Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• 4. LA PORTA SUL BUIO: TESTIMONE OCULARE

All'interno del forum, per questo film:
• 4. La porta sul buio: Testimone oculare
Dati:Anno: 1973Genere: corto/mediometraggio (colore)
Regia:Roberto Pariante, Dario Argento (n.c.)
Cast:Marilù Tolo, Riccardo Salvino, Glauco Onorato, Altea De Nicola, Luigi Pagnani Fusconi (Gino Pagnani), Gianfranco Barra
Note:Fa parte della serie tv "La porta sul buio" prodotta da Dario Argento.
Visite:2681
Il film ricorda:Merletto di mezzanotte (a Caesars)
Filmati:
Approfondimenti:1) TUTTO CIO' CHE E' DARIO ARGENTO (LA LISTA)
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 23
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Dopo 4 MOSCHE DI VELLUTO GRIGIO Dario Argento pareva deciso ad abbandonare quella particolare forma di thriller dalle tinte forti che l'aveva portato al successo. Tuttavia, in seguito al flop del curioso e misconosciuto LE CINQUE GIORNATE, rientrò nei ranghi e produsse per Rai Uno quattro telefilm di un'ora ciascuno che riprendevano, ammorbidendole in ragione della destinazione televisiva, le caratteristiche dei suoi thriller. Fu una scelta vincente, che impose la figura di Argento (presentava i minifilm alla maniera di Hitchcock, con una brevissima introduzione di un paio di minuti) a più di venti milioni di italiani (all’epoca si poteva scegliere solo tra due canali), che lo indentificavano ormai come l’incarnazione della paura e del terrore. Nella prima puntata Argento annuncia che i registi saranno sempre diversi (anche se IL TRAM è in realtà suo, diretto sotto falso nome, e TESTIMONE OCULARE ne reca ampiamente le tracce) e proporranno un approccio nuovo, moderno, al genere “giallo”. La fotografia di Elio Polacchi è tipicamente argentiana, le musiche di Giorgio Gaslini (tornerà anni dopo con Argento per PROFONDO ROSSO) sincopate, jazzate: suonano assolutamente sperimentali per il thriller e caratterizzano una volta di più l'elemento di novità. Per l'epoca (siamo nel 1973) LA PORTA SUL BUIO dovette rappresentare un bel passo in avanti nell'estetica televisiva, anche se visti oggi i quattro episodi restano passabili o poco più (salvo forse per IL TRAM). Gianfranco Barra, nella parte di un investigatore, appare nella presentazione dell'ultimo telefilm: “E’ una storia vera”, dice lui.

• TESTIMONE OCULARE (**)
Soggetto di Argento, collaborazione con Cozzi per la sceneggiatura, regia affidata a Roberto Pariante (aiuto regista dei primi lavori di Argento) ma con ampie ingerenze del nostro. La storia riguarda le apparenti “visioni” di Marilù Tolo (che in qualche modo danneggia l'episodio con una recitazione inadeguata), a cui nessuno pare voler credere quando afferma di aver investito una ragazza già agonizzante e di aver visto il suo assassino. Si gioca molto con i sospetti, ed è evidente che il colpo di scena è dietro l'angolo. Molto umano e credibile il commissario, molto meno l'amante di lei. Pariante abusa con i primi piani, gli stacchi improvvisi, ma si riscatta parzialmente dalle scene di suspense all'interno della casa di Marilù Tolo (dove si sente la mano di Argento). Ben sfruttate le partiture jazz di Gaslini, finale prevedibile.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 19/4/07 17:48 - 3875 commenti

Considerata la destinazione finale del prodotto, va riconosciuta la capacità di osare: per il tema molto forte e per i contenuti (all'epoca veri e propri tabù televisivi). Marilù Tolo è bellissima e l'ora passa velocemente... Raffinato e ottimamente girato, anche se inferiore all'episodio diretto da Cozzi (Il Vicino di Casa).
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Homesick 9/7/07 18:08 - 5737 commenti

L'intreccio si riallaccia a Quattro mosche e il crescendo di tensione è costituito da ambienti claustrofobici, voci misteriose, senso di minaccia incombente, inquadrature insolite e montaggio sincopato, oltre alle musiche jazz di Gaslini. Insieme a Il tram, l'episodio più riuscito della serie, dove l'impronta di Argento è maggiormente riconoscibile.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 29/1/09 2:21 - 7048 commenti

