DISCUSSIONE GENERALE di Bastardi senza gloria (2009)

DISCUSSIONE GENERALE

  • Rebis • 21/02/13 17:12
    Contatti col mondo - 4315 interventi
    Sì, se non ricordo male qui ha proprio esasperato la parlata americana...
  • Qed • 21/02/13 19:59
    Galoppino - 167 interventi
    Herrkinski ebbe a dire:
    Dovrei rivederlo ma non mi pareva recitasse con accento diverso dal solito (a parte nella scena in cui finge di essere italiano, ovviamente).
    Mmmh, credo che lì l'idea fosse di cambiare la lingua, lasciando l'accento praticamente invariato... :) Ho visto una sceneggiatura su internet dove una delle battute è riportata come "bawn jorno" o qualcosa del genere.
  • Pigro • 21/02/13 23:28
    Consigliere avanzato - 1525 interventi
    Qed ebbe a dire:

    Mmmh, credo che lì l'idea fosse di cambiare la lingua, lasciando l'accento praticamente invariato... :) Ho visto una sceneggiatura su internet dove una delle battute è riportata come "bawn jorno" o qualcosa del genere.


    Beh, non so quanti lo abbiano già detto, ma - come ho scritto nella "frase memorabile" del mio commento - la chiave del film (di quale sia l'approccio al film) sta tutta proprio nella deformazione linguistica del titolo. Che in italiano è tradotto male, mentre dovrebbe essere tradotto, più correttamente, Basterdi senza gluoria. Insomma, questo gioco deformante di cui parla Qed, e che trovo molto interessante, parte dal titolo, e quindi è evidentemente il registro del film. Cosa che me lo rende infinitamente più stimolante (oltre che corretto) rispetto al più banale "Bastardi senza gloria".
  • Zender • 22/02/13 07:45
    Consigliere - 44620 interventi
    Non credo che avrebbero dovuto tradurlo così. In inglese se lo leggi risulta praticamente identico all'originale, anzi un'accentuazione di come si legge quasi, quindi semmai avessero voluto attuare lo stesso tipo di gioco non si sarebbero dovuti spingere oltre un Basthardi senza gloria o una cosa del genere. Il fatto è che l'italiano è più lineare nella lettura dell'inglese e un titolo come Basterdi senza gluoria sarebbe stato a mio parere del tutto improponibile e ridicolo (Basterdi forse meno, gluoria decisamente sì).
    Ultima modifica: 22/02/13 08:29 da Zender
  • Pigro • 22/02/13 10:51
    Consigliere avanzato - 1525 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Non credo che avrebbero dovuto tradurlo così. In inglese se lo leggi risulta praticamente identico all'originale, anzi un'accentuazione di come si legge quasi, quindi semmai avessero voluto attuare lo stesso tipo di gioco non si sarebbero dovuti spingere oltre un Basthardi senza gloria o una cosa del genere. Il fatto è che l'italiano è più lineare nella lettura dell'inglese e un titolo come Basterdi senza gluoria sarebbe stato a mio parere del tutto improponibile e ridicolo (Basterdi forse meno, gluoria decisamente sì).

