DISCUSSIONE GENERALE di I racconti della cripta (7 stagioni) (1989)

  • TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/02/10 DAL BENEMERITO RAREMIRKO
  • Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Grande esempio di cinema:
    Raremirko, Ciavazzaro
  • Quello che si dice un buon film:
    Undying, Mco

DISCUSSIONE GENERALE

  • Zender • 31/05/21 07:44
    Consigliere - 45052 interventi
    Grazie Mco, aggiunti.
  • Mco • 9/06/21 12:16
    Scrivano - 9888 interventi
    The sacrifice (2.7)
    *** Quant'è pericoloso essere ricchi. Qui se ne accorge un uomo intenzionato a modificare la propria polizza assicurativa sulla vita. Omicidi, loschi affari e doppi giochi si inseguono come bolidi in un'autodromo per quasi mezz'ora. Senza necessità di spargere sangue o usare mezzucci per irretire chi guarda. La paura è in re ipsa. Kim Delaney sfodera un erotismo coi controfiocchi e Michael Ironside il sorriso beffrado delle migliori occaMco)sioni. Molto gradevole. (Mco)
    For cryin' out loud (2.8)
    ** L'idea di una coscienza - grillo parlante non sarebbe nemmeno così malvagia. Ma è il cambio di ritmo, l'innovatività e la capacità di sorprendere che difettano in questo segmento diretto da Jeffrey Price. I crediti gridano Iggy Pop, ma lui nemmeno ricorderà di aver girato questo frammento della cripta. Restano una mise sexy di Katey Sagal e l'incipit con la corsa forsennata a farsi abbrustolire.
    (Mco)
  • Zender • 9/06/21 14:12
    Consigliere - 45052 interventi
    Grazie Mco, aggiunte.

  • Mco • 24/06/21 17:20
    Scrivano - 9888 interventi
    Four-sided triangle (2.9)
    *** Avere tra le mura domestiche una figliola come Patricia Arquette di certo non aiuta la liaison tra marito e moglie. Se poi la deliziosa ospite pare interessata soltanto ad uno spaventapasseri, allora le cose si fanno ancora più complicate. Tom Holland sa sempre come dirigere, dimostrando che per creare tensione non servono mirabolanti effetti ma buone idee e bravi attori. Sembra di essere all'interno di un racconto di Stephen King, grazie anche ad un'ambientazione (i filari) suggestiva. Finale ad alto tasso di cattiveria. (Mco)
    The ventriloquist's dummy (2.10)
    **! Quanta passione e quanta foga anima il giovane Billy Goldman. Vuole imparare dal suo maestro l'arte di "far parlare" i pupazzi. Ma non sa a quale prezzo. La letteratura e la cinematografia amano flirtare con gli esseri inanimati e soprattutto con quelli che sussultano motu proprio. Se nella prima parte si pensa ad un pupazzetto diabolico, successivamente si devia verso l'universo della metafisica. Il prolungamento mostruoso del braccio ha una carica orrorifica piuttosto alta, sebbene si spenga ben presto tra esagerazioni e parossismi. Ma Donner dirige comunque un episodio più che godibile. (Mco)
  • Zender • 24/06/21 18:04
    Consigliere - 45052 interventi
    Grazie Mco, aggiunte.

  • Mco • 8/07/21 16:54
    Scrivano - 9888 interventi
    Judy, you're not yourself today (2.11)
    *! Marito e moglie strampalati affrontano lo scambio di corpo della donna, da sempre ossessionata dalla carta d'identità che ingiallisce. Randa Haines si presta ad una fatica della cripta consegnando un frammento fiacco, che perde di brio dopo pochi minuti e si assesta ben presto nell'area del già visto e stravisto, con scene che non sanno se far ridere o spaventare. Peccato... (Mco)
    Fitting punishment (2.12)
    *** Episodio nerissimo, che ha l'abilità di calare lo spettatore in un mondo altro, dove tutto è possibile (come quello dei fumetti, appunto). Moses Gunn è icastico nella sua cattiveria esemplare e la vendetta, che si subodora sin dalle prime angherie propinate al nipote, giunge come una sorta di catarsi. E c'è anche una palla che scende dalle scale, giusto per non farsi mancare le citazioni.
    (Mco)


