Location verificate di Com'è dura l'avventura - Film (1987)

LOCATION DEL FILM GIÀ TROVATE

La casa di Gianni Zappi (Paolo Villaggio)

M Varese • Areoclub Adele Orsi di Calcinate del Pesce

L'aeroporto dove Villaggio e Moschin cercano di avere un prestito da un pilota

Varese

La villa di Raccà (Moschin), presso la quale l’industriale ospita Crista (Boccoli)

Induno Olona (Varese)

L'azienda del cinico industrialotto Raccà (Gastone Moschin)

Fiumicino (Roma)

La baracca dove il capitano Piero Bigazza (Banfi) abita con la figlia Crista (Brigitta Boccoli)

Tunisia (Estero)

Il porticciolo in Marocco dal quale Gianni (Villaggio) e Bigazza (Banfi) salpano con la "Giulia"

LOCATION VERIFICATE

  • Qui di seguito le location del film che sono state da noi verificate, controllate e inserite nel radar (quando non di passaggio).
  • Ruber • 25/07/10 19:39
    Contratto a progetto - 9187 interventi
    La casa dell'impacciato Gianni Zappi (Paolo Villaggio) non è in realtà una casa, ma l'Arco Mera, un passaggio pedonale che mette in comunicazione Piazza del Podestà con Piazza San Vittore a Varese.


  • Mauro • 12/04/11 07:38
    Disoccupato - 11285 interventi
    L'aeroclub di Luino dove il cinico industrialotto Raccà (Gastone Moschin) e suo cognato Zappi (Villaggio) si recano per aver il prestito da un "pilota/strozzino" (anche se appena arrivati vi rinunceranno per architettare la truffa della barca) non è l'aeroclub di Varese (in località Venegono Inferiore), come si potrebbe pensare. In realtà si tratta dell’Areoclub Adele Orsi di Calcinate del Pesce, situato a Varese, sul Lungo Lago di Calcinate. Segnati con lettere A e B il parcheggio auto e la vicina pista di decollo. Questi elementi, oltre alle colline sul fondo (visibili grazie a street view che copre il lungolago subito dietro l’aeroporto), al fatto che il film sia ambientato in parte proprio a Varese e che lo stesso panorama sullo sfondo si nota anche dalla villa di Raccà (vedi location successiva), fanno concludere che il posto sia effettivamente questo.




    Qui la pista di decollo (B) e il punto in cui arriva Villaggio (A):

  • Mauro • 12/04/11 07:42
    Disoccupato - 11285 interventi
    La villa di Raccà (Moschin), presso la quale l’industriale ospita Crista (Brigitta Boccoli), la figlia del comandante Bigazza (Banfi), si trova a Varese, in frazione Lissago, esattamente in Via Francesco Agello. Diversi fattori hanno permesso il riconoscimento dell’edificio, del quale non abbiamo immagini dirette (ma quelle aeree di googlemaps e, ancora meglio, di Bing confermano): la pianta a croce, l'edificio di fronte col tetto "spezzato" (A)...




    ...l’insolita piscina a due piani (B, C)...




    ...e infine le colline sullo sfondo dopo il Lago di Varese, che sono le stesse che si ammirano dal vicino aeroporto di Calcinate, distante in linea d’aria circa 700 metri.

  • Mauro • 12/06/11 09:25
    Disoccupato - 11285 interventi
    L'azienda del cinico industrialotto Raccà (Gastone Moschin) è la famosa azienda dolciaria Lindt & Sprungli Spa di Induno Olona (Varese). Grazie a Ruber per fotogramma e descrizione.




    Gli interni dell'azienda potrebbero essere stati girati altrove. Nei titoli di coda sono citate altre due aziende della zona di cui una tessile (la Mascioni di Cuvio, erroneamente segnalata come "Mescioni Spa") ed effettivamente l'interno che si vede nel film dà l'impressione che si tratti proprio di un'azienda tessile.


  • Mauro • 27/01/15 08:13
    Disoccupato - 11285 interventi
    La baracca al porto di Orbetello dove il capitano Piero Bigazza (Banfi) abita con la nipote Crista (Brigitta Boccoli) si trovava in Via Passo della Sentinella a Fiumicino (Roma). Questa è l’unica inquadratura esterna dell’abitazione, che oggi è stata abbattuta e rifatta in muratura:



    Il balcone sul retro della baracca, affacciato sulla foce del Tevere:




    La conferma ci arriva da questa inquadratura effettuata dal cancello di “casa” Bigazza verso l’antistante Via Cima Colbricon:


  • Herbie • 18/02/17 08:29
    Disoccupato - 1689 interventi
    Il porticciolo in Marocco dal quale Gianni Zappi (Villaggio) e il capitano Bigazza (Banfi) salpano con la “Giulia” all’inizio dell’ultimo viaggio dell’imbarcazione del commendator Raccà (Moschin), destinata all’affondamento è in realtà a Monastir (Tunisia) in un'isoletta davanti a Route de la Falaise. Grazie a Xtron per il fotogramma e a Mauro per la descrizione. Un tempo sorgevano qui gli edifici di lavorazione di una antica tonnara, oggi in rovina, che sono essere quelli che si vedono nel fotogramma. Qui viene mostrata l'identificazione delle rocce che ci confermano il posto:




    Qui invece una ripresa di streetview:

  • Zender • 4/01/18 09:06
    Pianificazione e progetti - 46717 interventi
    Bravo Herbie e grazie a Xtron per il fotogramma su richiesta.