DISCUSSIONE GENERALE di Fratelli di sangue (1988)

  • TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/08/16 DAL BENEMERITO BUIOMEGA71
  • Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Non male, dopotutto:
    Buiomega71

DISCUSSIONE GENERALE

  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Buiomega71 • 1/08/16 10:48
    Pianificazione e progetti - 22280 interventi
    RASSEGNA ESTIVA: L'ESTATE AVVENTUROSA DEGLI INEDITI DAVINOTTABILI

    Dallas (Charles Grant) vuole vendicarsi dell'uccisione brutale del suo amico Cody da parte di una "family" che vive appartata tra le montagne. Coinvolge (a sua insaputa) il fratello Joey (Todd Allen) con la scusa di un escursione montanara, per scovare e uccidere i responsabili, una setta stile Le colline hanno gli occhi guidata da Padre (Jack Starrett) e dai suoi quattro "figli". Lo scontro montanaro si compie tra stupri, crocifissioni, agguati e scontri senza esclusione di colpi...

    Lo script è piuttosto risaputo e abbastanza derivativo. Quello che colpisce in questo "hunted movie", nella media del genere, sono le incursioni nella brutale violenza ai limiti dello splatter (gole tagliate, belluine crocifissioni in stile Quella notte in casa Coogan, facce spiaccicate contro le pale dell'elicottero come una sequenza analoga de I Predatori dell'arca perduta, devastanti colpi in arrivo al ralenti castellariano-o peckinpahniano-, mani perforate da coltelli) e un finale non così scontato come sembrerebbe.

    Le carpenteriane musiche di Alan Howarth (l'inizio del film cita pure quello della Cosa)), il mitico Jack Starrett nel ruolo del fanatico Padre che gira a cavallo come se fosse un cavaliere dell'apocalisse, il brutale stupro indotto ai danni di Dedee Pfeiffer (con tanto di pisciata addosso al povero Todd Allen da parte di uno dei villici/stupratori per farlo "rinvenire"), la lite per i daini uccisi e sviscerati da cacciatori (muniti di mitraglietta!) senza scrupoli, con Charles Grant che aggredisce uno di loro dicendole :"Non capisci una Madonna di questi posti!", il taurino Mitch Pileggi, già sulla buona strada per essere Horace Pinker, che vuole mettere incinta-con le poco buone maniere-la Pfeiffer, il pre-finale con l'elicottero (con il pilota sgozzato) in una sequenza che ricorda Il Serpente e l'arcobaleno (sempre per stare in tema Craveniano). Tasselli che danno al film un certo gradevole sapore e lo elevano leggermente dalla media del genere.

    Fanatismi religiosi alla Grano Rosso Sangue, redneck abbruttiti alla Un Tranquillo weekend di Paura, famiglie allo stato brado modellate sull'horror/western de Colline hanno gli occhi, sequenze action girate nemmeno malaccio

    Insomma, il sentore di già visto preme, ma Bloom mantiene le promesse

    Il doppiaggio italiano non fà miracoli, e nella scena iniziale nella baita con i cacciatori, sembra che uno di loro si stia guardando (non si capisce bene dove) un film porno (si sentono gemiti di una donna che gode), ma il cacciatore dice:"Ah, queste ballerine in televisione sono davvero brave", ma pareva tutto fuorchè un programma televisivo con balletti.

    Unico film di George Bloom (o George Jay Bloom III), peccato, perchè il ragazzo un certo talentaccio lo aveva...
    Ultima modifica: 1/08/16 11:45 da Buiomega71
  • Didda23 • 1/08/16 10:55
    Comunicazione esterna - 5746 interventi
    Un 2 e mezzo è un inizio più che dignitoso!
  • Buiomega71 • 1/08/16 10:56
    Pianificazione e progetti - 22280 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Un 2 e mezzo è un inizio più che dignitoso!

    Sì, pur con i suoi limiti, il film ha parecchie frecce al suo arco. Per chi ama il genere: "Vado in montagna a vendicare il mio amico da un gruppo di mattacchioni alla Colline hanno gli occhi" è un invito a nozze...
    Ultima modifica: 1/08/16 10:58 da Buiomega71
  • Digital • 1/08/16 12:01
    Segretario - 3095 interventi
    Sembra caruccio, appuntato il titolo, ora inizia la caccia alla registrazione tv.