Zombi 2

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1979
Genere: horror (colore)
Note: Seguito apocrifo dello "Zombi" di Romero. Aka "Gli ultimi zombi", "Zombies 2: the dead are among us", "Zombie flesh eaters" o "Island of the living dead".
Numero commenti presenti: 59
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stubby 25/02/07 17:27 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Ah se solo ci fosse stato un badget all'altezza! Come sempre il regista italiano si distingue per fantasia e talento immaginifico. Prima ancora di vederlo, questo film, avevo letto la trama e già da lì ero molto carico. Poi, dopo averlo visto, sono rimasto soddisfatto, anche se in alcuni punti avrei preferito delle scene più curate. Purtroppo la causa principale è sicuramente la bassa disponibilità finanziaria. Comunque molto godibile.

Giapo 15/03/07 11:53 - 232 commenti

I gusti di Giapo

Seguendo la visione apocalittica dei film romeriani (ma senza le sue implicazioni socio-politiche) Fulci dirige un film rozzo ma di grande effetto: la sceneggiatura è banale con dialoghi infantili messi in bocca ad attori incapaci, ma la pellicola si distingue per una notevole eleganza stilistica capace di trasmettere una profonda suggestione visiva che, unitamente ad effettacci splatter molto realistici, ci regala delle sequenze horror memorabili. Raccomandato agli amanti del gore estremo.

Undying 24/03/07 00:02 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Causa di un contenzioso (vinto da Fulci) con Argento per colpa di un titolo "apocrifo", il film sceneggiato da Sacchetti (che per questioni fiscali fece firmare alla moglie Elisa Briganti) riconduce il tema alla terra d'origine. Inizialmente la regia venne proposta a Castellari, che declinò perché non attratto dal genere: il risultato ottenuto da Fulci, Sacchetti e Frizzi (soundtrack) è, ad oltre 27 anni di distanza, ancora sorprendente. Il finale, ironia della sorte, sembra il prequel di Zombi.

Caesars 4/04/07 13:14 - 2761 commenti

I gusti di Caesars

A suo tempo la critica ufficiale lo stroncò, così come succedeva quasi sempre per il cinema italiano di "genere", oggi è acclamato da quasi tutti come un capolavoro. Non mi schiero né da una parte né dall'altra ma a mio parere è un filmetto, con alcuni pregi a alcuni difetti, che cerca di sfruttare l'enorme successo dello Zombi di Romero. Non si può negare che Fulci sappia regalare al film un'impaginazione efficace, ma la recitazione e i dialoghi sono decisamente di "serie B". Tra le trovate originali una lotta zombi-squalo.

Rebis 27/08/07 18:07 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

L’horror fulciano è lento e greve e rimedia al ritmo col tripudio di frattaglie noto. Se i thriller crescono sui nervi dello spettatore e librano in alto grazie alle scene gore, l'horror s’allarga a colpi bassi fino a fare dell’atrocità la pietra angolare d’ogni autorità estetica. Va bene la concezione profonda dell'atmosfera, ma resta la sensazione che il film non basti a se stesso. Alcune scene poi non si sa esattamente come prenderle: genio o ostinazione d’innanzi all’impossibilità dei mezzi? Va da sé che un film di Fulci "sale" sempre il giorno dopo...

Homesick 22/11/07 18:40 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Per il suo esordio nell'horror vero e proprio, Fulci ricupera le leggende caraibiche sui morti viventi già trattate da Tourneur creando un interessante mix di generi: l'avventuroso (l'ambientazione esotica), il thriller (la Karlatos spiata nella doccia), il western (l'antico cimitero, l'assedio finale) e, soprattutto, il gore, che raggiunge l'apice nella famigerata sequenza dell'occhio. Indimenticabile score di Frizzi. Film povero di mezzi, ma visivamente efficacissimo.

Il Gobbo 2/12/07 21:08 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Trionfo dell'artigianato italico e grande rilancio del Fulcione in crisi. Rozzo quanto si vuole, ma efficace, come certi vecchi centravanti alla Boninsegna, che alla fine fra una gomitata e l'altra il gol lo infilavano. E anche questo ne infila più d'uno, malgrado il cast terrificante e la povertà visibile (ma i numerosi cloni lo supereranno in penuria). Memorabili vette trash l'apparizione di Ugo Bologna (!) e l'incontro di wrestling zombi-squalo. Il finalone poi fa sempre la sua figura.

Ciavazzaro 17/03/08 05:58 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

E il buon Fulci mette mano per la prima volta al genere zombesco, riportandolo all'origine del mito haitiano. Lo aiuta un ottimo cast, su cui spiccano Mc Culloch, Farmer e l'attore feticcio Al Cliver (ma c'è anche la partecipazione del bravissimo Ugo Bologna). Fulci è magistrale nella costruzione della tensione (in scene come quella della doccia della Karlatos, o quella nell'istituto medico che la gente sembra dimenticare). Bellissima anche la colonna sonora.

Herrkinski 18/05/08 23:32 - 5278 commenti

I gusti di Herrkinski

Uno dei classici fulciani. Il film offre alcune sequenze indimenticabili per i fan del genere come l'occhio trafitto della Karlatos, i banchetti antropofagi e via dicendo, anche se ogni tanto perde di ritmo, specialmente nel primo tempo. Non mancano certe assurdità nella sceneggiatura e la ridicola scena dello squalo attaccato dallo zombi acquatico rischia di affondare il film nel trash (che poi, cosa ci faceva quello zombi sott'acqua?), comunque l'opera è ampiamente riscattata da molte parti eccezionali. Non il miglior Fulci, ma notevole.
MEMORABILE: Gli zombi che invadono New York nel finale... Apocalittico!

Supercruel 11/07/08 00:56 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Ottimo horror fulciano i cui punti fermi sono senza dubbio la realizzazione degli zombi (geniale manifesto di puro horror artigianale!!!) e la presenza di alcune scene gore entrate ormai nel novero del culto assoluto. Peccato per alcune lungaggini che appesantiscono la narrazione e talune scelte pessime (lo squalo in primis) che sfiorano il ridicolo involontario. Il gore di ottima qualità, però, fa chiudere un occhio sugli aspetti ingenuamente negativi dell'opera. Classico.

