Discussioni su Anarchia - La notte del giudizio - Film (2014)

DISCUSSIONE GENERALE

  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Redeyes • 10/12/14 09:45
    Formatore stagisti - 916 interventi
    'giorno Zen,
    mi linki a:

    per trovar e salvare gente al mercatino della carne Io vi troverò

    Ostello 3.0 con Hostel

    tnx
  • Zender • 11/12/14 07:49
    Pianificazione e progetti - 46931 interventi
    Ok per Io vi troverò, ma Ostello 3.0 non è Hostel, è un film ipotetico e poi fa riferimento a una saga, genericamente.
  • Redeyes • 11/12/14 09:00
    Formatore stagisti - 916 interventi
    Si certo che è ipotetico, ma muoveva i passi proprio dal fatto che si pagasse per torturare, che è l'idea alla base del primo hostel.

    Comunque va benissimo!!

    :)
  • Raremirko • 5/05/17 22:29
    Addetto riparazione hardware - 3851 interventi
    Secondo me è il film che, tra tutti, più deve elementi al videogioco Manhunt: le maschere, le varie caccia all'uomo e, non ultimi, gli squadroni SWAT sono molto simili a certi personaggi nel famoso titolo Rockstar.


    Comunque meglio del prequel, che già trovai ottimo: bravo Grillo, scene ben studiate, atmosfera a suspance e, 'stavolta, si scende pure in strada!


    'sta trilogia mi sta piacendo assai.


    Come per gli Human centipede, l'idea per il film venne al regista da un discorso fatto con parente/amici.
  • Buiomega71 • 2/11/18 10:56
    Pianificazione e progetti - 24784 interventi
    Quì non è più una questione di preferire il primo al secondo o viceversa, quì è proprio una questione di (de)generi differenti, ferocissimo home invasion il capostipite (genere che adoro a prescindere) e action movie notturno e carpenteriano il suo seguito (che , al sottoscritto, un pochetto, le ha scartavetrate), indi per cui fazioni apposte di sottogeneri, chi ama l'azione e le intelaiature alla Guerrieri della notte andrà in sollucchero, chi, invece, gli spazi circoscritti, la tensione in crescendo, la casa come unica unità di luogo, il continuo rimpiattino tra thriller casalingo e horror (in questo caso il sottoscritto) arriccerà il naso e frenerà il proprio entusiasmo.

    Non che DeMonaco non ci sappia fare, anzi, alcuni momenti sono fulminanti (penso alla sorella che sbrocca e fa un macello-scena tesissima, grottescamente folle e ferocissima-che da sola vale la visione-, la cicciona che bestemmia-parafrasando volgarmente la santissima trinità, plauso all'edizione italiana che si è arzigolata tra blasfemie e imprecazioni al buon Dio-sparando all'impazzata sul tetto di un edificio che manco Bersagli o nell'Alba dei morti viventi, il vecchio che si fa fare a tocchetti da una famiglia di ricconi dietro compenso giocherellando con il torture porn-ma solo nelle intenzioni-, il banchiere appeso, il portinaio armato di fucile a pompa che entra nell'appartamento vomitando misoginia triviale a iosa e leccando la Ejogo sullo stile viscidio e libidinoso dell'infermiere ai danni di Sarah Connor di T2, il topazzo di fogna che salta sulle gambe della Sanchez, il teso finale vendicativo e la resa dei conti sull'uscio di casa con sorpresa, la presentazione iniziale alternata delle tre vite che si incroceranno -poliziotto milleriano che gira su un auto blindata per le notturne e devastate strade della violenza, coppia litigiosa a cui l'auto va in panne, perseguitata da una gang mascherata The Strangers che ha tutta l'aria di un Buio si avvicina al calar delle tenebre, la madre e la figlia nell'appartamento delle case popolari.

    Ottimi spunti, buoni propositi, in una landa spettrale e desolata da post atomico , tra l'ultimo Romero delle terre dei morti viventi e le Strade di fuoco hilliane (i cromatismi notturni, l'intelaiatura, il gusto post moderno ottantiano lo omaggiano a piè sospinto).

    Nel mezzo terribili cadute di tono, come la sparatoria agli infrarossi degna di un action da bancarella, dove non si capisce chi spara a chi, assumendo i tamarri tratti di uno sparatutto che manco Doom, alle "black panther" rivoluzionarie guidate da un emulo di Samuel Jackson, deriva spikeleeiana tanto forzata quanto pacchiana, ai truzzi in go kart con lanciafiamme e esplosioni che nemmeno nei poveristici post atomici di Tonino Ricci, mitragliatori e possenti truck (guidati da un folle fanatico esponente del governo con i suoi squadroni di teste di cuoio, via di mezzo tra J.R. Ewing e una macelleria mobile di mezzanotte)

    Anche la violenza, che nel primo era sadica e fulminea lasciando il segno, quì appare indolore e fumettosa, così come l'idea dell'asta dei ricconi , vanificata da una "caccia" conseguente da cafonissimo b-movie.

    Ci sono anche una sottospecie di gemelle Soska con le sciabole (mutuate dalle ragazze "fantasmatiche" della gang del primo) e ritornerà, inaspettatamente, un personaggio "fulcro" del capostipite.

    Tantissimo Carpenter, moltissimo Hill, parecchio Romero, qualcosa di Miller e Glickenhaus, qualche spruzzata di Besson, ma meno coinvolgimento, meno defribillazione, meno ferocia, molta più azione e il fulmineo apologo ferino invasivo del primo che va a farsi benedire (per quanto mi concerne), così come la spietatezza di Rhys Wakefield e la sua gang di altoborghesi purificatori mascherati e del "buon" vicinato, che si mangiano in un solo boccone le "macchiette" di bande e fazioni di questa seconda notte dello sfogo.

    Non male i titoli di coda modello Dogville e funzionale novello Jena Plissken/Max Rockatansky Frank Grillo

    De Monaco si porta a casa qualche punto e brilla di una certa autorialità, omaggiando il survivor movie ottantiano con reverenza e passione, ma la prima purga era tutt'altro pianeta.

    Devi essere un poliziotto o un criminale, giusto?

    E tu devi essere una rompicoglioni o una rompicoglioni
    Ultima modifica: 2/11/18 18:50 da Buiomega71
  • Raremirko • 2/11/18 22:58
    Addetto riparazione hardware - 3851 interventi
    Mi raccomando Buio, vedi pure il Prequel, The first purge.