HOMEVIDEO (CUT/UNCUT) di Hi-riders (1978)

  • TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/01/16 DAL BENEMERITO BUIOMEGA71
  • Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Quello che si dice un buon film:
    Fauno
  • Non male, dopotutto:
    Herrkinski
  • Mediocre, ma con un suo perché:
    Buiomega71

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT)

  • Se hai informazioni utili sull'uscita o sulla presenza di edizioni homevideo riguardo a questo film inseriscile pure cliccando su RISPONDI, scrivendo e inviando.
  • Buiomega71 • 27/05/17 10:06
    Pianificazione e progetti - 22280 interventi
    Direttamente dalla collezione privata di Buiomega71, la vhs Antoniana Home Video:

    Ultima modifica: 27/05/17 10:10 da Zender
  • Zender • 27/05/17 10:11
    Consigliere - 43929 interventi
    Ma famnmi capire Buio: per il titolo italiano se la sarebbero cavata appiccicando quell'etichettina lì da citofono sulla copertina?
  • Buiomega71 • 27/05/17 10:30
    Pianificazione e progetti - 22280 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Ma famnmi capire Buio: per il titolo italiano se la sarebbero cavata appiccicando quell'etichettina lì da citofono sulla copertina?

    Credo di sì, notare poi il patchwork ben poco originale della cover, tra 1997 fuga da New York, Spetters e 1990 i guerrieri del Bronx

    A dir poco bruttarella (quasi come le farloccandine "buiesche")

    Poi che caspita c'entrerà I nuovi guerrieri del Bronx (????!!!!!), visto che e ambientato in un paesino californiano di redneck, bulli e pupe. Misteri della ditribuzione home video nostrana o specchio per le allodole?
    Ultima modifica: 27/05/17 10:36 da Buiomega71
  • Schramm • 27/05/17 12:14
    Risorse umane - 6745 interventi
    si credo anch'io sia stato un vezzo della antoniana perché se non vado errato il flano e la locandina d'epoca non presentavano alcun sottotitolo. con la trama non c'entrava sicuramente un kaiser ma imperversava come ricorderete il mal vezzo di dare a questi film recuperati anni dopo (in italia uscì tra l'81 e l'82, quindi vicino o a ridosso di castellari, dei postatomici e dei gang-movies) un brand che li unificasse, li omologasse in un'unica cerchia, per renderli quel pelo più appetibili e di cassetta dando al contempo un'idea, del tutto falsata, di una certa attinenza o continuità-contiguità segnica e tematica (un po' come venne graficamente approntato poi per le case, si veda l'esempio iconografico de scream for help/la casa in hell street e dream demon/la casa al numero 13) col risultato che le locandine riunivano film intrinsecamente diversi in una stessa famiglia. anche the wanderers, che precedeva i filoni di cui sopra, venne da noi recuperato in quella forbice temporale (tra il 1982 e il 1983) e si vide appioppato un i nuovi guerrieri come sottotitolo, nel goffo tentativo di affiliarlo da una parte al film di hill (riecheggiato anche nella locandina) e dall'altra a quello di castellari.

    difatti vidi sia hi-riders che the wanderers all'epoca credendoli sulla stessa falsariga e della stessa cerchia di giovani guerrieri, classe 1984, i guerrieri della notte, bad boys o vigilante o se non altro de 1990, e rimasi, inutile dirlo, più che cocentemente deluso.
    Ultima modifica: 27/05/17 17:38 da Schramm