DISCUSSIONE GENERALE di Rebecca (2020)

  • TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/10/20 DAL BENEMERITO ANTHONYVM
  • Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Non male, dopotutto:
    Anthonyvm, Nicola81
  • Mediocre, ma con un suo perché:
    Daniela, Areknames, Il ferrini
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c’è:
    Galbo

DISCUSSIONE GENERALE

  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Il ferrini • 28/10/20 16:30
    Portaborse - 83 interventi
    Visto ieri sera e prevedibilmente ne sono rimasto piuttosto deluso. Non tanto perché sia un brutto film, in realtà ci sono porcherie ben peggiori in circolazione, ma perché è completamente fuori fuoco. La potenza del capolavoro di Hitchcock stava nel riuscire a trasmettere il profondo senso di solitudine e smarrimento della protagonista, qui invece quell'aspetto è notevolmente annacquato. Colpa anche delle varie scene di baci e abbracci col marito, che invece nel film del '40 erano del tutto assenti dopo l'arrivo a Manderley. Mi pare insomma che si sia voluto rinforzare il carattere di lei, e nel finale (lei che fuma davanti allo specchio) perfino suggerire che potrebbe diventare a sua volta una nuova Rebecca. Altro particolare poco centrato, secondo me, è la differente modalità - e ragione - di suicidio di Mrs Danver. Innanzitutto dice "ha ucciso l'unica persona che abbia mai amato", suggerendo forse che fra lei e Rebecca ci fosse un rapporto sentimentale (?), e inoltre gettarsi in mare per ricongiungersi con la padrona non ha senso, dal momento che quest'ultima è stata ripescata. Era molto più logico che bruciasse nella villa (suo unico mondo), e infatti così è nel romanzo e pure nel capolavoro di Hitchcock. La fotografia poi, sarà una mia fissazione, ma in questi thriller netflixari mi pare sempre identica, e dispiace perché questo appiattimento ne acuisce ancora di più la mediocrità. Mi è piaciuta Lily James, ruolo che le calza a pennello, peccato solo per quelle sopracciglia nerissime che con i capelli biondi sono un cazzotto in un occhio, infatti quando si veste come il dipinto - con parrucca scura - ne guadagna moltissimo. Scusate il pippone, magari anche poco interessante, ma essendo il mio film preferito di Hitchcock m'è uscito di getto. 
  • Daniela • 28/10/20 17:10
    Gran Burattinaio - 5552 interventi
    Il ferrini ebbe a dire:
    Scusate il pippone, magari anche poco interessante, ma essendo il mio film preferito di Hitchcock m'è uscito di getto. 
    Ho trovato "pippone" molto interessante, tanto più che se Rebecca non è il mio Hitch preferito (il podio se la giocano La donna che visse due volte e Delitto per delitto), si piazza comunque in buona posizione. Mi pare che tu abbia centrato il problema più grosso di questo remake non brutto quanto sbiadito: la tensione del film originario è del tutto assente.
    Una tensione che nasceva dall'incombenza del fantasma della prima moglie che la governante faceva aleggiare per le stanze della dimora, ma soprattutto dall'incertezza circa i reali sentimenti del protagonista.
    Dopo l'arrivo a Manderley, Laurence Olivier si manteneva riservato, quasi scostante nei confronti della moglie, e questo poteva ragionevolmente far dubitare Joan Fontaine del suo amore. Questa incertezza del personaggio si comunicava allo spettatore in forma di tensione, destinata a sciogliersi nel bellissimo momento nel capanno sulla spiaggia in cui lui le rivelava cosa provasse in realtà nei confronti di Rebecca - da quel momento, la tensione sentimentale lascia il posto a quella legata al delitto e alla sua eventuale scoperta.  Veniamo ora al remake:  Lily James, tanto più spigliata e sicura di sé rispetto a Joan Fontaine, può dubitare dall'amore di Arnie Hammer?  Non ne ha reale motivo e questo toglie al film molto del suo fascino.
    Ultima modifica: 28/10/20 17:55 da Daniela