DISCUSSIONE GENERALE di Il buono, il brutto, il cattivo (1966)

DISCUSSIONE GENERALE

  • Didda23 • 23/07/14 11:13
    Comunicazione esterna - 5719 interventi
    @ Buono

    Volevo farti notare questa cosa, visto che ci tieni particolarmente alla coerenza nelle votazioni.

    Nello specifico:

    Per un pugno di dollari (**!)

    Per qualche dollaro in più (**!)

    Il buono, il brutto, il cattivo (**!)

    Nel commento a "Per qualche dollaro in più" scrivi:

    Superiore al capostipite per mezzi, umorismo, logica e chiarezza di cosa/come fare, quasi che, auto-chiariti i motivi del precedente successo, se ne siano acuiti i punti vincenti.

    Nel commento a "Il buono, il brutto, il cattivo" scrivi:

    Inferiore ai lavori precedenti di Sergio Leone, a causa di una precisa, quasi dichiarata, volontà di grandezza che sconfina talora nel troppo prolisso e nel parentetico.

    Visto che i film fanno parte dello stesso genere e sono dello stesso regista, andrebbero leggermente variati i pallini. Poi liberissimo di mantenerli come ora, anche se così -per me- sono pochi chiari.
  • B. Legnani • 23/07/14 11:51
    Consigliere - 13898 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    @ Buono

    Volevo farti notare questa cosa, visto che ci tieni particolarmente alla coerenza nelle votazioni.

    Nello specifico:

    Per un pugno di dollari (**!)

    Per qualche dollaro in più (**!)

    Il buono, il brutto, il cattivo (**!)

    Nel commento a "Per qualche dollaro in più" scrivi:

    Superiore al capostipite per mezzi, umorismo, logica e chiarezza di cosa/come fare, quasi che, auto-chiariti i motivi del precedente successo, se ne siano acuiti i punti vincenti.

    Nel commento a "Il buono, il brutto, il cattivo" scrivi:

    Inferiore ai lavori precedenti di Sergio Leone, a causa di una precisa, quasi dichiarata, volontà di grandezza che sconfina talora nel troppo prolisso e nel parentetico.

    Visto che i film fanno parte dello stesso genere e sono dello stesso regista, andrebbero leggermente variati i pallini. Poi liberissimo di mantenerli come ora, anche se così -per me- sono pochi chiari.


    Capisco, ma in realtà tutti e tre i film mi paiono superiori a ** e inferiori a ***. Se togli i raffronti e leggi il resto dei miei testi, mi pare che non si trovino, nei tre casi, affermazioni che contrastano con tale votazione.
    Potrei alzare a *** il secondo, ma dovrei rivederlo. Mo' me lo segno...

    Grazie e Ciao.
  • Didda23 • 23/07/14 12:33
    Comunicazione esterna - 5719 interventi
    Il ragionamento è inattaccabile. Giusto così, allora. Grazie della delucidazione.
  • B. Legnani • 22/10/14 00:51
    Consigliere - 13898 interventi
    Stasera viene proiettato su grande schermo a Castiglione delle Stiviere (MN).
  • B. Legnani • 23/10/14 01:07
    Consigliere - 13898 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Stasera viene proiettato su grande schermo a Castiglione delle Stiviere (MN).

    Visto. Ne valeva la pena. Ritocco lievemente il mio pallinaggio.
  • B. Legnani • 23/10/14 13:38
    Consigliere - 13898 interventi
    Per DIDDA.
    Come detto più sopra, ho visto ieri in sala IL BUONO...
    Ho alzato a *** per quest'ultimo e di conseguenza, in attesa di rivederlo, PER QUALCHE DOLLARO...


    B. Legnani ebbe a dire:
    Didda23 ebbe a dire:
    @ Buono

    Volevo farti notare questa cosa, visto che ci tieni particolarmente alla coerenza nelle votazioni.

    Nello specifico:

    Per un pugno di dollari (**!)

    Per qualche dollaro in più (**!)

    Il buono, il brutto, il cattivo (**!)

    Nel commento a "Per qualche dollaro in più" scrivi:

    Superiore al capostipite per mezzi, umorismo, logica e chiarezza di cosa/come fare, quasi che, auto-chiariti i motivi del precedente successo, se ne siano acuiti i punti vincenti.

    Nel commento a "Il buono, il brutto, il cattivo" scrivi:

    Inferiore ai lavori precedenti di Sergio Leone, a causa di una precisa, quasi dichiarata, volontà di grandezza che sconfina talora nel troppo prolisso e nel parentetico.

    Visto che i film fanno parte dello stesso genere e sono dello stesso regista, andrebbero leggermente variati i pallini. Poi liberissimo di mantenerli come ora, anche se così -per me- sono pochi chiari.


