Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'ALBERO DALLE FOGLIE ROSA

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/4/08 DAL BENEMERITO MARKUS

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Davvero notevole! a detta di:
    Daidae
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Markus
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Blutarsky


ORDINA COMMENTI PER:

Markus 20/4/08 21:23 - 2951 commenti

Lacrima-movie regolare, in cui c’è una drammaturgia prefissata nel genere ed ovviamente il pathos del racconto, dal quale deve scaturire il pianto delle massaie portate al cinema dal marito nel 1974. In questo caso il “pargolo” viene investito da un’auto dopo che è scappato di casa dai genitori in via di separazione, ma ancora in forze abbraccia il tronco di un pesco per esclamare: “Stringimi forte papà, non lasciarmi solo... ” Grande film.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Daidae 26/3/10 18:04 - 2607 commenti

Uno dei pochi "lacrima" che salvo in pieno. A differenza degli altri non si incentra al 100% sulla sofferenza del bambino (il solito Cestiè) ma ci mostra anche dei momenti comici e degli ottimi spezzi di gioventù (il trucco e il nascondiglio delle sigarette per dirne una). Simpatica la bambina dai rossi capelli, benone il resto del cast. Più che positivo, alla fine.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'albero dalle foglie rosa e l'imbattibile tricheco.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Blutarsky 19/11/15 17:01 - 350 commenti

Lacrima di Nannuzzi leggermente fuori dai canoni, tendente più al dramma familiare visto dall'ottica dei bambini. Cronostoria del sofferto disfacimento di un nucleo familiare mitigata da scampoli di leggerezza grazie a parentesi ludiche e di vita scolastica del piccolo Cestiè. L'immancabile tributo di sangue verrà pagato nel finale senza però cadere nel facile patetismo. Regia sicura, buon cast, ma ritmo non sempre impeccabile per un film in definitiva godibile ma senza particolari momenti per cui essere ricordato.
I gusti di Blutarsky (Giallo - Poliziesco - Western)