Cerca per genere
Attori/registi più presenti

TUTTA LA VITA DAVANTI

All'interno del forum, per questo film:
Tutta la vita davanti
Dati:Anno: 2008Genere: commedia (colore)
Regia:Paolo Virzì
Cast:Sabrina Ferilli, Elio Germano, Valerio Mastandrea, Massimo Ghini, Micaela Ramazzotti, Isabella Ragonese, Elena Arvigo
Visite:2398
Il film ricorda:La classe operaia va in Paradiso (a G.Godardi)
Filmati:
Approfondimenti:1) CINEMA ITALIANO E LAVORO
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 38
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/3/08 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 30/9/08


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 25/7/08 6:38 - 10710 commenti

Pochi registi riescono come Paolo Virzì a "rendere" in immagini cinematografiche la società italiana di oggi. L'impresa riesce anche in questa commedia sul precariato e sulle aspettative deluse di una giovane neolaureata alle prese con un mondo per lei inedito ricco di veri e propri "mostri" moderni ma nello stesso tempo fragile e disperato. Bella sceneggiatura, molto attenta alla caratterizzazione psicologica dei personaggi, è buon cast che mescola sapientemente volti nuovi (brave Ragonese e Ramazzotti) e veterani.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Pigro 10/4/09 11:06 - 7133 commenti

Laureata disoccupata finisce in un call center: un universo a parte. Una commedia fresca e garbata che prende di mira non solo il mondo del lavoro precario delle telefoniste, ma un intero orizzonte culturale di riferimento imperniato sulla competizione consumistica, sia essa interna al lavoro o rispecchiata nel Grande Fratello. Uno spaccato veritiero della nostra epoca, che Virzì tratteggia come sempre con intelligenza e acume ma anche con spiccato senso dello spettacolo e con un fondo politico sfumato che attutisce la denuncia. Un buon film.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Puppigallo 29/3/08 9:43 - 4188 commenti

Pellicola tragicomica dove tutto sembra troppo enfatizzato, dalle situazioni alla recitazione (attori di medio livello). La protagonista è interessante quasi quanto uno sgabello, la storia del call center funziona per un po’ (poi si esagera) e le storiucole che nascono e muoiono sono poca cosa. Eppure, qua e là qualche guizzo c’è (un paio di battute e un Ghini piacevolmente sopra le righe). Ma purtroppo, quando il film inizia a decollare, ci pensano subito un’inutile voce narrante e dei pietosi siparietti surreali a riappesantirlo. Mediocre.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Ghini (il capo): “Tu Brutus, figlius mius... Tu hai studiato il latino?” domanda alla protagonista. Risposta “No”. E lui: “Manco io”.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 13/3/15 17:53 - 5737 commenti

Il giogo del precariato dei call center cui oggi debbono sottoporsi molti giovani laureati a pieni voti è esposta da Virzì in una vivace tragicommedia che sa pungere al punto giusto, pur uscendo talvolta dalle righe con ridondanze (la voce off della Morante) ed eccessi macchiettistici (Germano). La qualità migliore del regista è senz'altro quella di saper guidare gli interpreti verso prestazioni di buon livello, soprattutto la Ragonese: volto solare e sorridente, eloquio spedito e nudo disinvolto, aderisce perfettamente al ruolo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il training delle centraliniste ad inizio giornata; la Ragonese che racconta alla bambina il mito della caverna platonica.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 24/3/09 12:37 - 1495 commenti

Virzì affronta il mondo dei lavoratori precari in modo diretto ed efficace; la rappresentazione di un certo sottobosco imprenditoriale cialtronesco, tra penose sedute di motivazione e sciacallaggio di chi non segue la corrente, è realizzata con cura e buona tecnica. Meno felice la storia di Marta, con madre malata, ex ragazzo lontano ecc.ecc. Insomma forse c'è troppa carne al fuoco, ed il finale si perde in troppi rivoli non necessari. Ma l'impressione potente delle sequenze ambientate alla Multiple resta tutta, e si perdonano i difetti.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Daniela 24/3/09 14:19 - 7482 commenti