Patrick78 20/01/09 16:17 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Zombi 2 si può definire come l'unico film di Fulci qualitativamente sufficiente. Sicuramente debitore ai film di sua maestà imperiale George Romero, il regista italiano riesce comunque a girare un horror dall'impatto scenografico soddisfacente e dal comparto trucchi/effetti di buona levatura. Nota leggermente negativa il cast che però ha nella Karlatos la sua ragion d'essere. Un po' mangiato via il finale d'assedio che rimanda agli spaghetti-western. Buona l'apparizione del primo zombi sulla barca. Non da tramandare ai posteri però difendibile.

Bruce 27/01/09 09:29 - 1005 commenti

I gusti di Bruce

Sull’onda del successo di Romero un capitolo 2 che non ha niente a che vedere con l’originale e non è detto che ciò sia un difetto, anzi. Ne esce infatti un buon film, che ha nel ritmo la sua arma vincente. Privata di ogni velleità sociale e politica, la vicenda dei morti che assediano i vivi diventa qui un fumettone splatter e spettacolare, esotico ed avventuroso. Effetti speciali di sicura efficacia, ottima ambientazione caraibica, musica incalzante. Fulci inizia qui la sua brillante parabola horror.

Markus 2/04/09 14:53 - 3327 commenti

I gusti di Markus

Sarà che ai tempi il titolo "Zombi 2" mi fece pensare a un sequel del capolavoro imprescindibile di G. A. Romero, ma questo secondo capitolo italico, l'ho trovato estremamente deludente nonché sopravvalutato. Le scene "zombesche" sono quasi tutte concentrate sul finale, che comunque considero sanguinosamente valido ma, per arrivarci, tocca sorbirsi un'ora di quasi noia. L'ambientazione esotica non mi ha mai fatto impazzire ma appare un fatto puramente personale, poiché da molti è considerato culto.

Ghostship 24/05/09 18:43 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Il primo film decisamente horror di Fulci è un sequel apocrifo dello Zombi romeriano che riscuote buon successo a livello mondiale. Il regista riprende la visione del morto vivente propria di un cinema più classico e la attualizza con scene splatter oggetto di culto. Ambientazioni quasi western, tempi dilatati, improvvise accellerazioni. È qui che nasce il Godfather of gore.
MEMORABILE: La violenza oculare alla Karlatos.

Puppigallo 30/09/09 18:13 - 4524 commenti

I gusti di Puppigallo

Violenza, cinismo, budella mangiate, carne umana strappata a morsi, compresi brandelli di collo, zombi pieni di vermi e al giusto gradi di decomposizione (alcuni quasi mummificati)...insomma, tutti gli ingredienti necessari per uno zombi movie riuscito; e questo lo è, nonostante qualche inevitabile ingenuità (una testa che si disintegra per un colpo di croce di legno; il respiro dello zombi...ma se sono morti). E' l'insieme che convince, personaggi compresi (disegnati in modo semplice, ma efficace). Bellissimi i fotogrammi finali, sul ponte, ma anche la scena iniziale sulla barca. Notevole.
MEMORABILE: Uno zombi, sott'acqua, attacca prima una donna e poi uno squalo tigre! Mordendolo! Un plauso al regista e al suo coraggio, che va premiato.

Cotola 6/10/09 20:04 - 7603 commenti

I gusti di Cotola

Solido e riuscito horror fulciano che diverte ed emoziona lo spettatore grazie ad una storia interessante, che fila via bene sia sul piano del ritmo che su quello della “logica” (sicuramente più di altre pellicole di Fulci) e a dosi massicce di gore ben realizzato. Non molto celebrato eppure, a mio avviso, uno dei film più meritevoli del regista romano. Gli appassionati del genere non resteranno delusi.

Franz 24/12/09 15:25 - 110 commenti

I gusti di Franz

Film ben costruito, con equilibrata alternanza tra parti d'azione e ipnotiche che ci introducono nel misterioso mondo del voodoo caraibico. Gli zombi di Fulci sono davvero di grande impatto, visivamente potenti, insidiosi, "ancestrali"! La trama non devia mai troppo dalla linea principale, si parte da New York e si chiude a New York; non ci si arrovella troppo in spiegazioni psico-sociologiche sulla natura dei morti viventi. Gran bell'horror. Una durata leggermente superiore poteva starci.
MEMORABILE: Gli zombie che si incamminano verso il centro di N.Y.; il villaggio nell'isola abbandonato e percorso da venti di morte e mistero; il "lazzaretto".

Deadmarcio 21/01/10 08:14 - 27 commenti

I gusti di Deadmarcio

Falso seguito dei film romeriani, questo di Fulci, che si presenta come un ottimo zombiemovie sfuttando ottime musiche e ambientazioni molto suggestive; unica pecca del film è che serve arrivare quasi alla metà per veder i primi zombi. Per il resto si presenta comunque come un film affascinate e coinvolgente.
MEMORABILE: Le scene subacquee, la marcia degli zombies.

Capannelle 27/01/10 09:35 - 3741 commenti

I gusti di Capannelle

C'è la base tipica del genere, ritmo e dialoghi non faranno impazzire ma la mano di Fulci assicura una discreta consistenza e regala alcune pregevoli sequenze. Si va dal tocco sexy dell'immersione dell'Auretta Gay (una cine-meteora niente male) al trash dello zombie che addenta lo squalo per arrivare alla bellissima fine della Karlatos. Per il resto, frattaglie assortite e le solite cose. 2 pallini e mezzo.

D4vid 2/02/10 18:25 - 3 commenti

I gusti di D4vid

Nonostante lo stratagemma commerciale del titolo suggerisca l'idea di un sequel non autorizzato di Zombi di Romero, in realtà si tratta di un film completamente diverso che riporta la figura dello zombi al suo contesto originale: il voodoo caraibico. Realizzato in meno di 30 giorni di riprese tra New York, Roma e Santo Domingo, questo truculento zombi movie "low budget" segna l'ingresso di Fulci nel genere gore di cui sarà presto definito il maestro. Ottimi gli effetti artigianali di Giannetto De Rossi, efficaci le musiche di Frizzi.

