CURIOSITÀ di Una volpe a corte (1937)

di Irene Starewicz, Wladyslaw Starewicz con (animazione)
  • TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/05/13 DAL BENEMERITO BELFAGOR
  • Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Un film straordinario, quasi perfetto!:
    Belfagor
  • Grande esempio di cinema:
    Daniela

CURIOSITÀ

  • Se vuoi aggiungere una curiosità a questo film, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (se necessario) verrà spostata in Curiosità.
  • Daniela • 31/07/20 23:48
    Consigliere massimo - 5072 interventi
    Soggetto dal racconto di Johann Wolfgang von Goethe "La volpe Reinhart" pubblicato nel 1830 ed ispirato ai racconti medievali del XII e XIII secolo conosciuti col nome di Roman de Renart

    La circostanza di essere tratto da un racconto di Goethe permise al film, realizzato nel 1930 ma ancora non sonorizzato, di avere un finanziamento da parte del governo nazista che ne consentì l'uscita in Germania (1937) e poi in Francia (1941).
    E' il primo lungometraggio realizzato nella storia del cinema di animazione, ma il secondo ad essere proiettato nelle sale, in quanto preceduto per pochi mesi dal russo Il nuovo  Gulliver, girato con tecnica mista (live action e stop motion) a differenza di Una volpe a corte, interamente in stop motion. 
     
    Fonte qui  (lingua francese)