles (Commedia - Drammatico - Horror)