DISCUSSIONE GENERALE di Atomica bionda (2017)

DISCUSSIONE GENERALE

  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Tarabas • 7/02/18 23:34
    Formatore stagisti - 2071 interventi
    Grazie al papiro, direi che aspetterò l’arrivo su Sky Cinema e non lo comprerò in Paytv come pensavo di fare.
  • Zender • 8/02/18 08:02
    Consigliere - 44761 interventi
    Beh mi pare eccessivo, Tarabas. Il papiro è un solo parere e in netta minoranza direi.
  • Daniela • 8/02/18 09:24
    Gran Burattinaio - 5623 interventi
    Tarabas, rifletti: qualsiasi film in cui una donna usa una padella per darla in testa ad un uomo e non per farci la frittata merita di essere preso in considerazione per la visione a prescindere ;oP

    A questo proposito, è utile tener presente una istruttiva sentenza sull'uso dello strumento:
    https://www.studiocataldi.it/articoli/25064-cassazione-anche-la-padella-e-un-arma.asp
  • Tarabas • 8/02/18 09:48
    Formatore stagisti - 2071 interventi
    Sì, però gratis, visto che già ti prendi una padellata...
  • Schramm • 3/12/18 14:28
    Controllo di gestione - 6899 interventi
    inizialmente la storia mi sembrava troppo a tenuta stagna rispetto a parentesi aktio indiavolatissime ma troppo centellinate e succinte. fortuna per il regista come per lo spettatore che queste si allungano a dismisura in una seconda parte tutta crack bang swiss pow boom smash che si riannoda e riamalgama squisitamente al tessuto narrativo. certo a ogni asso calato dalla ost viene da dire "a david, te piace vincere facilissimo!". partire addirittura in maniera quasi sacrilega coi new order di blue monday ad accompagnare un chasing, per poi darci dentro di cambio complesso con bowie. e poi i trio, falco (coverizzato, invero), depeche mode, clash, siouxie, eurytmics. se non è essere volponi questo!

    tirata d'orecchie finale per l'eccessiva running time, specie in una prima parte davvero troppo macchinosa e tutta pleonasmi, per quel che è la tipologia di prodotto: trattare lo script come una frazione algebrica da semplificare non avrebbe che giovato.

    a ogni modo si arriva ai titoli di coda assai gasati.
  • Poppo • 27/05/19 14:48
    Galoppino - 422 interventi
    (ATTENZIONE agli SPOILER!)

    Film estetizzante e molto patinato a tratti drammatico la cui funzione ideologica post-femminista (reazionaria) rilancia il più micidiale stereotipo dei tempi attuali: la donna è un uomo dentro un corpo di donna nelle mani di un uomo. Basta il titolo per capire che la bionda in oggetto mena più dei famigerati agenti russi, rimorchia femmine francesi, stende tutti a colpi di pistola nel gran finale. Nell'epilogo tornerà però “a casa” accompagnata dalla rassicurante figura paterna inizialmente da lei dileggiata (“succhiacazzi”) e della quale non può fare a meno, come della casa... (Rambo?).

    Dalle provocazione omofobiche femministe alla padella.

    La padella nelle mani di una donna incazzata (la scena in oggetto è disturbante e ci si chiede perché) è un'arma decisamente reazionaria, alla fine ti ricorda sempre da dove vieni e dove te ne tornerai. Da notare, infine, l'estetica BDSM della donna ricoperta di lividi che mantiene il suo perverso fascino erotico, o forse qui lo accresce grazie allo sfoggio di vestiario sciccoso. Last but not least, la “femmina francese” - delle due donne la più "androgina" - muore uccisa per mano maschile con la più tipica delle tecniche femminicide, il soffocamento. Regole ristabilite. Se l'essere reazionari al cinema può essere un'arte qui lo si dimostra ampiamente.

    Davinotticamente impallinabile (la votazione sarebbe alta ma...). Ideologicamente infame.
    Ultima modifica: 27/05/19 14:53 da Poppo
  • Raremirko • 23/03/21 20:01
    Addetto riparazione hardware - 3718 interventi
    Leitch si riconferma regista dotato con un action niente male, fondato sull'atomica Theron, tra le donne più belle al mondo, e piani sequenza di azione degni del miglior Besson.

    Tutto curatissimo, mega cast, adrenalina e pathos.


    Quella che pare Berlino in realtà credo sia Budapest.