DISCUSSIONE GENERALE di Angry asian murder hornets (2020)

  • TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/06/20 DAL BENEMERITO ANTHONYVM
  • Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Gravemente insufficiente!:
    Anthonyvm

DISCUSSIONE GENERALE

  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Daniela • 21/06/20 10:11
    Consigliere massimo - 5075 interventi
    x Anthonyvm dato che hai citato nel tuo commento lo scult Birdemic, vorrei sapere se quando definisci il film "inguardabile", ti riferisci ad un film del tipo scemo ma che te lo ricordi per anni, ridacchiandoci sopra per la sublime bischeraggine, oppure è quell'inguardabile noioso che ti fa sentire scemo te che stai perdendo tempo a guardarlo? 
    Ultima modifica: 21/06/20 10:12 da Daniela
  • Anthonyvm • 21/06/20 17:39
    Segretario - 301 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    x Anthonyvm dato che hai citato nel tuo commento lo scult Birdemic, vorrei sapere se quando definisci il film "inguardabile", ti riferisci ad un film del tipo scemo ma che te lo ricordi per anni, ridacchiandoci sopra per la sublime bischeraggine, oppure è quell'inguardabile noioso che ti fa sentire scemo te che stai perdendo tempo a guardarlo? 
    Magari, Daniela! No, questo è proprio il tipo di film "inguardabile" nel vero senso del termine, anche perché a malapena si può parlare di film: si tratta più che altro sequenzine girate a distanza dal cast e poi assemblate fra loro a mo' di trasmissione televisiva, con tanto di spot finti, spot veri, telegiornali parodistici, trailer random e interminabili riprese aeree o di gente che cammina (espediente allunga-metraggio dei più detestabili). L'unico punto in comune con Birdemic sono gli effetti "speciali" con le vespone digitali malamente sovrimpresse, ma non valgono certo il prezzo del biglietto. La sola parte vagamente simpatica è l'introduzione filo-documentaristica (ovviamente in tono comico) sulle api e sui calabroni: il commento vocale ha un suo perché. Per il resto, "opera" sinceramente sconsigliata a tutti.