A mio avviso il miglior episodio della serie: buon inizio (con un bel colpo di scena) buon prosieguo e soprattutto gran finale che, per quanto un po' prevedibile, non delude e riesce anche a provocare qualche brivido. Nel complesso più che discreto soprattutto perché (vista anche la destinazione finale) riesce a mantenere una certa tensione narrativa dall'inizio alla fine.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Caesars 6/2/07 12:34 - 2474 commenti

Il telefilm è firmato da Pariante (già aiuto regista di Dario), ma pare che effettivamente la regia sia completamente di Argento. Comunque sia è l'episodio che più assomiglia ai film del nostro (compresa la voce che sussurra nel buio). L'unico grande, immenso difetto è la recitazione scandalosa di Marilù Tolo (all'epoca fidanzata del Maestro). Per il resto un buon prodotto con una trama interessante anche se non molto originale (deve molto a Merletto di mezzanotte, vecchio film con Doris Day).
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 21/12/08 14:21 - 3112 commenti

Il migliore degli epidosi della serie "La porta sul buio", registicamente notevole (soprattutto per un prodotto televisivo) e permeato da un clima cupo e inquietante. Sceneggiatura svelta ed interessante, cast di buon livello ed azzeccata colonna sonora. Decisamente un buon prodotto.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Brainiac 16/4/09 10:39 - 1081 commenti

Inferiore all'episodio Il tram ma comunque un film Tv dignitosissimo. Perchè vederlo? Perchè è la summa della poetica Argentiana della prima fase (quella in cui ancora faceva paura). Gli elementi sono pochi e ben gestiti: una villa isolata, un omicidio senza prove, una voce che cambia (la bellissima e claustrofobica scena della finestra col marito appostato nell'ombra). A questo Argento (Pariante), si può perdonare il resto: la pessima prova della Tolo e degli altri attori (commissario escluso), alcune incongruenze. Di fronte ad uno stile così personale...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La donna, vessata dall'assassino, si nasconde nella villa. Fuori c'è il marito appostato. E ad un certo punto la sua voce...
I gusti di Brainiac (Commedia - Gangster - Horror)

Trivex 18/2/14 11:29 - 1418 commenti

Buona la performance di Marilù Tolo per una discreta storia che poteva essere sfruttata meglio; ma la giustificazione, a causa del formato tv, è comunque piena. La vicenda avrebbe richiesto infatti uno sviluppo più forte, in particolare nel finale, comunque piuttosto teso e ansiogeno. Anche qui rimane inalterato il fascino di genere nero, perfetto nell'esplicitazione finale, assolutamente tipica di quel tempo, di quello passato e di quello (ahimè) presente. (**!)

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il commissario che dà del "bamboccio" al personaggio...
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Cif 28/5/09 22:58 - 272 commenti

La costruzione da giallo puro è assai ben fatta, il resto lo fanno gli indizi, i piccoli depistaggi e tutti i dettagli che hanno reso celebre Argento, che ancora si concentra sulla costruzione della paura dalle piccole cose: rumori, piccoli movimenti, oggetti ecc. Un Argento minimalista per questo 4°episodio della serie (il 2° migliore dopo Il vicino di casa). Qualcosa è un po' forzato nella storia, però a rivederlo oggi si respira a pieni polmoni il talento del nostro Dario e la sua curiosità artistica di indagare un genere. 2 pallini e 1/2.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il protagonista maschile (il marito) ha la stessa aria, una fisionomia simile e lo stesso timbro di voce di Argento!
I gusti di Cif (Drammatico - Fantascienza - Giallo)

Pinhead80 9/2/11 16:48 - 3489 commenti

Dopo aver assistito a un omicidio una donna, oltre a non essere creduta, è costantemente minacciata dall'assassino. Il film conclude la serie della porta sul buio e, tra tutti quelli visti in precedenza, è quello che ho gradito maggiormente, perché ha uno sviluppo intrigante ed è il meglio recitato. Il colpo di scena è dietro l'angolo...
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Rufus68 22/7/16 0:13 - 2663 commenti

