Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ANASTASIA MIO FRATELLO

All'interno del forum, per questo film:
Anastasia mio fratello
Dati:Anno: 1973Genere: commedia (colore)
Regia:Stefano Vanzina
Cast:Alberto Sordi, Richard Conte, Edoardo Faieta, Luciano Pigozzi, Franco Angrisano, Feodor Chaliapin Jr., Maria Tedeschi, Ugo Carboni, Mary Dolan, Enzo Monteduro, Umberto Travaglini, Nello Caruso, Joe Anile
Note:Aka "Anastasia mio fratello ovvero il presunto capo dell'Anonima Assassini".
Visite:1111
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 9/10/09 7:12 - 10957 commenti

Dopo Un italiano in America, altra trasferta statunitense per Alberto Sordi, che impersona questa volta un religioso calabrese che si reca a New York per opere di bene. La caratteristica di questo film, tratto da un libro autobiografico di don Salvatore Anastasia, è decisamente l'interpretazione di Sordi che impersonando un personaggio reale è più contenuto del solido e meno legato ai canoni della sua comicità. Per il resto si tratta di un film non esaltante a causa di una sceneggiatura che appare piuttosto fiacca e ripetitiva.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Puppigallo 2/8/09 17:51 - 4340 commenti

La mafia Italoamericana viene qui utilizzata come pretesto per far muovere un Sordi un po' atipico in un ambiente alieno (lui è un prete italiano che nulla sospetta, anche se bisogna avere gli occhi foderati di prosciutto), con annessi equivoci, gente che si mette sull'attenti appena sente il suo cognome (il fratello è un potente boss) e relativa vita facile finchè non succede il patatrac. Sordi ce la mette tutta, ma questa sua quasi perenne aria malinconica e una sceneggiatura tendente a ripetere il concetto, finiscono per appesantire una pellicola già poco incisiva. Comunque, vedibile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Sordi bacchetta un boss perchè usa olio di oliva Albanese anzichè Siciliano; Il boss tenta di eliminarlo, ma avrà la peggio (a pezzi e paralizzato).
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Daidae 21/5/16 17:46 - 2598 commenti

L'insolita coppia Conte-Sordi dà più spessore a un film che altrimenti sarebbe mediocre. La caratura degli attori infatti non si discute e non è male nemmeno il resto del cast. Buona la regia, peccato per l'eccessiva lunghezza e una certa noia e pesantezza che si avvertono già verso metà film. Guardabile con riserva.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'olio albanese; Il finale dove Sordi dà il meglio di sé (sembra soffra davvero): attore indimenticabile.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Tomastich 20/6/11 23:25 - 1203 commenti

Un film moralizzante e certamente "italiano" anche se girato a New York: Alberto Sordi prete, fratello ignaro di un boss della malavita. Non è un film comico, bensì una riflessione (a volte un po' naif) sull'evoluzione della condizione dell'italiano nel Nuovo Mondo. Se considerate questa lettura un po' troppo alta... vabbè, accontentavi dell'Albertone nazionale.
I gusti di Tomastich (Animali assassini - Horror - Thriller)

Gabrius79 30/8/13 23:43 - 1117 commenti

Commedia amara poco riuscita diretta da Steno con un Alberto Sordi protagonista ma meno coinvolgente del solito. Il suo personaggio è ben delineato, ma seppur positivo, risulta essere un po' noiosoetto. Il film non ha momenti memorabili e quel poco di apprezzabile che c'è si salva grazie a Sordi.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Graf 25/10/13 15:32 - 627 commenti

Il successo mondiale del Padrino dette la stura a una breve stagione di film sulla mafia tutti dimenticabili eccetto il Lucky Luciano di Rosi. Questo film diretto da Steno è nato dal volere di Sordi che si era innamorato di un libro scritto da un candido sacerdote calabrese fratello di un boss della mafia di New York. Tra pittoreschi schizzi ambientali di Little Italy, coloriti ritratti di boss e picciotti, sentimentalismi, equivoci e risate amare, il film, gracile e piuttosto fiacco, si regge sull'interpretazione di Sordi nel ruolo del sacerdote.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)

Samuel1979   22/12/12 21:55 - 452 commenti

Sul valore del film è meglio sorvolare poichè lo reputo al massimo mediocre, tuttavia la performance di Sordi è accettabile, anche se quando recita con la cadenza "siculo-calabrese" non risulta così irresistibile. Anche qui Alberto (come nel film Venezia, la luna e tu), non appena può, esce fuori dal suo "inconsueto" ruolo per accennare battute e atteggiamenti tipici del suo collaudatissimo personaggio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'espressione di Sordi "Oddìo ahò", non appena scopre un mitra sotto la sedia.
I gusti di Samuel1979 (Avventura - Comico - Commedia)