CURIOSITÀ di Gli ordini sono ordini (1972)

  • TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/05/09 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
  • Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Quello che si dice un buon film:
    Bubobubo
  • Non male, dopotutto:
    Panza
  • Mediocre, ma con un suo perché:
    Renato, Undying, Alex1988, Noodles
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c’è:
    B. Legnani, Manfrin

CURIOSITÀ

  • Se vuoi aggiungere una curiosità a questo film, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (se necessario) verrà spostata in Curiosità.
  • Undying • 22/02/10 17:37
    Scrivano - 7626 interventi
    Complementare al film di Salce: Io e lui (1973).
    Sempre ispirato da un testo di Moravia e con voce esterna (qui, più pudicamente, quella maschile nella testa della protagonista, Monica Vitti) che suggerisce alla moglie di tentare vie nuove e scrollarsi di dosso il peso di un matrimonio vecchia maniera.
    Molto blanda la denuncia sociale, comunque presente trattandosi di un film realizzato a ridosso del 1968.
  • Undying • 23/02/10 18:35
    Scrivano - 7626 interventi
    C'è una scena che vede impegnati alcuni banchieri, tra i quali lo stesso Orazio Orlando (nel film il marito della Vitti), fare tiro a segno su un manifesto cinematografico: è quello di Banditi a Milano (Carlo Lizzani, 1968)