L'inizio, poco parlato, con quelle acrobazie pirandelliane (la protagonista passa in pochi minuti da carnefice a vittima a mitomane), lascia ben sperare. Il prosieguo, però, è scontato e prevedibile; il colpo di scena intuibile. A parte Onorato, la recitazione è da Basso Impero televisivo (più attuale che anni Settanta).
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Minitina80 3/1/16 18:49 - 1996 commenti

L’episodio parte subito con un colpo di scena degno di nota, anche se la messa in scena è scarna e minimale. Si cerca di creare un minimo di suspense puntando sul versante psicologico che coinvolge la sventurata protagonista. A tratti sembra quasi un caso di cronaca nera. Purtroppo è debilitato da una recitazione deficitaria, eccezion fatta per Glauco Onorato che è l’unico che dimostra di avere un minimo di personalità. Mostra i segni dell’usura del tempo.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Fauno 5/9/11 12:17 - 1822 commenti

È questo il migliore e batte di gran lunga Il tram. Vero che alla fine si agevola lo spettatore ad arguire quantomeno un coinvolgimento di un personaggio, ma la trama è quasi unica, oltre che vera. Ottimo Onorato, ma impagabile la componente femminile. Altea De Nicola la dovrò cercare negli annali perché è stratosferica, della Tolo già lo sapevo che non avrebbe dovuto fare il minimo sforzo per assumere espressioni così drammatiche... lei è un'attrice nata, si sa plasmare bene ad ogni occorrenza e avrebbe meritato una carriera molto più sfolgorante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Tutto in ordine!" La sagoma dell'assassino col revolver.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Stefania 12/7/09 20:46 - 1600 commenti

Un bell'esercizio di stile: dare un'impronta registica originale a una storia che originale non è; giovane moglie in pericolo: vittima designata o isterica visionaria? Niente male il risultato: l'atmosfera è da brivido, le opportune malizie ci sono, il crescendo della tensione è ottimamente costruito. Discreto.
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Il Dandi 16/2/11 13:36 - 1597 commenti

Il tram era più metropolitano e virtuositico, ma questo è l'episodio più colorato e pop della serie (per me l'unico da gustare a colori e non nel b/n in cui fu trasmesso). Stile e trama sembrano quasi più quelli di un giallo lenziano che argentiano. Glauco Onorato svolge il suo ruolo di commissario con consueta efficacia, Marilù Tolo è bellissima e la si segue senza battere ciglio; peccato per le recitazioni degli altri, che inficiano parecchio l'atmosfera. La regìa è comunque precisa.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La voce sconosciuta che risponde alla protagonista da sotto alla finestra.
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Panza   3/3/14 18:01 - 1426 commenti

Almeno qui Pariente e Argento riescono a gestire discretamente il giallo psicologico con un montaggio forsennato e una parte centrale dell'episodio non da buttar via. Sono di più le cose che non vanno, però: la Tolo è davvero scarsa nella recitazione e ci ricorda la peggiore Asia Argento. Inoltre l'inizio lentissimo e la conclusione banale non giovano a questa puntata (con titolo utilizzato poi da Bava jr.) che conclude una serie molto sopravvalutata in cui forse l'unica cosa davvero bella è la raffinata colonna sonora di Gaslini. Inutile l'intro.
I gusti di Panza (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Bruce 18/6/09 16:38 - 927 commenti

Thriller originale, con buone atmosfere, inquietanti e stranianti. La brava Marilù Tolo si trova suo malgrado coinvolta in una situazione da brividi, la tensione è palpabile e crescente. Vi sono chiari rimandi a Images di Altman e al cinema di Hitchcock. Forse il migliore tra i quattro telefilm della Porta sul buio.
I gusti di Bruce (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Ira72 7/8/19 13:51 - 785 commenti

Marilù Tolo, con quel volto che richiama qualcosa della diva Liz Taylor, riempie lo schermo. Onorato, sornione, indaga su un cadavere e un assassino che non esistono (forse). La trama in sé non è speciale ed è facilmente intuibile chi si celi dietro a misteriose intromissioni e va anche aggiunto che il livello recitativo generale è piuttosto mediocre. Tuttavia questo tripudio anni 70 di colori, oggetti, musiche e chi più ne ha più ne metta, risulta piacevole. La zampata di Argento lascia comunque il suo segno, soprattutto sul finale. Nell'insieme, non male.
I gusti di Ira72 (Documentario - Horror - Thriller)

