DISCUSSIONE GENERALE di Il secondo tragico Fantozzi (1976)

DISCUSSIONE GENERALE

  • Graf • 10/09/15 01:58
    Call center Davinotti - 915 interventi
    Zender, potresti aggiungere ai quattro pallini della mia valutazione un mezzo pallino in più?
    Il miglior Fantozzi di sempre merita una considerazione più adeguata.
    Grazie mille!
  • Zender • 10/09/15 07:36
    Consigliere - 44934 interventi
    Io te lo aggiungo, ovvio, ma l'hai rivisto, Graf? Perché non è che una scena (la corazzata) fa un film. Ci sono anche un sacco di sketch (a mio parere, ovvio) squallidi che nel numero uno non avrebbero mai trovato posto (tutto quello del circo, la corsa del cane in autostrada tirata avanti troppo, la scena della caccia...). A parer mio capita spesso che si modifichi il giudizio senza rivedere il film intero ma andando solo sui ricordi per qualche scena. Tra il primo e il secondo (corazzata a parte, ovvio) io trovo ci sia una cura completamente diversa soprattutto in Salce, concentratosi su alcune sequenze magiche e andato poi a riempire il resto senza gran convinzione.
  • Galbo • 10/09/15 07:49
    Consigliere massimo - 3865 interventi
    Concordo, il secondo è divertente ma non è all'altezza del primo.
  • Zender • 4/02/16 08:05
    Consigliere - 44934 interventi
    Sì, come dicevo l'importante è che l'abbia ricavato tu dalla Stampa o da dove vuoi e non l'abbia invece ripreso da altri siti che lo mostrano.
  • Stil0s0 • 4/02/16 11:42
    Disoccupato - 20 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Sì, come dicevo l'importante è che l'abbia ricavato tu dalla Stampa o da dove vuoi e non l'abbia invece ripreso da altri siti che lo mostrano.

    Zender, non so più come dirtelo :)
    È roba trovata da me! Questa è presa dalla Stampa e l'ho beccata durante le mie ricerche per la puntata di "Scuola di cult" su Bluff di Celentano.
    Flano della Stampa del 15 aprile 1976, data di uscita del film.
    Bluff e Fantozzi sono usciti lo stesso giorno.
    Ultima modifica: 4/02/16 11:46 da Stil0s0
  • Zender • 4/02/16 17:35
    Consigliere - 44934 interventi
    Ok, se mi dici che quello che dicesti vale per tutti i flani che posti sta bene :) restauro e porto in Curiosità.
    Ultima modifica: 4/02/16 17:35 da Zender
  • Stil0s0 • 4/02/16 18:06
    Disoccupato - 20 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Ok, se mi dici che quello che dicesti vale per tutti i flani che posti sta bene :) restauro e porto in Curiosità.
    ahah grazie per la "pregiata collezione" :)
  • Alex75 • 19/09/16 17:46
    Call center Davinotti - 658 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Io te lo aggiungo, ovvio, ma l'hai rivisto, Graf? Perché non è che una scena (la corazzata) fa un film. Ci sono anche un sacco di sketch (a mio parere, ovvio) squallidi che nel numero uno non avrebbero mai trovato posto (tutto quello del circo, la corsa del cane in autostrada tirata avanti troppo, la scena della caccia...). A parer mio capita spesso che si modifichi il giudizio senza rivedere il film intero ma andando solo sui ricordi per qualche scena. Tra il primo e il secondo (corazzata a parte, ovvio) io trovo ci sia una cura completamente diversa soprattutto in Salce, concentratosi su alcune sequenze magiche e andato poi a riempire il resto senza gran convinzione.

