DISCUSSIONE GENERALE di L'uomo del banco dei pegni (1964)

DISCUSSIONE GENERALE

  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Daniela • 26/05/17 08:28
    Consigliere massimo - 5130 interventi
    Il film di Lumet viene spesso indicato come la prima pellicola americana a trattare il tema dell'Olocausto dal punto di vista di un ebreo.
    Questo "primato" viene sottolineato anche nella scheda dedicata al film su Wikipedia.

    Tuttavia, ricordo almeno un film precedente a questo il cui protagonista, un ebreo tedesco interpretato da Kirk Douglas, è sopravvissuto all'Olocausto in cui ha perso moglie e figli: si tratta de I perseguitati, diretto nel 1953 da Edward Dmytryk.
    Ultima modifica: 26/05/17 08:30 da Zender
  • Tarabas • 26/05/17 16:04
    Formatore stagisti - 2051 interventi
    Grazie della segnalazione, me lo segno sicuramente, sia per il tema, sia per l'accoppiata regista-protagonista.

    Il film di Lumet lo ricordo poco, ricordo però che sollevò molte controversie per il fatto che dipingeva un personaggio ben poco empatico e per il rischio di stereotipi razziali (il binomio ebreo-prestito su pegno).

    Potrebbe essere l'occasione per rivederlo e unire anche il film di Dmytryk.
  • Daniela • 26/05/17 20:30
    Consigliere massimo - 5130 interventi
    Tarabas ebbe a dire:
    sollevò molte controversie per il fatto che dipingeva un personaggio ben poco empatico e per il rischio di stereotipi razziali

    In effetti venne attaccato un poco da tutte le parti: dagli ebrei per quello a cui accenni, dai neri perché presentava personaggi negativi, dai difensori della morale perché mostrava donne nude... insomma un tiro incrociato.
    Anche io l'avevo visto molto tempo fa e ricordo che allora mi colpì soprattutto l'interpretazione di Steiger, che invece ieri è stato forse l'aspetto che mi ha convinto meno: non credo però che ciò sia dovuto alla sua prova in questo film specifico (fra l'altro, ho letto che accettò di lavorare per una paga molto inferiore a quella abituale perché credeva nel soggetto), ma ad una diversa valutazione complessiva dell'attore, nelle cui prestazioni ora avverto una certa maniera.
    In questa visione recente ho apprezzato soprattutto il realismo della messa in scena, il montaggio di tipo quasi "jazzistico", alcuni personaggi di contorno (bellissimo quello del vecchio nero che coglie l'occasione delle visite al banco dei pegni per parlare con qualcuno e si rattrista quando scopre di non aver più nulla da impegnare).

    Lumet è un grande regista e mi sono riproposta di vedere (o rivedere) tutto il disponibile della sua folta filmografia. Nell'arco di una carriera che si è aperta e si è chiusa con due capolavori (La parola ai giurati e Onora il padre e la madre) c'è una "densità" di film buoni o ottimi che è difficile ritrovare in quelle di altri autori.

    Edward Dmytryk non si può definire un maestro del cinema al pari di Lumet ma anch'egli ha titoli notevoli all'interno di una filmografia altrettanto folta: come dimenticare L'ombra del passato, Odio implacabile, L'ammutinamento del Caine, Ultima notte a Warlock?
    I perseguitati, meno noto, è tutt'altro che un film pienamente riuscito, ma conta una prestazione notevole di Kirk Douglas che a mio parere ne rende meritevole la visone, insieme al bel soggetto a cui credo si sia ispirato Paul Schrader per il suo Adam Resurrected con Jeff Goldblum.
    Ultima modifica: 26/05/17 20:34 da Daniela
  • Rocchiola • 17/06/20 12:24
    Call center Davinotti - 1134 interventi
    Molte fonti indicano che in questo film fa la sua prima comparsa cinematografica Morgan Freeman. Qualcuno è riuscito ad individuarlo all'interno della pellicola?
    Ultima modifica: 17/06/20 13:42 da Rocchiola
  • B. Legnani • 17/06/20 14:49
    Consigliere - 13815 interventi
    Rocchiola ebbe a dire:
    Molte fonti indicano che in questo film fa la sua prima comparsa cinematografica Morgan Freeman. Qualcuno è riuscito ad individuarlo all'interno della pellicola?
    https://www.youtube.com/watch?v=lcNCQCDPjtU
  • Rocchiola • 18/06/20 14:20
    Call center Davinotti - 1134 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Rocchiola ebbe a dire:
    Molte fonti indicano che in questo film fa la sua prima comparsa cinematografica Morgan Freeman. Qualcuno è riuscito ad individuarlo all'interno della pellicola?
    https://www.youtube.com/watch?v=lcNCQCDPjtU
    Non è chiarissimo ma guardando il DVD parrebbe l'uomo con berretto appoggiato al muro durante lo scorrere dei titoli di testa del film. Grazie per la dritta !!!!
  • B. Legnani • 18/06/20 14:28
    Consigliere - 13815 interventi
    Rocchiola ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire:
    Rocchiola ebbe a dire:
    Molte fonti indicano che in questo film fa la sua prima comparsa cinematografica Morgan Freeman. Qualcuno è riuscito ad individuarlo all'interno della pellicola?
    https://www.youtube.com/watch?v=lcNCQCDPjtU
    Non è chiarissimo ma guardando il DVD parrebbe l'uomo con berretto appoggiato al muro durante lo scorrere dei titoli di testa del film. Grazie per la dritta !!!!
    Concordo. Difatti hanno tagliato lì lo spezzone.