Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA TREGUA

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 10
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/2/08 DAL BENEMERITO GALBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 21/2/08 10:33 - 10903 commenti

Dal celebre libro autobiografico di Primo Levi, la storia del rientro in patria dopo gli anni trascorsi nel campo di concentramento di un ebreo italiano. Adattamento cinematografico non facile ma complessivamente riuscito, il film di Rosi riesce a comunicare allo spettatore il senso di dolorosa incredulità e le incredibili difficoltà che comportò il ritorno in patria (il viaggio durò circa otto mesi!). Il film si segnala per la buona caratterizzazione dei personaggi interpretati da un valido cast, sul quale spicca John Turturro.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 27/12/08 10:04 - 7273 commenti

Dopo la liberazione da Auschwitz, un ebreo italiano lì deportato comincia la difficile strada del ritorno a casa. La storia è bella e importante, e non c'era alcun dubbio al riguardo visto il soggetto di Primo Levi. Ma al di là di alcune scene (bello l'inizio) il film cade in una grigia medietà, complice una sceneggiatura da film d'avventura che qui c'entra poco, con la ciliegina sulla torta di un protagonista come Turturro tanto bravo quanto fuori posto. Un continuo mix tra cinema italiano e aspirazioni americane che ingrippa la narrazione.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Cotola 22/4/11 13:44 - 6968 commenti

Il film racconta l'odissea di Primo Levi e dei reduci da Auschwitz prima di poter tornare a casa, ma lo fa in modo poco convincente. A tratti troppo enfatico, indulge in scelte narrative "facili" e "disctubili" che alla fine mal si amalgano in un racconto perciò poco coeso. Non convincono nemmeno le scelte attoriali, specie quelle di contorno. Così l'enorme dramma dei personaggi non viene reso in modo adeguato. Visti i nomi coinvolti, una delusione piuttosto cocente.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Saintgifts 19/4/12 10:14 - 4099 commenti

È difficile fare film sulla Shoah se non in forma documentaristica. Anche se qui si tratta di vita vissuta, tratta dalle pagine di un libro e di un ritorno dai campi di sterminio, di un ritorno alla vita. Operazione che mi sembra non riuscita del tutto. La figura silente e riflessiva tratteggiata da Turturro sembra spiccare troppo su quelle di contorno, per lo più non caratterizzate da superstiti dai campi di sterminio. Forse era quello che voleva la regia, evidenziare i diversi danni provocati sulle persone da una guerra. Migliora nel finale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Primo Levi mostra la stella di David, cucita sul camicciotto, al soldato tedesco che lavora nella stazione ferroviaria, il quale si inginocchia.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 27/1/11 17:33 - 3292 commenti

Ispirato dall'infinito viaggio di ritorno, circa 8 mesi, di un deportato italiano interpretato da un poco convincente Turturro. La narrazione è discreta e sostenuta dalle pagine di Levi, ma in alcuni frangenti sembra di trovarsi in un polpettone avventuroso, nonostante Rosi cerchi di evidenziare la sofferenza del protagonista. Incompleto.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Luchi78 10/4/11 11:15 - 1521 commenti

Tratto dall'odissea vissuta da Primo Levi per il ritorno a casa dopo la prigionia ad Auschwitz, è un racconto dove ogni scena conduce a un'esperienza traumatica, dall'inizio nel campo di concentramento alla fine nella quiete della casa di Torino. Forse qualche scena è girata con un po' troppa "enfasi" e magari qualche personaggio può apparire eccessivamente caricaturale, stridendo con il nostro immaginario della tragedia dell'olocausto, ma il risultato finale è di indubbio impatto.
I gusti di Luchi78 (Comico - Fantastico - Guerra)

Jurgen77 4/7/16 10:47 - 591 commenti

Sicuramente non era compito facile rendere cinematografico il drammatico racconto di Primo Levi sul ritorno a casa dopo la liberazione dal campo di concentramento. Il tema risulta troppo complesso, difficile e drammatico e si rischia di cadere nel banale o nel consueto. A mio giudizio l'opera è riuscita a metà. Ci sono momenti veramente toccanti e ben girati, soprattutto la parte iniziale. Nella seconda il film diventa quasi avventuroso. Dialoghi minimali. Turturro cerca di dare il meglio. Promosso con riserva.
I gusti di Jurgen77 (Fantascienza - Guerra - Horror)

Alex1988 26/6/19 18:47 - 542 commenti

Opera di commiato per Francesco Rosi, che da qui fino alla sua scomparsa (2015) non riuscirà più a realizzare altri film. Caso strano, è stato l'ultimo film anche per Pasqualino De Santis (direttore della fotografia) e Ruggero Mastroianni (montatore), collaboratori abituali di Rosi. Tratto dall'omonimo libro di Pietro Levi, ne vien fuori un'opera introspettiva e allo stesso tempo epica, ma non certo spettacolare. Con un buon John Turturro, contornato da un variegato cast, tra cui Ghini e Bisio.
I gusti di Alex1988 (Azione - Poliziesco - Western)

Mutaforme 21/2/14 22:41 - 383 commenti

Film dignitoso ma non all'altezza del libro di Primo Levi. Probabilmente il soggetto non è cinematografico, si tratta di un'opera adatta a una lettura intima e personale, difficilmente riproducibile in un paio d'ore di filmato. Apprezzabile ma non fondamentale.
I gusti di Mutaforme (Avventura - Fantascienza - Fantastico)

Mark 7/7/11 1:11 - 259 commenti

Una dignitosa resa cinematografica per un romanzo di sterminata bellezza. La vita è un viaggio di sola andata, ma per i sopravvissuti ai campi di sterminio fu un viaggio di andata e ritorno: ritornare a vivere dopo essere morti dentro. Le parole introduttive sono eloquenti e dilanianti nel descrivere la surreale inadeguatezza del ritorno alla vita dopo una morte così cosciente e prolungata. Il cast non è eccellente e il ritmo a volte si appanna, ma del resto era impossibile eguagliare il libro.
I gusti di Mark (Giallo - Poliziesco - Thriller)