    D'accordo anch'io. Rispetto al primo, l'ho rivisto meno volentieri. Per alcuni sketch, la tentazione di usare il "fast forward" è forte.
  • Markus • 26/09/16 17:55
    Scrivano - 4812 interventi
    Alex75 ebbe a dire in curiosità:
    La "Prunella Ballor" (che Fantozzi si porta dietro all'"Ippopotamo" e che viene citata anche nel film precedente, dopo il veglione) è esistita veramente: era ottenuta dall'infusione delle bacche del pruno selvatico ed era prodotta dalla distilleria piemontese Ballor (apprezzata, pare, dai Savoia). Attualmente non è raro trovarne qualche bottiglia nelle aste online, come oggetto da collezione (dato che il contenuto è probabilmente imbevibile).

    La famigerata acqua Bertier, invece, era una denominazione di fantasia che richiamava la Perrier (nel racconto del libro "Il secondo tragico Fantozzi" dedicato al Casinò, Villaggio fa bere infatti al suo personaggio la popolare acqua francese).



    Un mio caro amico come me appassionato di vecchi liquori ne ha recuperata una, di Prunella Ballor. Ovviamente ha un valore intrinseco non da poco. Mitica!
    Ultima modifica: 26/09/16 18:01 da Zender
  • Daniela • 8/01/17 12:59
    Gran Burattinaio - 5651 interventi
    Su 7Gold hanno appena ritrasmesso un'intervista a Paolo Villaggio, fatta da una giovane giornalista molto impreparata (non sapeva che Fantozzi nasce come personaggio letterario e non televisivo).
    Alla domanda: "E' vero che lei è un grande ammiratore di jzenštejn?", Villaggio risponde di che si tratta certamente di un maestro del cinema, ma cita altri tre registi fra i suoi preferiti: Kurosawa, Hitchcock e Clouzot.
  • Lòpe • 1/02/17 13:54
    Galoppino - 201 interventi
    Nella oramai leggendaria avventura all'Ippopotamo, Fantozzi e Filini indossano vestiti identici con tanto di cravatta con iniziale F.
  • Ciavazzaro • 15/02/17 17:47
    Scrivano - 5628 interventi
    Da segnalare una scoperta che mi ha fatto molto piacere.

    Ricorderete tutti sicuramente la mitica scena in cui Fantozzi porta sfortuna al povero giocatore di poker, non appena entrato al casinò, scimiottando la formula scaramantica del Semenzara con: La fortuna non va lì ! indicando il poveraccio.

    Lo sfortunato giocatore è il prolifico generico
    RICHARD J DUNNE, che ho scoperto accreditato in solo 3 film: Daisy Miller, lo sceneggiato k2 +1
    e un film di Hong Kong girato in Italia: Kidnap in Rome.

    Ma uno dei ruoli più grandi in mezzo a decine da generico è quello del direttore della C.I.A. in Faccia di spia (1975) di Ferrara non accreditato.
    Se siete interessati qui la filmografia completa (finora) del generico:
    http://thrilling.forumfree.org/index.php?&showtopic=120&st=0
  • B. Legnani • 15/02/17 19:52
    Consigliere - 14336 interventi
    Ciavazzaro ebbe a dire:
    Da segnalare una scoperta che mi ha fatto molto piacere.

    Ricorderete tutti sicuramente la mitica scena in cui Fantozzi porta sfortuna al povero giocatore di poker, non appena entrato al casinò, scimiottando la formula scaramantica del Semenzara con: La fortuna non va lì ! indicando il poveraccio.

    Lo sfortunato giocatore è il prolifico generico
    RICHARD J DUNNE, che ho scoperto accreditato in solo 3 film: Daisy Miller, lo sceneggiato k2 +1
    e un film di Hong Kong girato in Italia: Kidnap in Rome.

    Ma uno dei ruoli più grandi in mezzo a decine da generico è quello del direttore della C.I.A. in Faccia di spia (1975) di Ferrara non accreditato.
    Se siete interessati qui la filmografia completa (finora) del generico:
    http://thrilling.forumfree.org/index.php?&showtopic=120&st=0


    Bel volto e bel fisico, perfetti per un generico di una certa età, ospite ai ricevimenti o cliente al ristorante...