    Certo, sono d'accordo sul fatto che l'inglese consenta giochi linguistici proprio in virtù della differenza tra segno grafico e pronuncia, e infatti è vero che il titolo inglese è deformato nella scrittura e non nella pronuncia. E però quella deformazione è la chiave di tutto il discorso, e quindi tradurre il titolo senza recepirla innesca un'incomprensione. Ecco, Basthardi mi sembra una buona soluzione. Resta il fatto che Bastardi senza gloria è il titolo di un film d'azione muscolare, mentre Basterdi o Basthardi è la sua auto-parodia (proprio come Tarantino sembra indicare scrivendo Basterds anziché Bastards). Un po' come i film di Franco e Ciccio o di Totò che prendevano un titolo famoso e lo variavano di poco: Tarantino ha, genialmente, prevenuto la parodia al suo stesso film, che quindi è, al tempo stesso, un po' Tarantino e un po' Franco e Ciccio (esagero un po', ma così è più chiaro quel che intendo).
  • Qed • 22/02/13 11:02
    Galoppino - 167 interventi
    Comunque stando a Wikipedia la faccenda del titolo non è ancora chiara. Quel che dice Zender è molto vero, il rapporto tra fonemi e scrittura nelle due lingue è notevolmente diverso e "Basterdi senza gluoria" mi parrebbe un po' forzato, per quanto ovviamente al titolo italiano manchi qualcosa. Forse sono io ad essere ipersensibile alle forzature interpretative. Gli eterni dilemmi delle traduzioni non letterali.
  • Galbo • 22/02/13 11:05
    Consigliere massimo - 3849 interventi
    Qed ebbe a dire:
    Comunque stando a Wikipedia la faccenda del titolo non è ancora chiara. Quel che dice Zender è molto vero, il rapporto tra fonemi e scrittura nelle due lingue è notevolmente diverso e "Basterdi senza gluoria" mi parrebbe un po' forzato, per quanto ovviamente al titolo italiano manchi qualcosa. Forse sono io ad essere ipersensibile alle forzature interpretative. Gli eterni dilemmi delle traduzioni non letterali.

    La soluzione e' a portata di mano e consiste nel non tradurre un titolo straniero quando non lo si può fare in modo letterale.
  • Rebis • 22/02/13 14:12
    Contatti col mondo - 4315 interventi
    Galbo ebbe a dire:
    La soluzione e' a portata di mano e consiste nel non tradurre un titolo straniero quando non lo si può fare in modo letterale.

    :) elementare Watson!
  • Zender • 22/02/13 15:33
    Consigliere - 44620 interventi
    Galbo ebbe a dire:
    Qed ebbe a dire:
    Comunque stando a Wikipedia la faccenda del titolo non è ancora chiara. Quel che dice Zender è molto vero, il rapporto tra fonemi e scrittura nelle due lingue è notevolmente diverso e "Basterdi senza gluoria" mi parrebbe un po' forzato, per quanto ovviamente al titolo italiano manchi qualcosa. Forse sono io ad essere ipersensibile alle forzature interpretative. Gli eterni dilemmi delle traduzioni non letterali.

    La soluzione e' a portata di mano e consiste nel non tradurre un titolo straniero quando non lo si può fare in modo letterale.

    Ahah, giusto, ma era comunque una sfida. Capito il discorso, Pigro, son d'accordo.
  • Qed • 22/02/13 19:26
    Galoppino - 167 interventi
    Galbo ebbe a dire:
    Qed ebbe a dire:
    Comunque stando a Wikipedia la faccenda del titolo non è ancora chiara. Quel che dice Zender è molto vero, il rapporto tra fonemi e scrittura nelle due lingue è notevolmente diverso e "Basterdi senza gluoria" mi parrebbe un po' forzato, per quanto ovviamente al titolo italiano manchi qualcosa. Forse sono io ad essere ipersensibile alle forzature interpretative. Gli eterni dilemmi delle traduzioni non letterali.

    La soluzione e' a portata di mano e consiste nel non tradurre un titolo straniero quando non lo si può fare in modo letterale.

    Su questo non sono completamente d'accordo. Se si doppia un film in lingua diversa dall'originale si deve prendere il pacco completo dell'onere della traduzione. Lo stesso si applica allo spettatore. Altrimenti si guarda in originale, si gusta meglio e non ci si lamenta.
  • Galbo • 22/02/13 20:01
    Consigliere massimo - 3849 interventi
    Qed ebbe a dire:
    Galbo ebbe a dire:
    Qed ebbe a dire:
    Comunque stando a Wikipedia la faccenda del titolo non è ancora chiara. Quel che dice Zender è molto vero, il rapporto tra fonemi e scrittura nelle due lingue è notevolmente diverso e "Basterdi senza gluoria" mi parrebbe un po' forzato, per quanto ovviamente al titolo italiano manchi qualcosa. Forse sono io ad essere ipersensibile alle forzature interpretative. Gli eterni dilemmi delle traduzioni non letterali.