Trivex 29/03/10 21:30 - 1505 commenti

I gusti di Trivex

Prodotto zombies totale! Italiano d'origine, ma lustrato yankee per giustificata opportunità, è un vero cult di genere. Sinceramente, non sono un estimatore dei morti-semoventi, in particolare in questa versione pura, ove alla fine la storia indietreggia di fronte alle scene splatter and gore. Qui, però, a solleticarmi quando cala la palpebra, ci pensano alcuni passaggi pesanti, d'antologia horror. Lo scontro subacqueo è incredibile, ma anche molto trash, mentre il finale è il preludio all'apocalisse. Non ho notato implicazioni sociopolitiche e ne sono lieto.

Bergelmir 5/06/10 07:12 - 160 commenti

I gusti di Bergelmir

Film dalla partenza incerta, ma che presto si riprende grazie ad una regia intelligente e ad un'ambientazione esotica di buon effetto. Fulci ripropone infatti il mito del morto vivente, all'epoca popolare grazie a Romero, riportandolo però allo zombi originario del Vudu haitiano. L'elemento avventuroso-straniante dei Caraibi, gli effetti speciali e alcune sequenze chiave, come le riprese subacquee e la bunuelliana violenza oculare alla Karlatos, tutto l'insieme concorre a realizzare una vera e propria aggressione visiva.

John trent 5/07/10 20:25 - 326 commenti

I gusti di John trent

L'incipit con la barca alla deriva, con tempi e montaggio assolutamente perfetti, andrebbe studiato nelle scuole di cinema. Da lì comincia l'incubo che ci porta nella terra originaria deli zombi (Haiti), in barba al titolo e in barba a qualsiasi legame con il capolavoro di Romero uscito l'anno prima. Il gore di Fulci raggiunge picchi altissimi (la scheggia di legno nell'occhio, giugulari addentate e strappate, frattaglie a gò-gò e teste esplodenti) e il finale apocalittico è uno tra i più belli mai girati dal regista romano. Fantastico.
MEMORABILE: La scena subacquea in cui uno squalo sta per aggredire Auretta Gay ma viene a sua volta aggredito e morso da uno zombi!!!

Gestarsh99 26/09/10 17:26 - 1334 commenti

I gusti di Gestarsh99

Fonte di una surreale diatriba tra Fulci ed Argento (curatore della versione italiana di Zombi), questo film rappresenta la primissima incursione nell'horror del burbero regista romano. "Zombi 2" ha avuto il merito di riportare il mito dei morti viventi alle sue origini caraibico-haitiane (abbandonate rivoluzionariamente da Romero nel 1968), mantenendo però intatti sia il clima di assedio che la voracità antropofaga presenti negli illustri predecessori. Le note gravi e catacombali delle musiche di Frizzi creano un'atmosfera infernale ed apocalittica.
MEMORABILE: L'incredibile zuffa subacquea tra lo zombi ed un bell'esemplare di pescecane cloroformizzato a dovere...

Pinhead80 17/09/10 12:06 - 4002 commenti

I gusti di Pinhead80

Si torna nel luogo d'origine degli zombie, ovvero nell'isola di Haiti, con tanto di annessi e connessi riti vodoo. Ma questo, purtroppo, non basta a fare un buon film. L'incipit iniziale non è male, ma lo sviluppo è decisamente lento e sottotono. Da segnalare come buone un paio di scene (la lotta tra lo zombie e lo squalo è fantastica e il finale), il resto è noia.
MEMORABILE: La lotta sottomarina tra lo zombie e lo squalo.

Deepred89 18/09/10 20:09 - 3306 commenti

I gusti di Deepred89

Celeberrimo horror decisamente sopravvalutato. Il punto di forza risiede senza dubbio nelle scene splatter, abbondanti e ben realizzate, ma per il resto il film lascia piuttosto a desiderare. Ritmo blando, trama poco coinvolgente, effetti speciali (quando non splatter) ben poco speciali, interpretazioni di routine, musiche poco convincenti. Fulci ci mette il mestiere ed un paio di scene memorabili (vedi sotto), garantendo al film la sufficienza. Ma al di sopra di essa non si sale.
MEMORABILE: La lotta squalo-zombi e il finale: due sequenze giustamente celebri. Cult anche l'occhio di Olga Karlatos.

Mdmaster 30/09/10 18:21 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Probabilmente il miglior film di zombie uscito dall'italico suolo in quegli anni. Fulci cavalca l'onda Romeriana e porta i morti viventi nel loro habitat "naturale". Pochi mezzi, ma quelli giusti; Zombi 2 per quanto paghi (sul cast) l'essere il solito film di serie B, tutt'ora possiede sequenze che definire memorabili mi sembra poco. In qualche modo, si riuscì a elevare anche sopra prodotti meglio finanziati e prodotti. Fortunatamente Fulci mantenne il suo talento visionario ancora per qualche anno, ma qui è a uno dei suoi massimi picchi.
MEMORABILE: La colonna sonora di Frizzi che accompagna l'uscita di polverosi zombie da arcaiche tombe... è qualcosa di divino.

Enzus79 6/11/10 22:05 - 1845 commenti

I gusti di Enzus79

Fare meglio di George A. Romero era impossibile, dato che l'americano è lontano anni luce. Però la storia mi è parsa abbastanza coivolgente e originale. Insieme a Non si sevizia un paperino, per me questo è il miglior film di Lucio Fulci. Credevo peggio...

Von Leppe 8/11/10 16:36 - 1045 commenti

I gusti di Von Leppe

Horror molto riuscito, sulla scia di Romero. Questo si ispira al culto classico degli zombi dei Caraibi e chiaramente dal 1968, data di uscita di Night of the living dead, non c'è zombi che si rispetti che non sia antropofago. Ma Fulci ha uno stile molto personale e violento e in più i suoi morti viventi sono: sfigurati, decomposti, insanguinati e persino mummie come quelle del cimitero dei conquistadores spagnoli (una delle scene migliori del film insieme a quella della scheggia nell'occhio). Il film è potente e si impone allo spettatore.
MEMORABILE: The boat can leave now.

