Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL MAESTRO DI VIOLINO

All'interno del forum, per questo film:
Il maestro di violino
Dati:Anno: 1976Genere: sentimentale (colore)
Regia:Giovanni Fago
Cast:Domenico Modugno, Rena Niehaus, Juliette Mayniel, Elisabetta Virgili, Daniel Klachin, Patrizia Costa
Note:Il titolo del film e la colonna sonora si rifanno al successo di Modugno "il maestro di violino", presentata (come ospite non partecipante alla gara) al Festival di Sanremo 1976.
Visite:1325
Filmati:
Approfondimenti:1) TUTTO SUL VECCHIO CATALOGO VHS "SSV-STARVIDEO", 2) IL FENOMENO DEI LACRIMA-MOVIE ITALICI
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/4/08 DAL BENEMERITO MARKUS

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 4/9/13 8:01 - 5737 commenti

Soggetto muffito – una studentessa si innamora del suo maestro di musica, di trent’anni più vecchio – tradotto in un fotoromanzo che alterna vignette di dialoghi zuccherosi, flashbacks strappalacrime, musiche per violino e insoddisfazioni borghesi. Fago se la cava con la pulizia formale, il rilievo alla location perugina e la compostezza di Modugno; la Niehaus, pur castissima, non fatica a ripetere il ruolo che più le si addice (quello della ninfetta) e la Pratt sfoggia capelli bicolor à la Crudelia Demon. Deprimente la canzone dei titoli di testa e coda.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le ricerche della studentessa sul passato del maestro.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Markus 22/4/08 11:58 - 2952 commenti

Perugia. Un affascinate maestro di violino di mezza età con un passato da musicista in America fa innamorare di sé una sua giovanissima allieva. Come nel precedente Piange... il telefono, si rigioca la carta della canzone fatta a film. L'omonimo, popolare brano di derivazione che Domenico Modugno canta con tanta enfasi qui non riesce a convincere sotto l'aspetto della vicenda, che Giovanni Fago tenta maldestramente di ornare con una tediosa parentesi israeliana. La storia non regge e la regia è assai scarsa.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Il Dandi 17/12/18 22:39 - 1604 commenti

La canzone omonima che occupa i titoli di testa fungendo da canovaccio (Innamorato di te / e ho trent'anni di più) renderebbe perfino superflua la visione del film, che allunga il brodo all'inverosimile con frasi di circostanza, flashback romanzeschi e trasferte in location turistiche. Modugno doveva avere un ego tale da far sembrare Celentano un campione di modestia per esibirsi in questa incredibile prova di vanità sprezzante (o forse inconsapevole) del ridicolo involontario insito nell'operazione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Allora è pronta signorina? Corregga la posizione dell'archetto"...
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Faggi 12/4/17 17:29 - 1413 commenti

Una ossimorica melassa salata; costruita con artigianali crismi tecnici da miele-movie, fornita di attori talvolta spaesati e svolta in un contesto da provincia ovattata retriva e liberatori voli verso Tel Aviv. Musiche da languore adolescenziale, sguardi nel vuoto, tentativi (discutibilmente riusciti) di dare spessore agli animi. Lo si guarda con curiosità da entomologo folle, come osservando uno strambo insetto che più di studiare si ha voglia di schiacciare.
I gusti di Faggi (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)

Blutarsky 12/10/13 17:41 - 350 commenti

Film sentimentale, storia di un amore contrastato (per colpa di un passato tormentato e dalla differenza d'età) tra un insegnante di violino e la sua giovane allieva. Non si capisce molto perché un attempato Modugno dovrebbe fare strage di cuori, ma a parte questo è convincente come attore; non lo è altrettanto invrece la sceneggiatura, povera di idee ed emozioni. Si tenta la carta esotica ambientando parte del film a Tel Aviv, ma a parte qualche suggestivo scorcio non aggiunge granchè al modesto risultato finale. Buon cast e discreta colonna sonora.
I gusti di Blutarsky (Giallo - Poliziesco - Western)