    La soluzione e' a portata di mano e consiste nel non tradurre un titolo straniero quando non lo si può fare in modo letterale.

    Su questo non sono completamente d'accordo. Se si doppia un film in lingua diversa dall'originale si deve prendere il pacco completo dell'onere della traduzione. Lo stesso si applica allo spettatore. Altrimenti si guarda in originale, si gusta meglio e non ci si lamenta.


    l'ultima è l'opzione migliore a mio avviso.
  • Herrkinski • 28/02/13 02:09
    Capo scrivano - 2351 interventi
    Mi accodo a Galbo, quando possibile, lo preferisco anch'io.
    Ultima modifica: 28/02/13 02:10 da Herrkinski
  • Piero68 • 7/08/17 09:55
    Compilatore d’emergenza - 237 interventi
    Scusate, molti hanno visto omaggi e/o attinenze ad altri film.
    Ma possibile che solo io abbia notato che la scena nell'osteria sembra ispirata al film Where eagles dare??

    Senza contare che in più di un occasione Tarantino ha affermato che è uno dei suoi film preferiti.
  • Kanon • 7/08/17 18:13
    Fotocopista - 821 interventi
    Non conosco il film ma andrò a cercare quella scena, per curiosità. Comunque, parlando di Tarantino, la cosa non mi stupirebbe per niente.
  • Zender • 8/08/17 08:23
    Consigliere - 44620 interventi
    A quanto pare l'ha detto Tarantino stesso (come giustamente fa notare Daniela nel post di Dove osano le aquile segnalando il post di Patrick78).
  • Kaciaro • 21/01/19 22:25
    Galoppino - 492 interventi
    quando i bastardi pestano i tedeschi vicino a delle strutture ad arco in mattoncini sembra una location italiana...risulta dalla produzione???
  • Kaciaro • 22/01/19 00:10
    Galoppino - 492 interventi
    Fedemelis ebbe a dire:
    https://berlinocacioepepemagazine.com/fort-hahneberg-la-fortezza-nascosta-di-berlino-dove-tarantino-ha-girato-bastardi-senza-gloria-46666/

    Qui la risposta alla tua domanda...

    grazie fedemelis molto interessante...
  • Capannelle • 21/08/20 17:33
    Scrivano - 2635 interventi
    Questo film invecchia molto ma moolto bene.

    Faccio un recap delle location visto che se ne parla in più post:
    I atto
    Esterno fattoria a Sebnitz, interni in studio
    II atto 
    Le rovine dove i basterds interrogano e scuoiano le SS: Fort
    Hahneberg, poco fuori Berlino
    Il sopravvissuto tedesco e Hitler: interni di un ex edificio governativo di Berlino (Clay HQ)
    III atto
    Esterno del cinema: in studio
    Shohanna e Bruehl nel caffè: Bistrot La Renaissance di Parigi
    Shohanna e Goebbels: Cafe Einstein a Berlino
    IV atto
    in studio
    V atto
    Interni cinema in studio
    Filmato "Orgoglio della nazione" a Gorlitz
    Foresta dell'epilogo: Nauen?

  • Capannelle • 21/08/20 18:27
    Scrivano - 2635 interventi
    Caratteristica inusuale per un blockbuster americano, nella versione originale si parla inglese solo per il 42% del tempo. Nelle parti restanti si parla tedesco (28%), francese (22%) e italiano (1%). Fonte imdb 

    La lingua e addirittura l'accento, sono fattori determinanti per vivere o morire e Tarantino ci punta molto tanto che in fase di casting ha privilegiato attori che non necessitassero di doppiaggio in mezzo a questa babele di dialoghi. Lo stesso Brad Pitt può parlare tedesco anche se il suo personaggio non lo richiedeva.