LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Edificante parabola d'una ragazza (Deschanel) che ha sofferto per due genitori incapaci di trasmetterle l'affetto necessario e che raggiunge dopo anni di lontananza il padre (Harris) all'indomani della morte della madre. Reese vive da sola a New York, sta faticosamente cercando una strada come attrice e nel frattempo sbarca il lunario lavorando al bancone d'un bar, ma quando viene a conoscenza della triste notizia decide di tornare lì dove ancora risiede il padre, scrittore di grande successo così come lo era sua moglie, anche se in un ambito letterario molto diverso. Potrebbe guadagnare centomila dollari se passasse, a una giornalista che gliele chiede insistentemente, le lettere che i suoi celebri genitori si...Leggi tutto scrivevano molto tempo addietro e di cui lei è di fatto proprietaria, ma Reese sulle prime nicchia. Non troppo a lungo però, perché il motivo per cui s'incammina verso la casa di papà è anche quello di recuperare proprio quelle lettere. Una volta lì si accorge che nella casa non abita lui ma uno strano tipo (Ferrell) con una ragazza più giovane (Warner). Non sembrano nemmeno stare insieme i due, visto che il primo è un sedicente rocker "cristiano" un po' tardo e lei una ex alunna dei corsi del padre. Quest'ultimo si scopre vivere nella dépendance, seppellito tra i libri e decisamente invecchiato (si riconosce che è Ed Harris solo osservando le foto sul retrocopertina dei suoi romanzi, quando non era ancora coperto da barba e capelli arruffati). Presentatasi con atteggiamento cinico e strafottente (non è nemmeno andata al funerale della madre), la malinconica Reese scoprirà una sconosciuta profondità di sentimenti e un affetto che non sospettava di avere nei confronti del genitore. E Will Ferrell? Se ne sta in casa a provare la chitarra, a organizzare meticolosamente i pranzi e le cene, a discorrere con la coinquilina e a cercare di instaurare un qualche tipo di rapporto con la nuova venuta. Per il suo personaggio stralunato sarebbe anche perfetto, solo che è un ruolo marginale: al centro sta in tutto e per tutto la Deschanel, perché è sulla maturazione del suo carattere che il film di Adam Rapp (anche autore unico della sceneggiatura) si fonda usando il linguaggio tipico degli autori americani che cercano di comunicare dirigendo film di spessore; la delicatezza e il tocco soave trovano la sponda perfetta in musiche mai fuori luogo, in una misura che vuol essere eleganza (pure formale) ma si traduce quasi sempre in un'inconsistente inconcludenza di fondo, in passaggi di prevedibile comunione sentimentale e altri di altezzoso scontro tra la protagonista e l'ex studentessa. Non si può non riconoscere a WINTER PASSING una gradevolezza data dalla professionalità della confezione e dalla buona interpretazione del cast, ma gli manca un'accettabile capacità di coinvolgimento: tutto appare freddo, distaccato, un po' come l'inverno che il titolo sottolinea e che bene la fotografia riprende nei suoi corretti toni decadenti. Alla fine, però, poco resta in mano e ci si accorge di quanto sia artificialmente resa la figura di Harris, che si vorrebbe cardine, e quanto ruffianamente quella di sua figlia (comunque ben inserita nel contesto dalla brava Deschanel). L'unico personaggio realmente interessante e originale è forse proprio quello di Ferrell, e più per merito del suo interprete che non della sceneggiatura.  
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/10/20 DAL DAVINOTTI

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.