Greymouser 27/03/11 13:42 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Lucio Fulci si inserisce, con questo film diventato un classico, nel filone della prima generazione di pellicole sugli zombi, negli anni d'oro di questo sottogenere aperto da Romero. Dal punto di vista visivo, il lavoro è fascinosamente macabro, e il soggetto cerca di riportare la tematica alle sue origini "storiche" di ascendenza voo-doo. Onestamente, la trama in complesso è abbastanza elementare e scontata, ma Fulci sostiene l'esile script con efferate visioni da incubo.

Giùan 19/06/11 12:29 - 3044 commenti

I gusti di Giùan

Titolo derivativo a parte, si tratta di un'opera assolutamente originale del Maestro Lucio, che riprende i Living dead Romeriani nella loro epifania apocalittica facendoli partire però da dove tutto ebbe inizio: il voodoo caraibico (Tourneur e White zombie insegnano). Fatta la tara alle quasi necessarie scemerie della trama e alla recitazione un po' cosi (eccezion dovuta per Ugo Bologna), sono da apprezzare i virtuosismi registici, le scene gore e l'atmosfera thriller della prima parte, che lascia poi spazio all'azione e alfine all'orrore puro.
MEMORABILE: L'incipit con la barca alla deriva; i mostruosi Zombie insanguinati; la favolosa Auretta Gay versione sub e la lotta squalo-zombi.

Ronax 23/06/11 02:28 - 920 commenti

I gusti di Ronax

Fulci inaugura lo zombi all'italiana sulla scia del successo del capostipite romeriano. Povero e rozzo, il film deve forse proprio a questo la sua suggestione. Il crescendo apocalittico di distruzione e di morte che accompagna l'odissea dei protagonisti è reso con efficacia dal mestieraccio di Fulci e anche la musica di Frizzi, orrenda ma proprio per questo funzionale, contribuisce a tenere alta la tensione. Recitazione canina, ma le grazie di Auretta Gay con perizoma a filo interdentale alleviano per qualche attimo l'occhio dello spettatore.
MEMORABILE: La barca alla deriva nell'Hudson con le Twin Towers in vista sullo sfondo e il gruppo di zombi che pasteggia con i resti della povera Olga Karlatos.

Nmatta 14/03/12 13:47 - 18 commenti

I gusti di Nmatta

Primo horror del factotum Fulci. Nonostante il titolo ingannevole che farebbe pensare a un sequel di Zombi, un abisso lo separa dal film di George A. Romero. Effettacci (di Giovanni Corridori e Giannetto De Rossi) a gogo, tra cui la macabra scena dell'occhio rifatta da Tarantino in Kill Bill - Volume 2.

Luchi78 30/03/12 14:48 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Prima parte più vicina alle classiche commedie erotico-avventurose dell'epoca, lascia appena intravvedere quello che succederà nel seguito. Notevole la scena in cui Auretta Gay esibisce un fisico mozzafiato durante un bagno in mare (più un fantasioso scontro squalo-zombie), ma per avere altre scosse è necessario ricorrere alle apparizioni degli zombi e a tutti gli effetti speciali che, ormai entrati nel mito, hanno reso famoso questo film. Fulci è maestro nel camuffare con la sua regia una scrittura non molto interessante...

Mickes2 9/07/12 15:16 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Viziato da un'iniziale prolissità e di certo non aiutato da interpretazioni di spessore e da svariate banalità nel dipanarsi della vicenda, il film di Fulci rimane un buon esempio di horror artigianale e di mestiere. Attenzione smisurata al commento sonoro, tappeto musicale evocativo e subliminale piegato sulle atmosfere claustrofobiche, a tratti zoppicanti, di un assedio dalle dimensioni e pathos modesti ma tuttavia efficacemente vorace nelle scene più cruente (la scheggia! lo squalo!) e apocalittico quanto basta. Finale da brividi. **!

Max renn 8/09/12 19:04 - 80 commenti

I gusti di Max renn

Fulci abbandona le metafore sociopolitiche romeriane riportando il mito dei morti viventi alle sue antiche tradizioni, ovvero al regno del vudù caraibico. Il risultato è memorabile nonostante un budget modesto: il regista è in gran forma e calca la mano sugli effettacci (ottimi trucchi di De Rossi) in una sublime amalgama di crani fracassati, occhi trafitti, arterie zampillanti e smembramenti vari. Attori funzionali (bravo Johnson), colonna sonora suggestiva (solito Frizzi), location adeguate. Gli effetti sonori però rimangono un punto debole.
MEMORABILE: L'occhio trafitto della Karlatos; Lo scontro zombi-squalo; I crani tranciati a colpi di badile.

Jurgen77 8/01/13 16:54 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Bell'horror girato da Fulci con pochi mezzi. Tuttavia sceneggiatura, ambientazioni ed effetti rendono gradevole questo sequel apocrifo. Buona dose di suspance e splatter. Geniali alcune trovate quali la lotta con lo squalo, l'occhio trafitto o la camminata finale deglie zombi su New-York. Da vedere!

Maik271 12/02/13 14:18 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Sfruttando il successo di Romero, Fulci ci regala una perla della sua cinematografia, basata su un'ottima trama. Olga Karlatos sempre molto brava e bella è protagonista della scena migliore del film, che entra con merito nella storia del cinema horror. Gli effetti speciali sono molto curati, il colpo d'occhio nelle sequenze notturne con gli zombi nella foresta le ho trovate ottime e tutto il cast, esclusa Tisa Farrow poco espressiva, offre una prova dignitosa. Capolavoro del regista, sicuramente da non perdere.
MEMORABILE: La scena della Karlatos nella casa con lo zombi.

Albstef90 28/02/13 20:17 - 78 commenti

I gusti di Albstef90

Primo vero horror per Lucio Fulci. Sfruttando l'onda del successo che Zombi di Romero sta avendo nel mondo, il regista romano realizza un'opera tutt'altro che disprezzabile dosando magistralmente il ritmo del film dando spazio all'azione, alle scene splatter e a quelle più suggestive (in certi punti documentaristiche). L'unica pecca del film forse sta proprio nel cast, non proprio all'altezza, ma pellicola che comunque ha fatto scuola a Quentin Tarantino e a molti altri cineasti d'oltreoceano. Da visionare almeno una volta.
MEMORABILE: La ressurrezione degli zombi in soggettiva; La scheggia nell'occhio; La sfida subacquea tra squalo e zombi; Il finale apocalittico.