Una commedia interessante, nello scarno panorama dei film italiani di analogo tema, anche se non del tutto riuscita. Bel soggetto l'inferno del call-center, qui finalizzato alla vendita di un apparecchio costoso ed inutile. Peccato che nel film abbondino stereotipi e forzature, con un effetto di artificiosità accentuato dalle svolte melodrammatiche nel finale. La protagonista, sorta di Alice nel paese del lavoro precario, risulta di rara antipatia. Meglio le figure di contorno, anche se non esenti da macchiettismo.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 13/6/09 17:09 - 2072 commenti

Bisognerebbe disattivare il percettore empatico per giudicare obbiettivamente questo excursus accurato e acceso che riproduce lo stato del precariato giovanile oggi, dalla laurea in filosofia fino al vicolo cieco dei call center. Virzì chiede ad ogni attore d'interpretare il personaggio per cui è venuto al mondo, ricostruisce i caratteri con acume e freschezza, si lancia sopra le righe instaurando un clima fiabesco e appassionante, eleva ad emozione la mediocritas mortifera da reality show tutta italiana e induce a sincera riflessione. Chapeau! Gran bel ritmo. Applausi alla Ferilli-Swanson.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Mascherato 19/7/08 0:10 - 583 commenti

Per quanto ben sceneggiate, le storie di Virzì avevano sempre un ché di schematico (in primis Ferie d'agosto con quella banale dialettica destra cafona vs sinistra impotente). Eppoi della gloriosa commedia all'italiana, di cui è stato proclamato erede, condivideva soprattutto la discutibile tendenza a chiudere a tarallucci e vino. Qui, invece, riesce nell'operazione contraria. Nella gioia del call center e del film carino insinua fantasmi: della Swanson (la Ferilli), della Sandrelli di Io la conoscevo bene (la Ramazzotti) e di quei mostri che la circondavano (Germano, Ghini e Mastandrea).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La telefonata parolacciara del caposervizio cultura. "Nel Grande Fratello c'è molto McLuhan" "Anche Benjamin" e Mastandrea "anche un po' de Zeman!".
I gusti di Mascherato (Fantascienza - Horror - Thriller)

Deepred89 9/1/09 0:03 - 3057 commenti

Vivace commedia sulla difficoltà nel trovare lavoro decente al giorno d'oggi. La sceneggiatura non è nulla di originale ma regge fino alla fine e la rappresentazione del call center è molto interessante, così come i vari riferimenti alla tv spazzatura. Discreto il cast, con una protagonista brava e spontanea. Molte le citazioni: si parte dal C'eravamo tanto amati visto in tv per arrivare addirittura a Viale del tramonto; in mezzo abbiamo anche una strada chiamata "Via Franco Lechner". Discreto film, molto piacevole.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Matalo! 11/8/08 9:22 - 1338 commenti

Sempre puntuale nel chiamare i fenomeni e gli epifenomeni della realtà col loro nome, Virzì riesce grosso modo a coniugare commedia italiana e il sociale contemporaneo. Abile nel tenere il ritmo e l'orchestrazione si arena qua e là ma i mostri descritti nel corso della storia, seppure ipertrofizzati, esistono; dalle tecniche motivazionali stile Anthony Robbins ai casini dietro la maschera (un po'grottesca la famiglia di Claudio ma...). L'ignavia della protagonista crea danni ma è veicolo di conoscenza. Micaela Ramazzotti in gran forma fisica....
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Cangaceiro 26/4/09 10:19 - 982 commenti

Dei film di Virzì che ho visto finora è il migliore. La vedo come la sua opera della consacrazione, della maturità. Il call-center descritto come un inferno sarà un po' irreale ma colpisce e pure parecchio. Il regista però prende di mira anche il sindacato, ormai diventato l'ombra di quel che fu. Prestigioso il cast: simpatico Ghini lampadato e phonatissimo, Mastandrea e Germano quasi perfetti per i loro ruoli, bellissima la Ramazzotti ed anche la Ragonese stupisce con due scene di sesso niente male. Pessime le parentesi della madre morente e del fidanzato.
I gusti di Cangaceiro (Commedia - Gangster - Western)

