LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/02/13 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 10/02/13 10:32 - 4544 commenti

I gusti di Puppigallo

Il mostro buono che cambia le cose non è certo una novità nel panorama filmico; e il target teenageristico al quale la pellicola è rivolto è più che evidente. Ma almeno il tutto non è girato male, nonostante l'ironia della situazione venga sfruttata discretamente solo nei primi trenta minuti circa. Poi il film inizia progressivamente ad accartocciarsi su se stesso, con i nuovi improbabili alleati, fino all'inevitabile happy ending. Morale della favolhorror "la f... riesce a umanizzare anche gli zombi...che potenza!". Vedibile e nulla più.
MEMORABILE: La quasi conversazione tra zombi: "Fame". "Città"; I ricordi nel cervello masticato.

Pumpkh75 21/10/13 19:08 - 1349 commenti

I gusti di Pumpkh75

Sin dalle prime battute se ne intuiscono svolgimento, possibile sviluppo e morale, ma non è affatto male, sebbene molto orientato ai teen. Tecnicamente forgiato con il cesello, bella fotografia e trovate spiritose mai gratuite, paga dazio nel comparto horror, deboluccio, e nella realizzazione degli “ossuti”, francamente inguardabili. Nell’ultima mezz’ora, poi, uno zuccheroso diluvio di buoni sentimenti finisce il film a tarallucci e vino, accorciando la mia valutazione. Ottima colonna sonora. Vedibile, ma senza impegno.

Piero68 17/03/14 08:44 - 2792 commenti

I gusti di Piero68

Dall'amore vampiresco a quello zombesco. I produttori di Twilight non si smentiscono mettendo in scena uno dei più brutti zombie-movie di sempre e con un cast anonimo, in cui è difficile capire cosa ci faccia Malkovich. Molti "gli omaggi" (per non dire scopiazzature) al quarto capitolo romeriano, ma la sceneggiatura è davvero stucchevole per la sua pochezza. Insomma, una storia d'amore sic et sempliciter. Tutto il resto c'entra come i cavoli a merenda. Perché diverso quanti vuoi, ma i buchi nel plot non fanno apprezzare nemmeno i contorni.

Schramm 2/11/14 17:00 - 2483 commenti

I gusti di Schramm

Et voilà: anche li mortacci nostri svenduti, al pari dei succhiasangue, al marché delle pulci emo et bimbominkia. E sia, mandiamo giù a mal partito anche sta polpetta avvelenata degli zombi senza cervello ma con un cuor di leone grande così (in fondo chi meglio di loro possono dimostrarci che l’Amore va oltre la Morte?), ché ormai quello del morto vivente è un brand semanticamente omniapplicabile, che si presta a qualsivoglia metafora spicci(ol)a. Il filmetto mantiene un’anima adolescenziale, si fregia di una mise shoegaze tutta fruttosio, che tradotto significano 95’ di reiterati gavettoni di melassa difficili da scansare.
MEMORABILE: I primi 10' circa. Poi si può anche estrarre il dvd dal lettore.

Capannelle 23/06/15 18:10 - 3779 commenti

I gusti di Capannelle

Uff che faticaccia vederlo... Esaurita la curiosità del vedere la massa di zombie in movimento e nel constatare l'immane lavoro di makeup realizzato, la storia non propone nulla di coinvolgente e pure gli attori sono dimenticabili (a parte Corddry). Tanti primi piani sui giovanotti, dialoghi poco ficcanti (si vede che il target è adolescenziale) e musichette assortite.

Galbo 4/07/17 20:12 - 11512 commenti

I gusti di Galbo

Si fa fatica a vederlo se non si è adolescenti questo strano ibrido tra commedia horror, film sentimentale e racconto di formazione. Il protagonista è uno zombie che non vorrebbe esserlo, è buono e si innamora. Lo spunto, per quanto originale (ma poi non troppo) non viene sviluppato da una sceneggiatura scontata e all'insegna del luogo comune romantico/sentimentale dal target giovanilistico. Non aiuta la scialba prova degli attori, protagonista compreso, forse distratto dal make up.

Pesten 17/02/18 09:48 - 648 commenti

I gusti di Pesten

Piacevole favola sentimentale e di speranza per un futuro migliore a sfondo horror, basata su un bel libro. Lo scontro zombi vs umani è lo sfondo dove si svolge la storia e nonostante i produttori siano quelli di Twilight e la confezione sia ovviamente di quel tipo, vagamente zuccherosa, il risultato è nonostante tutto gradevole e divertente. Certo gli amanti dell'horror tout court potrebbero storcere il naso, ma è evidente come il prodotto sia destinato a una categoria diversa e comunque a chi non disdegna una camminata fuori porta.
MEMORABILE: L'ascolto del disco in vinile.

Jonathan Levine HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Capannelle • 22/06/15 22:27
    Scrivano - 2525 interventi
    Oops sono a mezzora ma temo che il momento memorabile di Schramm corrisponda al vero.