Viccrowley 29/06/13 13:12 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Viscerale opus fulciano dedicato ai morti viventi, ha un approccio totalmente differente dalle opere romeriane. E la critica alla società  consumistica del regista americano, qui si trasfigura nella poetica del decadimento della carne e dei corpi (tematica poi sviscerata totalmente nel capolavoro L'aldilà). Ritmo lentissimo ed errori a volte grossolani (la sequenza dello zombi subacqueo), ma montaggio magistrale (l'occhio trafitto daslla scheggia) e atmosfera marcescente a pacchi. Grandissimi SFX di Giannetto De Rossi.
MEMORABILE: L'occhio di Olga Karlatos; L'assedio"western" nella casa/fortino sull'isola di Matul.

Redeyes 11/12/13 07:35 - 2160 commenti

I gusti di Redeyes

È difficile esprimere un giudizio su questa pellicola. All'inizio è forte un senso di cialtronaggine (basti guardare i due poliziotti o lo stesso giornalista), abbinato a dialoghi improbabili. Dall'approdo all'isola del voodoo, invece, si cambia registro e nascono le prime inquadrature notevoli, alcuni momenti molto ben riusciti (gli zombi che escono dalla sabbia) e tutto questo cancella un make up spesso simil festa di carnevale scolastica. La storia s'impregna di tensione e si apre la via a un futuro di nuovi walkers. Da vedere.
MEMORABILE: La lotta sottomarina con lo squalo. Le mani che escono dalla sabbia.

Nicola81 19/04/14 12:36 - 2002 commenti

I gusti di Nicola81

"Quando i morti usciranno dalle tombe, i vivi saranno il loro sangue". Una battuta che sintetizza efficacemente non solo questo film, ma la precisa concezione che Fulci aveva del cinema horror, qui parzialmente anticipata e definitivamente codificata nella cosiddetta "Trilogia della morte": violenza esasperata, splatter estremo, forte pessimismo. Oltre alla regia, il punto di forza è l'aver ricondotto alle sue origini il mito dei morti viventi. Johnson il migliore in un cast non fenomenale; la Karlatos, ancora bellissima, si vede troppo poco.
MEMORABILE: Le morti della Karlatos e della Gay; Gli zombi che escono dalla sabbia; Il lazzaretto; L'assedio degli zombi; Il finale.

Schramm 15/02/15 17:46 - 2446 commenti

I gusti di Schramm

Prima di elevare a monolite il grand-guignol più temerario, il nostro poete du macabre di fiducia (per risonanze più vicino a De Ossorio e Rollin che a Romero) se la prende concentrica, con 30' d'incipit più cadaverici de li mortacci haitiani, quindi ecco la famigerata alzata d’ingegno cardoniana a far perdere ogni credibilità a un prodotto punzonato da una trasandatezza interpretativa imbattibile (avallata da un doppiaggio scoraggiante). Indi la sacra triade Fulci-Trani-De Rossi sbanca. Ma la pasta è scotta, e se spaghetti-zombi ha da essere, tanto vale buttarsi sullo sbrigliato zio Bruno.

Jena 28/04/15 18:52 - 1216 commenti

I gusti di Jena

Meno interessante degli altri cult fulciani, risente un po' troppo del confronto con i paralleli film zombeschi di Romero, che effettivamente sono di un altro livello. Certo Fulci trova una sua originalità proponendo un'ambientazione caraibica che ricorda più i primi film del genere tipo Ho camminato con uno zombi o L'isola degli zombies ed è questo il valore maggiore del film. Gore tutto sommato contenuto e alcune scene efficaci (tipo la marcia finale dei morti viventi sul ponte verso Mahnattan). Mi aspettavo di più però!

Fulcioso70 31/05/15 17:24 - 8 commenti

I gusti di Fulcioso70

Zombi 2, ovvero: come ti (re)invento gli zombi di Romero... all'italiana. Il maestro Fulci (qui nelle vesti di sciamano...), ripropone i mostri in forma d'uomo risorto, collegandoli alle leggende sui veri morti viventi (i terribili "Tonton Macoute" del dittatore tahitiano Duvalier vi dicono nulla?). Pellicola madida di marcescenza e senso d'oppressione... Cinema dell'assedio allo stato puro. Memorabile Richard Johnson nei panni del Dr. Menard, "il medico degli zombi"...
MEMORABILE: "Ora il battello può partire..."

Ultimo 9/07/15 17:54 - 1383 commenti

I gusti di Ultimo

Ottimo esempio di cinema splatter firmato Lucio Fulci. Nonostante sia indubbiamente ispirato allo Zombi di Romero il film non sa assolutamente di già visto, grazie a una vicenda coinvolgente ambientata quasi interamente su un'isola caraibica. Memorabili le scene dell'occhio della povera Olga Karlatos e il morso dello zombi fuoriuscito dal terreno. Buona la prova del cast e finale da brividi. Unica nota stonata: una prima parte a tratti poco coinvolgente. Nel complesso, notevole!

Didda23 22/10/15 16:14 - 2297 commenti

I gusti di Didda23

Pur non esaltandomi con il Fulci "horror", devo ammettere che questo lavoro mi ha conquistato, nonostante una prima parte dal ritmo un po' troppo dilatato. L'artigianato italiano ai suoi massimi livelli, con un Giannetto De Rossi in stato di grazia (effetti speciali che non hanno nulla da invidiare agli americani) e un Fulci che dosa inventiva e coraggio (lo scontro zombi-squalo) con tocchi poetici non preventivabili (il finale è meraviglioso). Sorprendenti i dialoghi, molto meno idioti di quanto uno potesse immaginare nella pre-visione. Buono, con punte di eccellenza assoluta.
MEMORABILE: Il cameo di Fulci; Il finale poetico.