Brainiac 14/6/09 13:14 - 1081 commenti

Mi piace Virzì, con il suo modo realistico di descrivere un personaggio, checchè se ne dica non solo con approccio "sinistrorso" (i suoi ritratti più delicati sono quelli dei "disimpegnati", qui la Ramazzotti ma in Ferie d'agosto il compianto Natoli). Eppure questo film mi ha lasciato l'amaro in bocca; sarà per le interpretazioni forzate della Ferilli e di Germano (che con Come dio comanda quasi dissipa il suo enorme potenziale), sarà per le tematiche (il finale di sole donne... e basta!!+), dominio di quella sinistra da cui Virzì sapientemente rifuggiva. (**!).
I gusti di Brainiac (Commedia - Gangster - Horror)

G.Godardi 5/8/08 17:26 - 950 commenti

Virzì è forse l'unico erede dei vecchi leoni della commedia all'italiana e ogni suo film ci riporta quasi sempre tali sapori. Qui, nel descrivere il precariato dei call center, fa un brilalnte accostamento tra il lavoro e i reality show, su come questi ultimi abbiano influito anche sulla struttura stessa dell'ambiente di alvoro, trasformandolo in un reality perpetuo con tanto di sigla iniziale! Buon ritmo, bravi attori e momenti divertenti per quasi due ore di film. Germano è sempre più bravo e versatile. Non male la Ferrili in versione Bette Davis.
I gusti di G.Godardi (Horror - Poliziesco - Thriller)

Gugly 30/3/08 20:09 - 956 commenti

Vicenda realistica con un piede nel grottesco (ma non troppo ahimè). Fra i protagonisti la Ferilli è la più brava, esprime bene il dolore di una Gloria Swanson de noantri, mentre la Ragonese è più ovvia. Germano è poco probabile, poco incisivo com'è con le donne, mentre Mastandrea è il ritratto di certi sindacalisti "famo la causa sempre e comunque". Le tecniche telefoniche sono mescolate alle vendite piramidali, con possibilità di creare confusione ma si riflette. Questione "de core" inutili. Finale aperto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Piacere, Marta precaria; quando il cell vibra la mamma mi da la buonanotte.
I gusti di Gugly (Commedia - Horror - Teatro)

Magnetti 6/7/10 10:02 - 1103 commenti

La direzione di Virzì e la prova della brava Ragonese rendono leggero (e agrodolce) un film su un argomento non leggero. Ma si badi che leggero non significa non graffiante: i controversi call-center sono portati alla attenzione degli spettatori evidenziando bene gli assurdi meccanismi economici e lavorativi alla loro base. Bravi gli attori fra cui segnalo la Ferilli che dà credibilità a una donna arrivista e vuota (e anche socio-psicopatica). Sprecato Germano. Un film che critica alla base e in modo molto severo il nostro paese, tanto che Marta vedrà premiate le sue capacità solo all'estero.
I gusti di Magnetti (Animali assassini - Avventura - Horror)

Redeyes 25/1/09 15:05 - 1983 commenti

Ormai che Virzì sfrutti nei suoi film luoghi comuni, tic e clichè non è mistero, ma se in Ovosodo il tutto era supportato da una debordante comicità, qui siamo sulla stessa lunghezza d'onda di Caterina va in città, anche se con migliori risultati. La pellicola non è malaccio, le interpretazioni neppure; al più è la sceneggiatura che tende al macchiettistimo più esasperato a dar fastidio. Vero è, tuttavia, che nonostante una discreta lunghezza (115 minuti) si arriva alla fine senza patemi ne noia. Mediocre compitino! 2 pallini!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Ramazzotti che sorpresa mezza nuda tende a coprirsi i seni con un piccolo asciugamano anzichè l'inguine!
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Enzus79 20/4/09 12:52 - 1540 commenti

Il tema del precariato è poco affrontato al giorno d'oggi, per cui o lo si fa bene o non li si fa proprio. Paolo Virzì a stento arriva alla via di mezzo. Ci sono troppe scene patetiche (specialmente quelle con Germano) e attori al di sotto della mediocrità (eccetto Mastandrea). Nonostante tutto il film è salvabile grazie appunto al soggetto e ad alcune scene girate bene. Purtroppo temi seri hanno bisogno di essere affrontati da gente seria.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Rickblaine 16/5/09 10:12 - 635 commenti

Opera che non si ritiene degna per il tema che si vuole affrontare. Si scopiazza dallo stile dei Farrelly con un dose ricca di attualità che però sfocia in un inutile mare di banalità e situazioni prive di soluzioni. Il cast non è gran cosa, se non per Mastrandrea che però interpreta una parte che serve poco al film. Ce ne vuole di strada per ripercorrere le vie di Petri e Rosi e quindi mi sembra una bestemmia caricare su temi altamente delicati, che qui più che drammi sembrano piccole vicissitudini negative dei giovani.
I gusti di Rickblaine (Fantascienza - Horror - Thriller)

