DISCUSSIONE GENERALE di La donna alla finestra (2021)

DISCUSSIONE GENERALE

  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Herrkinski • 18/05/21 13:41
    Capo scrivano - 2369 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Lo scrittore ballista

    Il romanzo da cui è tratto il film è The Woman in the Window, pubblicato nel 2018 con un grande successo di vendite, tanto che ne sono stati acquistati nel giro di poco tempo i diritti per la trasposizione cinematografica, la cui uscita è poi slittata a causa della pandemia covid19.
    Il romanzo segna l'esordio letterario di A. J. Finn, pseudonimo dello scrittore americano Daniel Mallory che è stato al centro di una polemica l'anno successivo.
    Infatti è emerso che lo scrittore, la cui vera identità era stata palesata al momento della vendita dei diritti, aveva più volte mentito circa le sue referenze accademiche vantando un dottorato ad Oxford mai conseguito e soprattutto circa le proprie condizioni di salute, sostenendo di aver sofferto di un tumore al cervello inesistente che aveva usato anche per giustificare i lunghi periodi di assenza quando lavorava in case editrici a Londra e New York.
    Mallory ha anche sostenuto falsamente che la madre era morta di tumore e che uno dei suoi fratelli si era suicidato.
    Lo scrittore ha ammesso di aver mentito, attribuendo il suo atteggiamento alla depressione conseguente ad uno stato bipolare, ma senza addurre prove mediche in proposito.
    Infine Mallory è stato anche accusato di plagio per essersi ispirato nel suo romanzo d'esordio senza citarlo al film del 1995 Copycat, diretto da Jon Amiel ed interpretato da Sigourney Weaver nei panni di uno psicologa criminale che, a seguito di un trama, si barrica nel proprio appartamento in preda ad un esaurimento nervoso che la porta a mescolare medicinali ed alcolici.
    Fonti qui (lingua inglese) e qui (lingua italiana).


    Azz, un bell'elemento!! Si spiega dunque il citazionismo spinto del film da cui è tratto (per non dire plagio), tuttavia il romanzo è stato un bestseller...
    Ultima modifica: 18/05/21 14:06 da Zender
  • Galbo • 19/05/21 05:57
    Consigliere massimo - 3861 interventi
    In pratica un mentitore seriale, forse la sua auto biografia sarebbe più interessante dei romanzi che scrive …
  • Daniela • 19/05/21 11:25
    Gran Burattinaio - 5623 interventi
    Galbo ebbe a dire:
    In pratica un mentitore seriale, forse la sua auto biografia sarebbe più interessante dei romanzi che scrive …
    Ho pensato la stessa cosa :o)

  • Ira72 • 19/05/21 12:17
    Call center Davinotti - 15 interventi
    Davvero...incredibile! Grazie per questa curiosità :)
  • Kinodrop • 19/05/21 18:57
    Segretario - 104 interventi
    Anche non sapendo gli antefatti, si intuiva che si trattava di una mente balorda, più intenta a sommare citazioni, che a creare un qualcosa di originale.