DISCUSSIONE GENERALE di La battaglia dei sessi (2017)

  • TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/12/17 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO
    POI DAVINOTTATO IL GIORNO 11/03/18
  • Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Davvero notevole!:
    Dusso
  • Quello che si dice un buon film:
    Marcel M.J. Davinotti jr.
  • Non male, dopotutto:
    Puppigallo, Daniela
  • Mediocre, ma con un suo perché:
    Maxx g, Galbo

DISCUSSIONE GENERALE

  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Caesars • 13/03/18 12:15
    Scrivano - 12021 interventi
    Credo che il film si riferisca alla seconda "battagia dei sessi" cioè all'incontro tra Bobby Riggs e Billie Jean King, svoltosi il 20 settembre 1973.
    In realtà c'era già stato un incontro in cui Bobby Riggs incontrò Margaret Court (Billie Jean King aveva rifiutato la sfida) svoltosi il 13 maggio 1973.
  • Zender • 13/03/18 14:28
    Consigliere - 44109 interventi
    Sì, tecnicamente sì, ma è tutto parte dello stesso "avvenimento" diciamo, come si vede nel film. Riggs ci prova con la King, la King si nega e lui ripiega sulla Court, che viene battuta facilmente. A quel punto la King capisce che è il momento di mettersi in gioco in prima persona e accetta ciò che aveva rifiutato. Ed è lì che monta tutta la pubblicità sulla cosa, perché per quanto la Court avesse raggiunto in quel momento preciso la posizione numero 1 nel ranking WTA, la King restava agli occhi di tutti la vera numero 1 e la tennista più forte del mondo.
  • Raremirko • 8/08/19 23:28
    Addetto riparazione hardware - 3571 interventi
    Buono il revival di quegli anni, bene il duo di protagonisti, buona la ricostruzione dello storico match (credo giocato dagli stessi attori).


    Indiscutibilmente narra di un fatto molto importante a livello sociologico (la parità dei sessi) e questa è cosa buona e giusta; bene Pullman e Cumming in ruoli minori (e non proprio simpatici).


    Discreto.