Wangyu 23/07/16 02:21 - 93 commenti

I gusti di Wangyu

Ha un'atmosfera particolarmente accattivante. La scena al vecchio cimitero spagnolo con quella musica fa accapponare la pelle. La misteriosa barca alla deriva, i vermi che escono dai teschi, lo zombi sott'acqua... E potrei continuare, citando le tante sorprese macabre. Mi ritengo fortunato di averlo visto al cinema nel 1979 (che è tutt'altra cosa, rispetto alla visione televisiva). Il miglior film di zombi in assoluto.

Impi3gato 14/07/16 22:53 - 26 commenti

I gusti di Impi3gato

I riferimenti al capolavoro di Romero si fermano al titolo. Fulci dimostra di saper gestire la tensione e l’atmosfera che un buon horror richiede in diverse scene memorabili, prima fra tutte quella dell’occhio. Dopo un incipit travolgente il film scorre piacevolmente senza pretendere troppi sforzi intellettivi allo spettatore, immergendolo nei selvaggi ambienti delle antille che evocano arcani riti voodoo. Molto solido sotto tutti gli aspetti. Bellissime le musiche.
MEMORABILE: La lotta zombi-squalo; Il finale folgorante.

Daidae 5/09/16 04:13 - 2761 commenti

I gusti di Daidae

Sicuramente uno dei migliori prodotti degli anni 70-80 in fatto di film dell'orrore: pur sfruttando nel titolo il famoso film di Romero, se ne distanzia di parecchio. Il trucco dei morti viventi ad esempio l'ho trovato migliore: fanno decisamente più impressione. Gli attori non sono malaccio e il film è avvincente, salvo che nella scena di lotta con lo squalo, veramente ridicola. Splendida la colonna sonora, uno dei migliori film di Fulci.
MEMORABILE: La scheggia di legno; Il cimitero dei conquistadores.

Myvincent 22/09/16 08:48 - 2602 commenti

I gusti di Myvincent

Fulci affronta il tema dei morti viventi (così commercialmente favorevole allora) riportando la scena ai primordi, fra leggende caraibiche e rituali voodoo. Lo fa con un lavoro pulito e impeccabile anche sul piano scenografico, con invenzioni a basso costo ma efficacissime ed eleganti. Cast tanto anonimo quanto appropriato e un Giannetto De Rossi che sgrana effetti e teste da morto come non se ne erano mai viste prima. Cultissimo senza tempo.
MEMORABILE: Olga Karlatos alle prese con la leggendaria scheggia di legno; Il cimitero degli antichi conquistatori spagnoli.

Taxius 27/09/16 20:18 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Zombi 2 rappresenta l'esordio nel mondo horror per il buon Fulci ed è un esordio coi fiocchi. La storia è ambientata principalmente in un'isola caraibica pressoché deserta tra riti voodoo, zombi pieni di vermi e scene di efferata violenza (mitica quella dell'occhio). Gli effetti speciali e la colonna sonora sono di alto livello e se non fosse per qualche trovata un po' trash, come lo zombi nuotatore mangia squali, il film sarebbe un piccolo capolavoro. Da riscoprire e vedere soprattutto per gli amanti del genere.

Rufus68 5/10/16 22:30 - 3147 commenti

I gusti di Rufus68

Bellissimo l'incipit, fetido di morte e putrefazione, colla barca a vela che reca il contagio come nel capolavoro di Stoker. Poi la storia (pur godibile) smarrisce quell'atmosfera; Fulci inizia a frullare di tutto, da Lo squalo a L'isola del dottor Moreau (riadattato a Menard), dai nudi femminili al gore, da Carpenter (l'assedio finale) sino allo zombie movie vero e proprio che, almeno qui, non è che la rivisitazione degli storici cannibal italiani dei Settanta. Non male.

Fedeerra 26/10/17 05:25 - 466 commenti

I gusti di Fedeerra

La prima regia horror di Fulci pone subito l'acceleratore su una messinscena avventurosa quanto macabra, restando, tutt'ora, tra le più riuscite e anarchiche sperimentazioni del maestro. Tante, anzi tantissime, le sequenze divenute cult: la lotta tra lo zombi e lo squalo, l'occhio deturpato di Olga Karlatos e l'assedio sul ponte di Brooklyn. Il film è cinico e appassionato, le scene di violenza estreme ed efficaci e la chiusa finale è tra le più belle e suggestive di tutto il cinema fulciano. Brava ed eterea Tisa Farrow.

Magi94 1/01/18 22:43 - 701 commenti

I gusti di Magi94

Non sono un amante di Fulci ma questo suo primo horror lo trovo nettamente superiore ai successivi, grazie soprattutto a una sceneggiatura che si lascia seguire senza basarsi solo sullo sfruttamento degli effettacci gore. Certamente lo sviluppo della storia e la recitazione sono da B movie, ma si respira un'atmosfera malsana caraibica che rende al massimo l'orrore dell'epidemia zombi e le scene di violenza risultano sempre funzionali. Qualche calo di tono durante l'assedio, ma magnifica la sequenza finale. Musiche semplici ma efficacissime.

Anthonyvm 6/03/18 00:17 - 2116 commenti

I gusti di Anthonyvm

Fulci dà la sua interpretazione dello zombie-movie e fa un lavoro egregio. Lontanissimo dal cult romeriano, sia per approccio sia per profondità, Fulci ritorna al vudù, all'antica tradizione dei morti viventi, aggiornando però la formula grazie agli indimenticabili effetti splatter, che hanno portato al successo il film e hanno consacrato il regista come maestro del gore (ma quello sarebbe stato solo l'inizio). Un emblema del cinema bis italico, cheap ma dal forte carattere, quando ancora facevamo bei film di genere. Grande score di Frizzi.
MEMORABILE: La lotta subacquea squalo-zombi; Lo zombi con i vermi nell'orbita vuota; Il finale apocalittico.

Minitina80 25/05/19 07:42 - 2392 commenti

I gusti di Minitina80

Difficile pretendere di meglio da un film sugli zombi, se in esso è possibile trovare quei semplici elementi in grado di soddisfare l’appassionato di genere. Partendo da un soggetto scevro da ogni metafora o significato socio-politico e guardando soltanto alle radici del mito, ossia il voodoo, quello che si apre agli occhi è uno spettacolo a tratti terrificante. Tanto basta per dare sfogo a una violenza visiva il cui impatto perdura intatto nel tempo. Non sono da meno le atmosfere torride e sudaticce che fanno da sfondo al massacro.
MEMORABILE: Il vecchio cimitero spagnolo; L’assedio finale; Gli zombie sul ponte.