Rocchiola 18/2/19 13:48 - 654 commenti

Il soggetto e le musiche fortemente ritmate ricordano le 4 mosche argentiane. Pur essendo firmato da Roberto Pariante l'episodio venne in realtà girato da Argento, di cui sono riconoscibili alcune inquadrature e soggettive. Se la regia si eleva dal piattume televisivo del primo episodio, il ritmo rimane piuttosto blando e la sorpresa finale decisamente forzata. A conferma che per quanto innovativa all'epoca della realizzazione, vista oggi questa serie risulta deludente. Sempre ottimo invece il commento musicale di Gaslini.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'apparizione improvvisa del cadavere davanti alla macchina; I passi dell'assassino nella boscaglia; La spinta alla protagonista ferma al semaforo.
I gusti di Rocchiola (Guerra - Poliziesco - Western)

Graf 19/1/15 1:36 - 628 commenti

Marilù Tolo assiste all'uccisione di una donna ma del cadavere della vittima non c’è nessuna traccia. Film tv composito: macchinazione di chiare ascendenze lenziane, diffidenza del regista sulla capacità dell’occhio umano di scoprire la verità dall'osservazione delle realtà oggettiva, spaesamento kafkiano della protagonista, costruzione di uno scenario filmico avulso dal mondo reale, tecniche di ripresa agguerrite, musica e montaggio sincopati, paura in crescendo, autentico panico negli ultimi dieci minuti. Il più argentiano della serie. Notevole, anche se la protagonista Marilù Tolo recita così così.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Ottima e incisiva la prova interpretativa di Glauco Onorato nella parete del Commissario Rocchi.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)

Vitgar 25/9/14 9:29 - 586 commenti

Non mi convince del tutto. Dopo cinque minuti già si capivano il colpevole e il movente. Discreta la tensione narrativa, anche se molte soluzioni sono poco credibili (vedasi il progetto del marito per tendere l'agguato all'assassino). Poco consona la "predica" finale del commissario ai due fedifraghi. Attori decorosi, con una bella Marilù Tolo.
I gusti di Vitgar (Commedia - Thriller - Western)

Magi94 12/9/17 14:03 - 542 commenti

Tenendo anche conto che sia un prodotto televisivo, gli si concede la sufficienza solo per qualche guizzo argentiano nel finale (la voce mutata che risponde è un bel tocco da brivido). Per il resto posso anche chiudere due occhi sulla recitazione sotto ogni livello di decenza, ma non posso tacere sull'imbarazzante scopiazzata di un film più vecchio: Merletto di mezzanotte. Un sacco le somiglianze col film americano: il tentato investimento, le telefonate minatorie, il colpevole...
I gusti di Magi94 (Commedia - Drammatico - Horror)

Funesto 9/7/10 22:46 - 524 commenti

Notevolissimo quarto tassello della "Porta sul buio", forse il migliore dell'intero ciclo. Roberto Pariante costruisce una storia terribilmente coinvolgente: Marilù Tolo assiste ad un omicidio (volontario?) che pare non sia mai avvenuto e si sospetta della salute mentale della donna. Le atmosfere autunnali sono splendide e Marilù Tolo crea un personaggio intrigante e ambiguo sebbene la sua recitazione, a ben vedere, lasci a desiderare. Ottimo il finale, prevedibilissimo ma di grande effetto e ricco di tensione. Interessantissimo, da non perdere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Scena rubata a L'uccello dalle piume di cristallo: la Tolo con un coltello in mano corre ad aggredire il killer che prova ad entrare dalla porta.
I gusti di Funesto (Animazione - Horror - Thriller)

John trent 27/9/14 11:05 - 326 commenti

Sicuramente l'episodio più "argentiano" della serie, con killer dai guanti neri che fa telefonate minacciose con la voce artefatta e tensione che rimanda fin troppo sfacciatamente a L'uccello dalle piume di cristallo e 4 mosche di velluto grigio. Brava la Tolo. Pessimo il prologo iniziale con il poliziotto Gianfranco Barra che snocciola ad Argento alcuni casi di cronaca nera dai quali poter prendere spunto per un eventuale film. Comunque un discreto episodio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il commissario che sbuca nel finale dietro la porta.
I gusti di John trent (Commedia - Horror - Thriller)