Zenabel

Media utenti
Anno: 1969
Genere: commedia (colore)
Note: Aka "Zenabel davanti a lei tremavano tutti gli uomini". Musiche di Ennio Morricone e Bruno Nicolai.
Numero commenti presenti: 5

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/05/09 DAL BENEMERITO UNDYING
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 7/05/09 20:02 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Con un occhio a Robin Hood ed uno a Zorro, sulla direttrice dei fumetti erotici per adulti all'epoca in piena escalation (Isabella lo ricorderanno in molti) Deodato, ben lontano dai furori antropofagi e altre amenità orripilanti, dirige una sublime Lucretia Love, nei panni di una discinta (ma nient'affatto volgare) spadaccina italiana, impegnata contro l'occupazione spagnola nell'anno di grazia 1627. Pur essendo opera minore e fortemente invecchiata, può vantare un cast di tutto rispetto ed una regia che, come di consueto, mantiene vigorosamente alto il ritmo della narrazione.

124c 26/05/10 12:20 - 2755 commenti

I gusti di 124c

Avete presente "Isabella, la duchessa dei diavoli", prima sexy fumetto e poi film di Bruno Corbucci? La matrice di "Zenabel" è quella, anche se nasce direttamente per il cinema. Non è un film bello, ma nemmeno brutto, sostenuto da un umorismo che il film di Corbucci non aveva. Lucretia Love è veramente bella; simpatico, come al solito, Lionel Stander, attore americano che, per me, è nato vecchio (e un po' satiro). Quanto a John Ireland, il suo cattivo ha ben poche scene, anche se divertenti. Film sessantottino e "acido". Due.
MEMORABILE: La canzoncina femminista di Zenabel, su musiche di Bruno Nicolai e Ennio Morricone.

Homesick 20/07/11 18:28 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Visti i presupposti – erotismo boccaccesco, miserevoli tentativi di comicità e bambineschi slogan femministi per adeguarsi alle istanze sessantottine -, in mano ad un mestierante qualsiasi il film sarebbe stato uno sfacelo completo; invece evita la voragine frenando in extremis grazie alle scene di massa, chiari indizi dell’abilità registica che Deodato potrà meglio dimostrare nei lavori successivi. Sprecate le guest-stars Lionel Stander e John Ireland, costrette ad umilianti ruoli.

Motorship 18/06/13 22:37 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Film un po' strano per dir la verità, ma comunque niente male e anche divertente. Deodato dirige discretramente e il ritmo è piuttosto elevato, il che rende il film godibile. Le parti erotiche poi non sono volgari. La protagonista Lucretia Love è davvero molto bella e se la cava bene, così come anche il resto del cast funziona, in particolare Lionel Stander e John Ireland (quest'ultimo nel ruolo del cattivo). Belle le scenografie e le musiche di Morricone e Nicolai. **!

Panza 6/03/17 17:28 - 1487 commenti

I gusti di Panza

Di particolare e memorabile c'è solo la venatura femminista insita nella caratterizzazione della protagonista, eroina ribelle interpretata da un'affascinante Lucretia Love, mentre tutto il resto - nonostante una certa vivacità nella fotografia e nel succedersi delle scene d'azione e di quelle erotiche - non lascia il segno. Nonostante una regia che dimostra di saperci fare (bella la scena iniziale bucolico-idilliaca sui titoli di testa), sopratutto nel secondo tempo diventa ripetitivo perdendo di ritmo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 10/08/09 08:25
    Scrivano - 7638 interventi
    Nello stesso periodo Bruno Corbucci girò un'altra versione ispirata al celebre fumetto* realizzando Isabella, duchessa dei diavoli. *celebre fumetto: pubblicato dalla Ediperiodici, dal 2 aprile del 1966 al 10 ottobre 1976 uscirono 263 numeri di Isabella, disegnata da Sandro Angiolini su testi di Giorgio Cavedon, anche sceneggiatore del film di Corbucci
  • Musiche Ciavazzaro • 17/03/10 09:54
    Vice capo scrivano - 5595 interventi
    Musica di Bruno Nicolai: http://www.youtube.com/watch?v=56DuJrxeNrw
  • Discussione Trivex • 6/08/14 10:34
    Segretario - 1292 interventi
    Reperito e curiosissimo di guardarlo. Dal "sito delle forbici", constato che il film è passato col divieto ai 14 nel 1969, senza tagli. Dai pezzetti che avevo visionato, direi che non sono stati severi (per l'epoca, ovviamente).
    Ultima modifica: 6/08/14 10:34 da Trivex
  • Homevideo Mirrrko • 17/02/16 14:22
    Galoppino - 143 interventi
    Il dvd tedesco della DONAU FILMS è composto in gran parte da una pellicola molto rovinata in 35mm e 4 sequenze più "audaci" che non si erano mai viste, compreso un finale posticcio. Queste sequenze pur essendo nello stesso contesto e con i soliti attori, sembrano totalmente estranee dal montaggio originale... Comunque la vecchia VHS italiana è un pò più corta, ma ha delle sequenze in più rispetto al dvd e le canzoni della colonna sonora cantate in italiano. Screen 1:16:08
    Ultima modifica: 17/02/16 14:38 da Zender