CURIOSITÀ di Il nido del ragno (1988)

CURIOSITÀ

  • Se vuoi aggiungere una curiosità a questo film, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (se necessario) verrà spostata in Curiosità.
  • Undying • 13/06/08 18:52
    Scrivano - 7599 interventi
    Stralcio di una intervista, realizzata a Sergio Stivaletti, a cura di Alberto Morsiani.

    Dopo Opera, stai lavorando ad un altro film, che si intitola Il Nido del Ragno, che mi sembra ti stia impegnando parecchio. Cosa stai facendo?
    Si, mi impegna parecchio ed il motivo è presto detto: è un film in cui ho convinto la produzione perchè ho trovato delle persone che l'accettavano e poter fare finalmente io tutti gli effetti sia ottici che meccanici del film. Ho finalmente proposto questa benedetta animazione (si riferisce al Passo 1, n.d.r.) che non mi riusciva di far capire a nessuno, ho fatto gli effetti meccanici di trasformazione, di realizzazione della cratura, e debbo dire che qui ho avuto un controllo diverso rispetto ad altri lavori che ho fatto in precedenza.
    (...) Qui mi è stata affidata molto la parte creativo-realizzativa fino ad arrivare agli effetti ottici d'animazione... (...)

    Il film che uscirà nella prossima primavera (del 1988, n.d.r.), lo vedremo allora. Mi puoi raccontare la scena-madre?
    Sai, proprio raccontare la scena-madre no. Ti posso dire che c'è un mostro nel film, che questo mostro non è come lo vedi nel finale, ma ci arriva attraverso una trasformazione...

    ...assomiglierà ad un ragno, suppongo...
    Beh, si, ha qualcosa del ragno, ricorda il titolo del film, non è fuori tema insomma; diciamo che la scena clou è senz'altro quella della trasformazione, si punta molto su quella. Poi ci sono altri effetti nel film, ma anche lì sono dei passaggi, dei momenti, e sono quelli di animazione che dicevo prima.

    Il Nido del Ragno mi sembra un pò, a sentirti parlare, la prova generale del tuo debutto alla regia. Per questo debutto avrai sicuramente in testa un soggetto. Me lo dici?

    Per il mio debutto nella regia i soggetti si alternano, sono sempre tre o quattro. A volte mi chiedo cosa si aspetterebbe un produttore e perchè dovebbe affidarmi una cosa del genere. Mi rispondo che me la affiderebbe perchè si aspetta che gli effetti speciali siano una parte importante del film.

    Fonte: Sequenze n. 7 - Rosso Italiano (1977/1987)