Bubobubo 29/02/20 17:25 - 1231 commenti

I gusti di Bubobubo

L'irruzione in pompa magna di Lucio nel genere zombesco, pur regalando un classico degli anni a venire, non è tra le migliori prove della sua filmografia né fra i titoli più rinomati di quegli anni frenetici. Rimane un buon horror, a tratti molto buono (memorabili l'assalto alla villa dei Menard e gli ultimi venti, tesissimi minuti), i cui difetti principali, tuttavia, sono una gestione della tensione a corrente alternata e una distribuzione alquanto disomogenea dell'azione. Pregevole, come sempre, la colonna sonora di Fabio Frizzi.
MEMORABILE: Gli ultimi 20'.

Siska80 1/11/20 20:17 - 828 commenti

I gusti di Siska80

Lucio Fulci dirige il suo primo horror mostrando da subito il suo stile inconfondibile fatto di atmosfere lugubri, personaggi sinistri e utilizzo dello splatter. Tuttavia la trama non mostra segni di originalità (i morti risorgono per ragioni legate al vodoo, cosa già vista in altre pellicole), il ritmo è incostante, anche se ci sono varie scene rimaste giustamente celebri come ad esempio la lotta subacquea tra zombi e squalo, oppure l'invasione del ponte di Brooklyn (inquietante ma troppo breve).
MEMORABILE: Lo scontro tra vivi e morti nella struttura ospedaliera, che ricorda quello presente nel successivo L'aldilà dello stesso regista.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Deepred89 • 15/08/17 02:49
    Comunicazione esterna - 1429 interventi
    Noncha17 ebbe a dire:

    E, io crederò che sia quella finchè qualcuno non mi dimostra/faccia vedere che sia la stessa proiettata nei cinema ai maggiori di diciott’anni nell'anno in cui uscì!


    Come scrivevo la copia vista al Trevi, ovvero la copia censura, corrispondeva al master Cinekult (ammetto di non aver fatto caso ai titoli di coda).

    Ipotizzando però che mi siano sfuggite delle scene o che mi stia inventando tutto (cosa teoricamente possibile), spingerei a osservare i metraggi di Italia taglia. Premessa: come è già stato rilevato da tempo, Italia taglia inverte i metraggi dichiarati coi metraggi accertati (come prova si controllino le schede con il visto originale scansionato). Seconda premessa: 1 minuto di film a 24fps corrisponde a 27,36 metri.

    L'edizione VM14 di Zombi 2, del 1989, ha un metraggio accertato di 2352 metri, che corrispondono a 86 minuti a 24fps e a circa 82 minuti e mezzo a 25fps. Dato che il Cinekult dura 87' a 25fps, esso risulta di ben 5' minuti più lungo in più rispetto alla riedizione cut a cui la fascetta fa riferimento e quindi non può coincidere con essa.
  • Homevideo Noncha17 • 15/08/17 02:55
    Magazziniere - 1073 interventi
    Se la metti così, allora ok.. ;)

    Ma, mi sai dire anche se i 140 metri di cui si parla su Wikipedia (nota presa dal libro di Paolo Albiero & Giacomo Cacciatore - Scheda su Zombi 2 presente in Il terrorista dei generi. Tutto il cinema di Lucio Fulci, Roma, Un mondo a parte, 2004, p. 382, ISBN 88-900629-6-7.) corrispondono a quei circa cinque minuti..? Curiosità! :)


    Edit: secondo i tuoi dati corrispondono.

    Allora, forse possiamo stare tranquilli! :)
    Ultima modifica: 15/08/17 02:57 da Noncha17
  • Homevideo Zender • 15/08/17 08:17
    Consigliere - 43741 interventi
    Noncha come da comunicaz di servizio non si posson metter fotogrammi fino al mio ritorno.
  • Homevideo Noncha17 • 15/08/17 15:54
    Magazziniere - 1073 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Noncha come da comunicaz di servizio non si posson metter fotogrammi fino al mio ritorno.

    Ok, mi fermo qui..l'ho letta ora!

    Buone vacanze! :)
  • Homevideo Zender • 15/08/17 17:57
    Consigliere - 43741 interventi
    Grazie.
  • Homevideo Buiomega71 • 16/01/19 11:23
    Pianificazione e progetti - 22093 interventi
    Tra i miei contatti di FB leggo che la messa in onda notturna Mediaset di Zombi 2 è stata massacrata dai tagli (come si supponeva, del resto). Probabilmente stesso master ultracensurato della defunta Duel Tv
    Ultima modifica: 16/01/19 11:25 da Buiomega71
  • Homevideo Caesars • 17/06/19 16:41
    Scrivano - 11254 interventi
    Partita la start-up di CG per la realizzazione del bluray di questo film.
    Copio e incollo dal sito:


    L'EDIZIONE CONTERRA':

    1. BLU-RAY del film Master HD da restauro 4K

    2. Artwork esclusivo ed inedito nella slipcase di cartone

    3. Artwork alternativo per l'Amaray interno

    4. 1 Card da collezione

    5. Booklet inedito ed esclusivo in collaborazione con Nocturno Cinema

    6. Extra:

    La leggenda di Zombi 2: interviste a Dardano Sacchetti, Elisa Briganti, Fabio Frizzi, Giannetto De Rossi, Sergio Salvati
    Quando i morti camminarono sulla Terra: interviste ad Al Cliver, Ian McCulloch, Richard Johnson, Ottaviano Dell'Acqua
    La notte americana del dr. Fulci: intervista a Lucio Fulci
    Zombie at Cinema Wasteland
    30 anni di Zombi 2
    Trailer
    Trailer originale
    7. Il nome di tutti i partecipanti alla Start Up all'interno della confezione

