DISCUSSIONE GENERALE di La porta rossa (2 stagioni) (2017)

  • TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/03/17 DAL BENEMERITO BRUCE
  • Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Quello che si dice un buon film:
    Bruce, Ultimo, Mco

DISCUSSIONE GENERALE

  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Mco • 19/03/17 14:50
    Scrivano - 9653 interventi
    Questa serie televisiva, nata da un'idea dell'esperto Carlo Lucarelli, sposa il difficile connubio giallo-soprannaturale.
    Ad un testo whodunit aggiunge la componente fantastica, con un Guanciale versione ghost che si avvicina ad una medium adolescente al fine di venire a capo del suo assassino.
    Tempi dilatati, spesso eccessivi, con due episodi per ogni puntata.
    I ritmi, pertanto, patiscono questa scelta diegetica, sebbene non manchino i momenti di interesse.
    Qualche nudo (notevole quello della Mayarchuck) in più della media spiega anche il perché sia stata scelta la rete 2 anziché l'ammiraglia RAI...
    Ultima modifica: 20/03/17 12:22 da Mco
  • Corinne • 4/04/17 20:26
    Servizio caffè - 85 interventi
    Io invece ho trovato molto buono il ritmo...considerati il genere e il numero di episodi, mi aspettavo molti dialoghi noiosi e riempitivi.
    Mi è piaciuta molto la caratterizzazione dei personaggi, lontani da certi clichè dicotomici, la loro evoluzione, il 'non è tutto come sembra' ed ho trovato in parte gli attori.
    Pensavo mi sarei annoiata presto e invece ho divorato l'intera serie in tre giorni.
    Spero vivamente in una seconda stagione...
  • Mco • 10/07/19 14:52
    Scrivano - 9653 interventi
    La seconda stagione (andata in onda da febbraio 2019) ha reso ancor più intricate le vicende che spingono il protagonista "non trapassato" Guanciale a non varcare la fatidica porta eponima. Spesso ci sembra di ammirare un poliziesco serrato, nei rirmi come nelle suggestioni (anche processuali), senza mai che venga tralasciato il quid fantastico proprio della diegesi. Il cast è in grande spolvero, con la giovane Romani e Gaetano Bruno a giocarsela con Fortunato Cerlino e Roberto Citran per la palma di migliore. In una piccola parte anche Ivan Franek, volto noto nel panorama di genere italiano (nella serie "Crimini" ad esempio). Più che consigliato.
    Ultima modifica: 12/07/19 14:54 da Mco