Cif 2/2/10 22:07 - 272 commenti

Un film veramente azzeccato, fresco, che fotografa in maniera dinamica il nuovo precariato giovanile, vitale, caciarone, tutto votato all'apparenza. Elio Germano, è giusto dirlo una volta per tutte, è fenomenale. Tutto ruota attorno ad un call center, dove si intrecciano le vite del semi-pappone Ghini, dell'esaltata (e qui bravissima) Ferilli e della bellissima shampista Ramazzotti e del sindacalista-provolone Mastandrea. E poi c'è Germano, ancora una volta. Virzì non si nasconde e cala l'asso. 3 pallini e 1/2.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Giusto la Ragonese è un po' sottotono.
I gusti di Cif (Drammatico - Fantascienza - Giallo)

Saintgifts 15/7/11 10:03 - 4099 commenti

In questo film, ma anche in generale, a Virzì credo si possa solo rimproverare di esprimere le sue idee, magari non originali, o troppo realistiche (ma questo è un pregio), usando ancora una tecnica che prende un po' di qua e un po' di là, quindi non ancora riconoscibile in un suo esclusivo marchio di fabbrica. Certo è un suo marchio di fabbrica anche quello che sta usando e già in via di perfezionamento, ma deve ancora raggiungere una meta (che senza meno raggiungerà). Il film è sceneggiato benissimo e dagli attori si fa dare tutto. Buono.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Belfagor 6/7/10 11:33 - 2568 commenti

Che fossimo tutti appesi ad un filo già si sapeva. Ci voleva però un bravo regista per farci affrontare l'argomento con delle risate. Virzì riesce, al costo di un lieve macchiettismo, a descrivere una situazione talmente paradossale da essere reale e a farci provare empatia per i nuovi mostri. Notevole come l'alienazione abbia permeato ogni aspetto della vita dei personaggi. C'è però spazio anche per un (piccolo) spiraglio di speranza. Buon cast, ottima la Ragonese.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale e i titoli di coda con i protagonisti che ballano, quasi fossero su un Titanic in procinto di affondare.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Giùan 7/2/12 17:27 - 2518 commenti

Sarà la diretta conoscenza della giungla dei call center, che mi porta ad esser esigente riguardo alla loro controversa rappresentazione, saranno le attese sempre alte nei riguardi dell'unico sincero erede di Scola e Monicelli, fatto sta che il film mi è parso buono ma una grande occasione mancata. Virzì è al solito tanto puntuale nella direzione del cast quanto vitale nel rendere fluida la narrazione, ciò che qui manca però è uno spessore capace di dare rilievo e prospettiva a personaggi e situazioni, per un film a compartimento stagno.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il cipiglio di Sabrina Ferilli; Gli occhi di Isabella Regonese.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Paulaster 27/7/16 10:22 - 2004 commenti

Viaggio nel mondo del precariato a descriverne le peculiarità e a svelarne col mezzo sorriso le vicende al suo interno. Momenti centrati nel parallelismo con la cultura, con la solitudine di una brava Ferilli e della sconclusionata Ramazzotti. Gli aspetti negativi sono la voce fuori campo insopportabile, alcuni ruoli degni di uno spettacolo di cabaret e una conclusione di banale retorica oltre a una efferatezza improbabile. Scorre bene e riesce a far riflettere col piglio della commedia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Ferilli che ospita a casa; Lucio 2 che si autoincita.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Stefania 7/8/08 15:17 - 1600 commenti

Virzì non è Petri, né Loach: nel rappresentare la realtà non ha freddezza, né vero cuore, solo un po' di furbizia. Mette in scena maschere prevedibili, codificate persino dalle fiction, fondamentalmente rassicuranti. Non c'è una trovata di regia interessante, la fotografia è orrenda, la voce fuori campo inutile e indisponente. Il manager allampadato Ghini è da cinepanettone, la follia omicida della Ferilli c'entra come il cavolo a merenda, il finale è da spot televisivo. Un'occasione persa!
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Giacomovie 14/7/10 12:55 - 1299 commenti

