Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL MATRIMONIO è UN AFFARE DI FAMIGLIA

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/5/08 DAL BENEMERITO MASCHERATO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 24/11/08 7:06 - 10882 commenti

Piacevole commedia di produzione australiana, diretta da Cherie Nowlan e ravvivata dalla grandissima attrice inglese Brenda Blethyn. Il film è quasi totalmente imperniato sul suo personaggio (gli altri attori sono abbastanza relegati sullo sfondo) e l'attrice domina il film con la sua verve che la conferma attrice duttile, in grado di affrontare tutti i tipi di ruoli e nobilitare un film che senza di lei perderebbe parecchio valore.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Daniela 2/7/19 7:44 - 7929 commenti

Dopo aver avuto un momento di successo in gioventù, ora è un'operaia di mezz'età che si esibisce occasionalmente sul palco come comica, riversando le sue frustrazioni sui figli, vittime di un amore possessivo e ricattatorio... Locandina e titolo italiano possono far pensare ad una commedia ilare, ma qui i toni sono quelli malinconici di chi è incapace di accettare la propria vita e lasciare spazio a quella altrui. Blethyn riesce a rendere credibile un personaggio tanto egocentrico e auto-commiserativo, per il quale però è difficile provare empatia. Discreto il resto del cast.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Mascherato 3/5/08 0:56 - 583 commenti

Titolo italiano fuorviante. Il matrimonio c'è, sebbene alla fine e senza essere fulcro della vicenda; "Dopo L'erba di Grace e Little Miss Sunshine, torna Brenda Blethyn" recita la frase di lancio: peccato che l'attrice inglese col secondo titolo (spudoratamente evocato dalla locandina) non c'entri niente. Come, del resto, il film. Certo, non mancano le trappole emotive per cineclubisti del giovedì pomeriggio (l'handicap di Mark, il cancro dell'ex amica), ma il ritratto della protagonista, sola ed aggrappata agli affetti, è di quelli che resta.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Non sono mica una maniaca del controllo che si aspetta una standing ovation anche quando fa una pisciata".
I gusti di Mascherato (Fantascienza - Horror - Thriller)