    Capisco, ma in realtà tutti e tre i film mi paiono superiori a ** e inferiori a ***. Se togli i raffronti e leggi il resto dei miei testi, mi pare che non si trovino, nei tre casi, affermazioni che contrastano con tale votazione.
    Potrei alzare a *** il secondo, ma dovrei rivederlo. Mo' me lo segno...

    Grazie e Ciao.
  • Didda23 • 23/10/14 13:59
    Comunicazione esterna - 5719 interventi
    Ho visto e già capito tutto. Saluti e grazie della chiamata.
  • Alex75 • 2/11/17 17:19
    Call center Davinotti - 625 interventi
    Gugly ebbe a dire:


    Gian Maria Volontè si sarebbe prestato visti i successi dei due film precedenti, ma Leone lo scartò giudicandolo troppo nevrotico per un ruolo che, come si è visto, poteva avere delle punte quasi clownesche.



    Leone vide bene. Pur con l'ammirazione sconfinata che ho per Volonté, non riesco proprio a immaginarlo in un ruolo quasi comico, come quello di Tuco.
  • Piero68 • 2/05/19 16:22
    Contatti col mondo - 234 interventi
    Ieri ho rivisto questo film dopo decenni. Fortunatamente su Sky stanno facendo una rassegna dedicata a Sergio Leone.

    Ancora una volta sono rimasto letteralmente stupefatto per la pignoleria e la precisione del regista italiano.
    Essendomi in questi ultimi anni appassionato (anche perchè sono un modellista) alle uniformi ed ai fregi delle divise, sono riuscito a cogliere la precisione maniacale nei gradi ed in alcuni particolari delle divise indossate dal contingente di nordisti comandati dal "Capitano Giuffrè". Nemmeno in moltissimi film western made in USA si può apprezzare una tale precisione nelle divise delle "giacche azzurre".

    Per capire meglio è importante sapere che le controspalline nell'esercito USA del XIX secolo non solo indicavano il grado ma, a secondo del colore dello sfondo, anche l'arma di appartenenza:
    Giallo per la cavalleria, celeste per la fanteria, rosso per l'artiglieria e blu per gli ufficiali di staff, stato maggiore e servizi vari. Anche le bande colorate sul lato dei pantaloni indicano la stessa cosa.
    Le controspalline di Giuffrè sono su sfondo rosso ed infatti anche tutti i soldati hanno i pantaloni con la striscia rossa a lato. Quindi si può capire che sono di un reparto di artiglieria. E già questo fatto, di per se, è una sorta di chicca. Nei vari film infatti, sono soliti mostrare le divise nordiste con i pantaloni con le strisce gialle a lato, anche se non sono reparti di cavalleria.
    Ma dove si apprezza ancora di più la pignoleria è che il capitano medico ha le controspalline su sfondo blu (servizio sanitario), mentre il tenente con cui Biondo e Tuco hanno il primo contatto ha le controspalline di colore celeste. Segno che è un ufficiale di fanteria.
    Ripeto, in tanti altri western anche made in USA, non avrebbero avuto questa accortezza. Magari avrebbero messo le controspalline di uguale colore a tutti gli ufficiali. Così come non avrebbero pensato alle bande rosse sulle strisce dei pantaloni dei soldati e magari avrebbero fatto le divise con le più comuni bande gialle o celesti.
  • Caesars • 2/05/19 16:43
    Scrivano - 10961 interventi
    Grazie Piero68, molto interessante questa tua analisi.
  • Capannelle • 2/05/19 22:30
    Scrivano - 2506 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Grazie Piero68, molto interessante questa tua analisi.

    Tra l'altro non se ne trova traccia nel web quindi questa disamina potrebbe essere un'esclusiva del Davinotti. Complimenti.
  • Piero68 • 3/05/19 08:12
    Contatti col mondo - 234 interventi
    Vi ringrazio molto.
    E che ultimamente mi è presa una specie di fissa. Per cui ogni volta che ci sono film in cui compaiono personaggi in divisa mi intrippo a cercare di capire se gradi, mostrine e fregi sono compatibili o no con la realtà.

    Comunque, per chi volesse approfondire
    http://www.storiamilitare.altervista.org/uniformiufficialius.htm
    Ultima modifica: 3/05/19 08:17 da Piero68
  • Tarabas • 3/05/19 10:01
    Formatore stagisti - 2058 interventi
    Bello, del resto Leone era notoriamente l'incubo di costumisti, attrezzisti e c. essendo un maniaco del dettaglio e molto appassionato di oggettistica (e armi d'epoca, di cui se non ricordo male era particolarmente competente).