Virzì deframmenta l’attualità sociale ricavandone un quadro romanzesco ma non romanzato della realtà del precariato, con una lettura assolutamente relativa di una situazione difficilmente relativizzabile in modo assoluto. La frammentazione espositiva stavolta diviene necessaria per una migliore analisi della condizione di vita precaria e grazie all’andamento ad alto scorrimento i frammenti assumono una visione unitaria. Isabella Ragonese promette molto bene. ***
I gusti di Giacomovie (Drammatico - Erotico - Sentimentale)

Gabrius79 10/7/13 19:58 - 1074 commenti

Intelligente e godibile commedia diretta magistralmente da Paolo Virzì con un bel gruppo di attori italiani (Mastandrea, Ferilli, Ghini, Germano, Ramazzotti e la protagonista Ragonese). Il film mette alla berlina il lavoro del precariato con tutti i suoi difetti e ne emerge un quadro a dir poco preoccupante. Si sorride e si pensa. Brava la Ferilli in versione cattiva e ottime prove per la Ramazzotti e la Ragonese.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Almicione 30/9/16 1:48 - 765 commenti

Virzì critico, Virzì grottesco. Il precariato proiettato sullo schermo fa paura, ma fa ancora più paura l'altra faccia della stessa situazione: il mondo del lavoro improntato allo sfruttamento dell'individuo e all'adorazione del dio Successo (impersonificato da Ghini e la Ferilli). Insopportabili la Ragonese e la voce della Morante (perché questa scelta?), ma Virzì è bravo a non cadere in facili banalità approssimative e a colpire i punti deboli (ce ne sono di forti?) di questo sistema malato. A tratti comico, ma con un significato tragico.
I gusti di Almicione (Drammatico - Gangster - Thriller)

Nancy 27/8/13 0:49 - 744 commenti

Piacevole commedia dai retrogusti amari in pieno stile Virzì. Come il altri film come Ovosodo e My name is Tanino racconta l'ingresso nella vita di un personaggio giovane, in questo caso una ragazza, interpretata dalla brava anche se un po' imperscrutabile Ragonese. La vera stella del cast però è la Ferilli, che si conferma grande prima donna se diretta bene e con un personaggio che le calza a pennello, questa lady di ferro sul viale del tramonto... Non brilla per originalità, in certi punti si cade nel melenso, ma in qualche modo si contraddistingue.
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Alex75 7/12/16 9:26 - 551 commenti

Ritratto carico, ma non lontano dal vero, di quello che per molti è il lavoro oggi, tra precariato, disoccupazione intellettuale, alienazione, coscienza di classe in frantumi e rampantismo fondato sul nulla. L’acutezza della visione di Virzì nelle scene aziendali fa perdonare momenti intimisti un po' noiosi e a tratti scialbi. Particolarmente azzeccate le presenze femminili: l’esaltata e disperata Ferilli e le non banali Ramazzotti e Ragonese. Ghini a suo agio nel ruolo del coatto arricchito.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I demenziali riti motivazionali; La solitudine della Ferilli; “Piacere, precaria”; Via Franco Lechner.
I gusti di Alex75 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Enricottta 1/10/09 16:11 - 507 commenti

Le miserie nostre, non rivedute o corrette, nobilitano la figura di un regista come Virzì che fotografa fedelmente le storie e i caratteri degli Italiani brava gente, o generazione mille euro. I personaggi disegnati dai vari attori sono molto fluidi. Si va da una Ferilli super cafona al Ghini super arrivista, al Germano povero illuso etc. etc. Ma questa gente io la vedo ogni giorno sui pullman, per strada, in ufficio... mi si dirà grazie al c., è la realtà, ma quante volte vediamo onorevoli che non sanno il prezzo di un litro di latte....
I gusti di Enricottta (Erotico - Giallo - Musicale)

Mutaforme 1/2/13 19:46 - 383 commenti

Ispirato da "Il mondo deve sapere" di Michela Murgia, Virzì si discosta dal libro presentando più una commedia che un film di denuncia. Si poteva fare certamente di meglio, ma tutto sommato il film risulta godibile e il messaggio è piuttosto chiaro. **!
I gusti di Mutaforme (Avventura - Fantascienza - Fantastico)

