CURIOSITÀ di Fargo (4 stagioni)

CURIOSITÀ

  • Se vuoi aggiungere una curiosità a questo film, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (se necessario) verrà spostata in Curiosità.
  • Daniela • 22/12/15 11:49
    Gran Burattinaio - 5843 interventi
    Martin Freeman, coprotagonista nella prima stagione, è presente nella seconda come voce narrante che introduce gli ultimi due episodi.
  • Schramm • 4/01/16 15:55
    Scrivano - 7355 interventi
    (Attenzione alcune curiosità potrebbero contenere spoiler decisivi specie sulla S2)[/b]

    * Il titolo di ciascun episodio fa riferimento a un koan, a una parabola, a un paradosso filosofico o letterario

    * Nel primo episodio nel luogo della cena di incontro di Lester e Lorne si può leggere su un’insegna pubblicitaria White Russians a soli $4.95. E’ un chiaro link a Il Grande Lebowski, il cui protagonista non fa che bere White Russians.

    * Il nome del personaggio Deputy Knudsen è un altro riferimento al Grande Lebowski: così si chiamava difatti l’investigatore privato assoldato dai Knudsens che segue Dude nel film

    * Il narratore fuori campo del nono episodio della S2 è Martin Freeman, l’interprete di Lester nella prima stagione.

    * Jesse Plemons (Ed Blomquist nella 2), and Bob Odenkirk (Bill Oswalt nella 1), hanno abitato anche Breaking Bad, rispettivamente nei ruoli di Todd e Saul Goodman.

    * Il Waffle Hut, location dove tutto ha inizio nella S2, è altresì location di parecchie scene de Ladykillers il cui protagonista Tom Hanks è per inciso padre del Colin Hanks facente parte della prima stagione.

    * La canzone di chiusura del primo ep della S2, Didn't Leave Nothing But the Baby è la stessa cantata dale Sirene in Fratello, dove sei?

    * Quando Lou Solverson esce dalla volante di fronte alla macelleria fa bella vista nella strada la Farmacia Mike Zoss. E’ lo stesso nome della farmacia semi-distrutta dall’auto di Anton Chigurh in Non è un paese per vecchi.

    * Il film con Reagan Moonbase Freedom non esiste. La clip mostrata nel cinema e spacciata per tale appartiene a L’uomo dal pianeta X di Ulmer del 1951.

    * Nel vetro della cabina telefonica da cui Ed chiama Mike, scritto dall’interno è visibile un gioco dell’impiccato irrisolto il cui intuibile risultato è Sioux Falls. E’ una sorta di divinazione dell’ultima scena dell’episodio che vede Ed quasi morto per impiccaggione per mano di Dodd.

    * Il documentario sugli insetti che Peggy cerca invano di vedere alla baita è lo stesso che provano a vedere Buscemi e Stormare nel film originale, sempre in una baita, e sempre disturbati da un segnale tv inutilmente reso stabile dai colpi delle loro mani.