    Ultima modifica: 8/07/21 17:05 da Mco
  • Zender • 9/07/21 07:57
    Consigliere - 45052 interventi
    Grazie Mco, aggiunte.
  • Mco • 15/07/21 21:58
    Scrivano - 9888 interventi
    Korman's kalamity (2.13)
    **! Un disegnatore di storie dell'orrore è talmente bravo e realistico che le sue creature trascendono i limiti ed arrivano nel mondo reale. Quando il cinema parla di se stesso o si travalicano i limiti del ridicolo o si confezionano prodotti divertenti. Qui siamo nel mezzo, con una prima parte (la caratterizzazione nerd del personaggio principale) molto gustosa e un prosieguo un po' tirato via. Ma va visto anche soltanto per la scena della lavanderia merita! (Mco)
    Lower Berth (2.14)
    *** Che bella l'atmosfera delle fiere circensi, con la gente curiosa dinnanzi a baracconi che promettono l'inimmaginabile. L'uomo con due facce mette tristezza più che raccapriccio, ricordando la fenomenologia filmica sui freak. Yagher dirige bene e regala al guardiano della cripta la possibilità di spiegare le sue origini in un frammento che avrebbe certamente trovato posto tra gli scaffali della Full Moon di Band. Graziosamente rétro.(Mco)
  • Zender • 16/07/21 08:17
    Consigliere - 45052 interventi
    Grazie Mco, aggiunte.

  • Mco • 19/07/21 21:46
    Scrivano - 9888 interventi
    Mute witness to murder (2.15)
    ** Dopo aver assistito a ciò che non avrebbe mai dovuto vedere Suzy perde l'uso della favella. A prendersi cura di lei proprio l'uomo che ha visto nel suo intento criminale. Si deve far ricorso ad un largo uso di sospensione d'incredulità per farsi andar giù questa deriva hitchcockiana, pregna di déja vu e dozzinalità. Tensione ai minimi ed è un peccato, in quanto la confezione, così come la direzione registica sono più che discrete. (Mco)
    Television terror (2.16)
    **! Gli ascolti televisivi spingono l'esperto giornalista di cronaca Horton Rivers a sfidare ogni rischio. Pertanto il passo più significativo è quello di entrare con le telecamere in una casa teatro di sanguinosi omicidi. La struttura è lineare, tesa a infondere inquietudine con espedienti basici. Il risultato è discreto, con tutta la parte finale degna di nota, tra corpi appesi e volti stupiti (e spaventati). Insomma, quel che si dice tv verità! (Mco)
  • Zender • 20/07/21 08:34
    Consigliere - 45052 interventi
    Grazie Mco, aggiunte.
  • Mco • 21/07/21 15:21
    Scrivano - 9888 interventi
    My brother's keeper (2.17)
    **! Due fratelli uniti per la pelle! Ma talmente differenti che la necessità di un po' di riservatezza diventa, con il passare degli anni, sempre più impellente. L'episodio esemplifica al meglio la natura del contesto.. L'umorismo nerissimo e le varie trovate (il più birichino dei due siamesi si dà al sesso mentre la'ltro chiacchiera amorevolmente con la fidanzata)  conferiscono alla perfezione il senso di tavole da fumetto. Il finale delude un po', peccato. (Mco)
    The secret (2.18)
    *** Oliver Twist in versione horror. J. Michael Riva tratteggia una favola che si potrebbe tranquillamente raccontare ai più piccini, con un finalone a tutto mostri di grande impatto. Spicca la figura di Larry Drake, qui in una delle poche parti buone della sua carriera, oltre all'ottima interpretazione dell'allora undicenne Mike Simmrin. Episodio che chiude in maniera gradevolissima la seconda stagione della serie. (Mco)
  • Zender • 21/07/21 15:47
    Consigliere - 45052 interventi
    Grazie Mco, aggiunte.