Ilcassiere 24/5/10 15:22 - 277 commenti

Una giovane laureata con 110 e lode in filosofia si trova costretta ad accettare un lavoro precarissimo e sottopagato in un call center. Entra così in un mondo senza umanità, sempre in bilico tra falsi sorrisi e vera disperazione. Anche se in alcuni momenti si ride, la critica al mondo del lavoro, sindacato compreso, è feroce. Meglio gli attori giovani (Ragonese, Ramazzotti e Germano) rispetto ai "vecchi" (Ferilli, Ghini).
I gusti di Ilcassiere (Commedia - Giallo - Thriller)

Straffuori 22/7/08 13:22 - 170 commenti

Ottimo lavoro sul fenomeno del lavoro precario e sui suoi, spesso scomodi, retroscena. Sorprendente e commovente, specie nel finale, la protagonista Isabella Ragonese e la bellissima Micaela Ramazzotti. Buone prove anche di Ghini, Ferilli e Germano. Film coinvolgente, commovente e vero nel suo essere paradossale.
I gusti di Straffuori (Comico - Horror - Poliziesco)

Soga 24/3/09 0:37 - 125 commenti

Film interessante, se non altro per l'abilità con cui fotografa una situazione sociale di estrema attualità: quella dei neolaureati frustrati da un precariato umiliante e più ampiamente il regresso dell’intera società contemporanea. Godibile, intelligente e con un forte gusto del tragicomico che gli impedisce di ridursi ad un pesante miscuglio di retoriche. Virzì, come in altri suoi film, tende troppo ad essere didascalico: in alcuni momenti è quasi documentaristico e molti personaggi sembrano tagliati con l'accetta.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Piacere, Marta, precaria; piacere, precaria... piacere, precaria...
I gusti di Soga (Avventura - Commedia - Drammatico)

Josephtura 3/9/18 11:47 - 114 commenti

Avrebbe potuto essere un nuovo C'eravamo tanto amati o Una vita difficile: la fotografia di un degrado del nuovo millennio. Invece gli manca qualcosa e rimane un capolavoro mancato. Purtroppo è esemplare nella descrizione di alcuni reali protagonisti di una società italiana degenerata e patologicamente in espansione. Bravi tutti ma manca qualcosa, la storia è in qualche modo ammortizzata perdendo di cattiveria.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Ragonese a Mastandrea: "Per alcune persone un lavoro di merda è l'unico lavoro che possono avere".
I gusti di Josephtura (Documentario - Fantastico - Guerra)

Manulele81 22/7/08 16:25 - 83 commenti

Divertente, acuta e convincente commedia ottima nel descrivere lo spirito e le situazioni della genereazione P (recaria) che in Italia e non solo ha riscritto il modo d'intendere vita e lavoro. Perfetto nel descriverne la cultura che la sostiene e nel visualizzare un mondo concepito ormai secondo parametri da tv competitiva, ma resta un po' nel generico, specie quando con i minuti si adagia su uno schema tipicamente da commedia all'italiana. Sceneggiatura solidissima, regia veloce, gran cast.
I gusti di Manulele81 (Animazione - Musicale - Western)

Enrikoses 2/4/08 12:17 - 39 commenti

Commedia amaramente grottesca sul mondo del precariato dei call center. Una soave voce narrante (Laura Morante) ci guida in questo selvaggio mondo che rispecchia fedelmente quella che è diventata la nostra società arrivista ed egoista (vedi il Grande Fratello ovunque in ogni televisione); ma c'è la speranza di questa giovane neolaureata che non cederà alle regole e ai ricatti di questo mondo. Bravissimi Ferilli, Ghini e (nella sua piccola parte) Elio Germano.
I gusti di Enrikoses (Commedia - Drammatico - Horror)

Kolly 25/3/09 12:30 - 34 commenti

A me questo film è piaciuto e non poco. Il ritmo è veloce, gli attori al massimo: troviamo un nuovo volto che si spera vada avanti, un Germano trasformato per non parlare della Ramazzotti. Uno più azzeccato dell'altro. Il montaggio è fluido. Si potrebbe definire tranquillamente una piccola gemma del nuovo cinema all'italiana.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Piacere, Marta, precaria"; L'incontro tra Mastandrea e la Ramazzotti.
I gusti di Kolly (Drammatico - Fantastico - Musicale)