    8. Copia numerata e limitata (500 copie)

    9. Packaging: Slipcase, Standard Box Clear 1 Tray
  • Homevideo Zender • 17/06/19 18:25
    Consigliere - 43741 interventi
    Credo sia uno dei primi horror usciti in bluray con traccia italiana, credo il primo che io abbia mai comprato (Blue Underground, area free sottotitoli escludibili). Ce l'ho da una vita e nel frattempo sempre con l'italiano ne sono uscite parecchie versioni. Secondo me potevano scegliere un titolo che avesse più senso...
  • Curiosità Siska80 • 2/03/20 11:46
    Call center Davinotti - 421 interventi
    Richard Johnson, scelto per il ruolo del dottor David Menard, riceve una sceneggiatura tradotta – e qui la definizione è perfetta – “a cazzo di cane”. Molto probabilmente è stata adattata da un italiano che non conosce l’inglese. A quel punto decide di riscriversi da solo tutte le battute (true story).
    Va leggermente peggio a Ian McCulloch, scelto per il ruolo di Peter West, che sta passando un periodo ricco di soddisfazioni personali ma non economiche.
    Il suo agente lo contatta per dirgli che lo vogliono in un film italiano, gli viene offerto un compenso altissimo rispetto ai suoi standard, con la garanzia di copertura per ogni spesa extra. Non c’è neanche bisogno di fare un provino per la parte, la produzione vuole lui, l’unica cosa che deve fare è dire sì.
    Scontata la riposta.
    Ian McCulloch è convinto di aver fatto il grande salto, è pronto per tuffarsi in questa nuova avventura e pregusta già il successo. Gli hanno detto che le riprese si svolgeranno in diverse location, che comprendono New York, Roma e i Caraibi. La prima tappa è proprio la Grande Mela.
    Per andare in America, però, Ian McCulloch ha bisogno del visto. Nessun problema, prepara tutti i documenti e nel momento in cui li consegna gli viene chiesto il motivo della sua trasferta. Lui, con un bel po’ di orgoglio, risponde “Vado a New York per girare un film”. Scattano i controlli di rito, gli viene chiesto il nome della produzione, Variety Film.
    Indovinate un po’? Non risulta nessun film a New York per conto della Variety Film.
    Ci sarà sicuramente un errore. Ian McCulloch torna a casa, chiama la produzione, spiega quello che è successo.
    La riposta che riceve lo lascia alquanto perplesso.
    Gli viene detto di non parlare assolutamente del film, di mentire, dicendo di volare a New York per piacere, per una semplice vacanza. A quel punto Ian McCulloch capisce che il suo sogno di successo è lontano dall’essersi realizzato e vola a New York per la sua “vacanza” (true story).
    Quindi, sì, le riprese di Zombi 2 a New York si sono svolte nella più totale illegalità, senza il minimo permesso. E questo riguarda OGNI SCENA, anche il bellissimo finale ambientato sul ponte di Brooklyn. È stato girato al volo, all’alba, approfittando della luce naturale. Un po’ di make-up sul volto delle comparse e via, prima che la polizia se ne accorga! Buona la prima, ora torniamo a casa che qui stiamo rischiando grosso!

    Fonte: https://blog.screenweek.it/2018/01/la-storia-dietro-un-frame-zombi-2-corteo-illegale-dei-morti-viventi-593584.php/
  • Discussione B. Legnani • 2/03/20 11:54
    Consigliere - 13982 interventi
    Siska80 ebbe a dire:
    Richard Johnson, scelto per il ruolo del dottor David Menard, riceve una sceneggiatura tradotta – e qui la definizione è perfetta – “a cazzo di cane”. Molto probabilmente è stata adattata da un italiano che non conosce l’inglese. A quel punto decide di riscriversi da solo tutte le battute (true story).
    Va leggermente peggio a Ian McCulloch, scelto per il ruolo di Peter West, che sta passando un periodo ricco di soddisfazioni personali ma non economiche.
    Il suo agente lo contatta per dirgli che lo vogliono in un film italiano, gli viene offerto un compenso altissimo rispetto ai suoi standard, con la garanzia di copertura per ogni spesa extra. Non c’è neanche bisogno di fare un provino per la parte, la produzione vuole lui, l’unica cosa che deve fare è dire sì.
    Scontata la riposta.
    Ian McCulloch è convinto di aver fatto il grande salto, è pronto per tuffarsi in questa nuova avventura e pregusta già il successo. Gli hanno detto che le riprese si svolgeranno in diverse location, che comprendono New York, Roma e i Caraibi. La prima tappa è proprio la Grande Mela.
    Per andare in America, però, Ian McCulloch ha bisogno del visto. Nessun problema, prepara tutti i documenti e nel momento in cui li consegna gli viene chiesto il motivo della sua trasferta. Lui, con un bel po’ di orgoglio, risponde “Vado a New York per girare un film”. Scattano i controlli di rito, gli viene chiesto il nome della produzione, Variety Film.
    Indovinate un po’? Non risulta nessun film a New York per conto della Variety Film.
    Ci sarà sicuramente un errore. Ian McCulloch torna a casa, chiama la produzione, spiega quello che è successo.
    La riposta che riceve lo lascia alquanto perplesso.
    Gli viene detto di non parlare assolutamente del film, di mentire, dicendo di volare a New York per piacere, per una semplice vacanza. A quel punto Ian McCulloch capisce che il suo sogno di successo è lontano dall’essersi realizzato e vola a New York per la sua “vacanza” (true story).
    Quindi, sì, le riprese di Zombi 2 a New York si sono svolte nella più totale illegalità, senza il minimo permesso. E questo riguarda OGNI SCENA, anche il bellissimo finale ambientato sul ponte di Brooklyn. È stato girato al volo, all’alba, approfittando della luce naturale. Un po’ di make-up sul volto delle comparse e via, prima che la polizia se ne accorga! Buona la prima, ora torniamo a casa che qui stiamo rischiando grosso!

    Fonte: https://blog.screenweek.it/2018/01/la-storia-dietro-un-frame-zombi-2-corteo-illegale-dei-morti-viventi-593584.php/


    Il girare film in USA senza permessi credo proprio che fosse la regola, per i film italiani di quel periodo. Mancia al poliziotto e via...