IN TV/SATELLITE di Allied: Un'ombra nascosta (2016)

IN TV/SATELLITE

  • Per segnalare il passaggio in tv seguite le istruzioni scritte qui sopra nel modulo di segnalazione. Se volete semplicemente rispondere cliccate su RISPONDI.
  • Panza • 4/12/17 20:02
    Contratto a progetto - 5011 interventi
    Martedì 5 DICEMBRE ore 10:25 su *SKY CINEMA 1
    Dice Nando: Un melodramma con venature belliche e spionistiche ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale. Una narrazione lineare e un'ottima ricostruzione ambientale che si avvale di due interpreti appropriati, nonostante Pitt sembri emergere lievemente.
  • Buiomega71 • 7/01/20 16:33
    Pianificazione e progetti - 23164 interventi
    Mercoledì 15 GENNAIO ore 21:20 su CANALE 5
    Dice Didda: Zemeckis è un abilissimo narratore (e fine tecnico) e se supportato da un valido sceneggiatore (Steven Knight, scrittore anche per Cronenberg), può far volare in alto una pellicola "datata" nei temi (gli echi hitchcockiani) e negli sviluppi. Si rimane colpiti dall'impressionante ricostruzione d'epoca e dal colpo di scena verso i tre quarti, che mantiene vivissimo l'interesse della vicenda.
  • Gestarsh99 • 15/04/21 20:52
    Scrivano - 18034 interventi
    18/04/21 ore 21:20 su Rete 4
    "Incipit desertico a metà tra esotismo Von Sternberghiano e latente minacciosità hitchcockiana, poi una prima parte in cui Zemeckis pone le basi per il vero cuore del racconto prendendosi il rischio di bruciare qualche carta registica e l'attenzione dello spettatore. Alla costante ricerca di una rivisitazione dei canoni del cinema classico, il regista di Forrest Gump incornicia il racconto "episodico" intorno a una alchemica coppia divistica: credibile Pitt ma davvero fremente la Cotillard. Cinema seduttivo, teso a riecheggiare magistralmente cliché.
    MEMORABILE: La Cotillard a tavola sbottona pian piano la camicetta."
    Giùan
  • Gestarsh99 • 16/09/21 20:22
    Scrivano - 18034 interventi
    19/09/21 ore 21:20 su Iris
    "Incipit desertico a metà tra esotismo Von Sternberghiano e latente minacciosità hitchcockiana, poi una prima parte in cui Zemeckis pone le basi per il vero cuore del racconto prendendosi il rischio di bruciare qualche carta registica e l'attenzione dello spettatore. Alla costante ricerca di una rivisitazione dei canoni del cinema classico, il regista di Forrest Gump incornicia il racconto "episodico" intorno a una alchemica coppia divistica: credibile Pitt ma davvero fremente la Cotillard. Cinema seduttivo, teso a riecheggiare magistralmente cliché.
    MEMORABILE: La Cotillard a tavola sbottona pian piano la camicetta."
    Giùan